Mark Sittich von Hohenems

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
(Reindirizzamento da Marco Sittico Altemps)
Mark Sittich von Hohenems
Palast Hohenems Innenhof Wappen Kardinal.jpg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

Sittico altemps.jpg

{{{didascalia}}}
'
Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte 61 anni
Nascita Hohenems
19 agosto 1533
Morte Roma
15 febbraio 1595
Sepoltura Basilica di Santa Maria in Trastevere
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo 29 maggio 1560
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile 1564 dal card. Carlo Borromeo
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
26 febbraio 1561 da Paolo IV (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Mark Sittich von Hohenems, o Marco Sittico Altemps[1] (Hohenems, 19 agosto 1533; † Roma, 15 febbraio 1595) è stato un vescovo e cardinale austriaco.

Cenni biografici

Nacque a Hohenems, diocesi di Costanza, il 19 agosto 1533, figlio di Wolfgang Dietrich, colonnello generale nelle truppe di Carlo V, e di Chiara de' Medici, sorella di Gian Angelo futuro papa Pio IV e di Margherita de' Medici, madre di Carlo Borromeo. Ebbe quattro fratelli, Jacopo Annibale, Gabriele, Elena e Margaretha. In gioventù l'Altemps militò insieme a Jacopo Annibale sotto il comando di Giangiacomo Medici e si fece onore nella guerra contro Siena e in Ungheria combattendo contro i Turchi.

Fu uomo d'armi dedito anche ai piaceri e allo sfarzo, e la sua gioventù non fu certo specchio di vita cristiana. La madre avrebbe preferito avviarlo alla carriera ecclesiastica ma l'Altemps non si piegò sino alla nomina dello zio a pontefice. Sembra che a far cambiare vita al giovane uomo d'armi sia stato un pauroso incidente in carrozza nei pressi di san Pietro in Vincoli, in cui rimase illeso.

Dopo l'incoronazione dello zio a pontefice nel gennaio 1560, venne creato cardinale diacono nel concistoro del 26 febbraio 1561, il 10 marzo seguente ricevendo la berretta con il titolo dei Santi XII Apostoli. Il 27 aprile fu elevato da Ferdinando I, insieme con i fratelli Jacopo Annibale e Gabriele, alla dignità di conte dell'impero e il 29 maggio fu eletto vescovo ad beneplacitum S.S. di Cassano Ionio, sede retta sino al 1556 dallo zio. Eletto dal capitolo della cattedrale, il 24 ottobre 1561 venne preconizzato vescovo di Costanza. Il 10 novembre fu nominato arciprete della basilica di San Giovanni in Laterano. Fu legato pontificio al Concilio di Trento dove mise al servizio della curia romana la sua abilità diplomatica e le sue relazioni con le corti e con i principi tedeschi. Nel dicembre di quell'anno divenne governatore della delegazione apostolica di Fermo. Passò poi all'ordine del presbiterato sotto lo stesso titolo il 30 luglio 1563 che poi mutò successivamente in quello di san Giorgio in Velabro nel 1577, di santa Maria degli Angeli ancora in quell'anno, di san Pietro in Vincoli l'anno seguente, di san Clemente nel 1579 e di santa Maria in Trastevere nel 1580, titolo che tenne sino alla morte.

Nel 1564 ricevette la consacrazione vescovile dalle mani del cugino Carlo Borromeo. In quell'anno fu pure per un breve periodo governatore di Norcia e Montagna e poi legato nella Marca anconitana. Nel gennaio 1565, durante la malattia del Borromeo, come pure nel periodo della sua visita all'arcidiocesi milanese tenuta dell'agosto a dicembre, l'Altems lo rappresentò, ma soltanto per gli affari di ordinaria amministrazione, nelle funzioni di segretario di stato. Sempre nel 1565 si dibatté a Roma la questione dell'invio di un legato alla dieta imperiale che avrebbe dovuto aver luogo prima del 1564 e che, rimandata al 1565, si tenne effettivamente nel 1566. L'Altems sotto Pio IV fu uno dei candidati più quotati, nonostante le insinuazioni rivoltegli nella dieta dei cantoni svizzeri del 9 gennaio 1565. Dal 18 agosto 1565 fu governatore di Ancona e Cereti, governatore ad vitam di Castello Stronconi nonché governatore di Capranica, carica che mantenne sino al 1588.

Prese parte al conclave del 1565-1566 che elesse pontefice Pio V, e come cardinale nipote del defunto ne ebbe un ruolo importante. Pur contrario in un primo momento alla elezione di un frate, sostenne poi la candidatura del domenicano Ghislieri. Nel complesso i rapporti dell'Altems con Pio V non furono molto buoni. Il 6 marzo l'Altems partì per Augusta dove giunse, fatta una lunga sosta a Costanza, l'11 maggio, in tempo per partecipare, ma senza alcun incarico ufficiale, alla parte finale della dieta. Di ritorno da Augusta si trattenne a Costanza nei mesi di giugno e luglio e sembra che in questo periodo fosse pervaso da un certo fervore di riforma.

Nonostante la scelta di abbracciare la carriera ecclesiastica, non cambiarono i suoi costumi: continuò a mantenere relazioni con una donna, anche dopo la sua creazione a cardinale e la nomina a vescovo di Costanza. Dall'unione ebbe un figlio naturale poi legittimato di nome Roberto, nato nel 1566, e una figlia di nome Altea, divenuta monaca nel monastero di sant'Ambrogio alla Massima col nome di Giovanna il 13 novembre 1583, e vi morì il 26 luglio 1619.

In qualità di cardinale diacono ebbe grande influsso in particolare sulle elezioni di Pio V, di Gregorio XIII e Sisto V. Impegnato soprattutto nel creare una propria dinastia a Roma, con l'accumulo di un ingente patrimonio finanziario e immobiliare, trascurò la sua diocesi e in modo particolare gli ecclesiastici dei cantoni cattolici della Svizzera, spesso puniti disciplinarmente per la loro condotta. La situazione non migliorò nemmeno in seguito al sinodo diocesano, svoltosi nel 1567 su pressione di Pio V. Nel 1579 si dichiarò favorevole alla visita della sua diocesi da parte del nunzio straordinario Giovanni Francesco Bonomi presso i cantoni cattolici svizzeri, e fu disposto a sostenere parte delle spese necessarie per la sua effettuazione. Non sembra estraneo a tale decisione il discreto influsso del Borromeo.

Le critiche dei suoi diocesani alla sua amministrazione, il rifiuto di Altems di nominare in seno al capitolo vicari e consiglieri per sostituirlo durante le sue assenze e le intenzioni dei Confederati di staccarsi da Costanza, lo portarono a dare le dimissione nel 1589 in favore del cardinale Andrea d'Austria, riservandosi una pensione annua di 9.000 scudi d'oro.

Nei conclavi effettuati tra la morte di Sisto V e l'elezione di Clemente VIII favorì i cardinali Castagna e Sfondrato che vennero eletti (Urbano VII e Gregorio XIV) e combatté spietatamente la candidatura già ritenuta coronata da successo di Giulio Antonio Santorio. Pur essendo quasi sempre malato, gli fu ugualmente affidata nel novembre 1592 la legazione del Patrimonio.

Morì a Roma il 15 febbraio 1595 e fu sepolto nella basilica di Santa Maria in Trastevere nella cappella da lui fatta costruire nel 1589.

Genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Vescovo di Cassano allo Ionio Successore: Stemma vescovo.png
Giovanni Angelo de'Medici 29 maggio 1560 - 11 maggio 1561 Giovanni Battista Serbelloni (Ch) I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giovanni Angelo de'Medici {{{data}}} Giovanni Battista Serbelloni (Ch)
Predecessore: Cardinale diacono pro illa vice dei Santi XII Apostoli Successore: CardinalCoA PioM.svg
Durante Duranti 10 maggio 1561- 15 maggio 1565 Marcantonio Colonna senior I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Durante Duranti {{{data}}} Marcantonio Colonna senior
Predecessore: Vescovo di Costanza Successore: Stemma vescovo.png
Christoph Metzler von Andelberg (Ch) 24 ottobre 1561 - 31 luglio 1589 Andrea d'Austria I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Christoph Metzler von Andelberg (Ch) {{{data}}} Andrea d'Austria
Predecessore: Arciprete della Basilica di San Giovanni in Laterano Successore: Roma Basilica S Giovanni.jpg
Ranuccio Farnese, O.S.Io.Hieros. 1565 - 15 febbraio 1595 Ascanio Colonna I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Ranuccio Farnese, O.S.Io.Hieros. {{{data}}} Ascanio Colonna
Predecessore: Cardinale presbitero pro hac vice di San Giorgio in Velabro Successore: CardinalCoA PioM.svg
Giovanni Antonio Serbelloni 15 maggio 1565 - 3 ottobre 1577 Giovanni Vincenzo Gonzaga, O.S.Io.Hieros. I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giovanni Antonio Serbelloni {{{data}}} Giovanni Vincenzo Gonzaga, O.S.Io.Hieros.
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Maria degli Angeli Successore: CardinalCoA PioM.svg
Gianfrancesco Commendone 3 ottobre 1577 - 3 ottobre 1578 Simeone Tagliavia d'Aragonia I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Gianfrancesco Commendone {{{data}}} Simeone Tagliavia d'Aragonia
Predecessore: Cardinale presbitero di San Pietro in Vincoli Successore: CardinalCoA PioM.svg
Stanislao Osio 3 ottobre 1578 - 17 agosto 1579 Alfonso Gesualdo di Conza I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Stanislao Osio {{{data}}} Alfonso Gesualdo di Conza
Predecessore: Cardinale presbitero di San Clemente Successore: CardinalCoA PioM.svg
Giovanni Francesco Gàmbara 17 agosto 1579 - 5 dicembre 1580 Alfonso Gesualdo di Conza I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giovanni Francesco Gàmbara {{{data}}} Alfonso Gesualdo di Conza
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Maria in Trastevere Successore: CardinalCoA PioM.svg
Giovanni Francesco Gàmbara 5 dicembre 1580 - 15 febbraio 1595 Giulio Antonio Santorio I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giovanni Francesco Gàmbara {{{data}}} Giulio Antonio Santorio
Note
  1. Il nome di famiglia fu italianizzato in Alta Emps trasformandosi poi in Altemps
Bibliografia

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.