Tomáš Týn

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Tomas Tyn, O.P.
Presbitero
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

39013991.jpg

{{{didascalia}}}
{{{motto}}}
Titolo
{{{titolo}}}
Età alla morte 39 anni
Nascita Brno
3 maggio 1950
Morte Heidelberg
1º gennaio 1990
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale 29 giugno 1975 da papa Paolo VI
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni

Tomas Tyn, in ceco Tomáš Týn (Brno, 3 maggio 1950; † Heidelberg, 1º gennaio 1990), è stato un presbitero e filosofo ceco dell'ordine domenicano.

Biografia

Di famiglia cattolica, sentì fin da giovane (intorno ai dodici anni) la vocazione al sacerdozio come religioso, in contrasto col parere della madre, che avrebbe voluto farne invece un medico.

Grazie ad una zia di origine ebraica, Marie Ritschl, poté iniziare a studiare l'ebraico, mentre grazie ad una borsa di studio poté frequentare l'Accademia di Digione, o Liceo Carnot, in Francia.

Qui conobbe il padre domenicano Henri-Marie Féret, che gli diede modo di apprezzare la figura di san Domenico di Guzmán.

I genitori, nel frattempo, a seguito dell'invasione sovietica della Cecoslovacchia (1968), dovettero fuggire dal Paese rifugiandosi in Germania. Qui li raggiunse Tomáš che iniziò così il noviziato domenicano il 28 settembre 1969 a Warburg, in Westfalia.

Portò a termine la sua formazione presso lo Studium del convento di San Domenico di Bologna, dove seguì il corso filosofico-teologico, conseguendo la licenza e il dottorato in teologia.

Il 29 giugno 1975 fu ordinato presbitero da papa Paolo VI[1].

Poiché capiva i pericoli insiti nella dottrina comunista ed aveva inoltre vissuto il clima di persecuzione di un regime ad essa ispirato, collegava con opposizione ad essa l'occasione della sua vocazione, come ricordò durante un'omelia su Fatima nel 1987[2]:

« ...è al comunismo che io debbo la mia vocazione religiosa, e sia benedetto e ringraziato il Signore »

Dal 1987 insegnò come professore di filosofia e di teologia morale presso lo "Studium" domenicano di Bologna, dove era rientrato dopo l'ordinazione sacerdotale. Cecoslovacco di origine, era ormai italiano di adozione, anche se non gli venne mai meno l'amore per il suo Paese natale.

Intrattenne un rapporto epistolare con Joseph Ratzinger (il futuro papa Benedetto XVI), allora Cardinale e Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, iniziato il 4 agosto 1985, festa di san Domenico. Tomáš Týn gli scrisse complimentandosi per il volume Rapporto sulla Fede e per parlare anche dei problemi attuali della Chiesa[3].

Come ricorda Alberto Strumia, era un estimatore delle grandi figure del movimento di Comunione e Liberazione allora viventi: Don Luigi Giussani, il fondatore, Don Francesco Ricci, che pubblicava la rivista Cseo-documentazione[4]. Si capisce chiaramente il particolare apprezzamento per il lavoro di Ricci e del suo Centro Studi Europa Orientale, a causa dell'attività di traduzione e pubblicazione dei testi dei dissidenti dei regimi comunisti. Anche su questa base, forte era la sintonia col suo discepolo Marcello Landi.

Morì il 1º gennaio 1990 a Neckargemünd, in Germania, presso l'abitazione dei genitori, per un cancro ai polmoni[5]. Sulla sua tomba, a Neckargemünd, è riportato il verso del Salmo 42: Et introibo ad altare Dei, ad Deum qui laetificat juventutem meam.

Attualmente, è in corso la causa di beatificazione.

A Rieti gli è dedicato il centro culturale Padre Tomáš Týn.

Pensiero teologico

Padre Cavalcoli, nel suo libro su Tomáš Týn, lo definisce tradizionalista postconciliare. La formula va spiegata: Týn amava certamente la Tradizione della Chiesa, che ha cercato di comprendere nella sua profondità e vitalità, tanto da dire: senza questo amore per la Tradizione non c'è vero cristianesimo[6]. Ma, chiarisce Cavalcoli: Se da una parte Padre Tomas è rispettoso della tradizione e del Magistero, dall'altra accoglie lealmente il rinnovamento conciliare nell'interpretazione autentica del medesimo Magistero.

Su queste basi, Týn affronta questioni teologiche e di etica: la grazia, il libero arbitrio, la persona.

Pensiero filosofico

La principale opera di Padre Týn, in campo filosofico, è Metafisica della sostanza. Partecipazione e analogia entis, dedicata allo studio dell'ente e di ciò da cui esso risulta: soggetto, essenza, essere.

Scritti

  • Metafisica della sostanza. Partecipazione e analogia entis, Ed. Studio Domenicano, Bologna 1991.
  • La Forza della Verità. Lezioni di teologia di P. Tomáš Týn, Diffusioni Editoriali Umbilicus Italiae (DEUI), Rieti 2012.
  • Tomas Tyn, Gli angeli in San Tommaso d'Aquino, Fede e Cultura, 2012. ISBN: 886409136X.
Note
  1. http://www.studiodomenicano.com/testi/Padre_Tomas_Tyn,_un_dissidente_della_ex-Cecoslovacchia.pdf
  2. http://www.studiodomenicano.com/testi/omelie/Il_messaggio_di_Fatima.pdf
  3. Articolo di Roberto de Mattei in cui sono riportati alcuni passi della lettera.
  4. Citato in Giovanni Cavalcoli (2007) p. 86.
  5. Cfr. Giovanni Cavalcoli, (2007), p. 23.
  6. Testo di una conferenza di Padre Týn sulla Chiesa postconciliare.
Bibliografia
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.