Alberico Archinto

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Alberigo Archinto
CoA.AlbericoArchinto.png
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"

Alberico Archinto-Anton Raphael Mengs-MBA Lyon H687-IMG 0448.jpg

Anton Raphael Mengs ritratto del cardinale
'
Titolo cardinalizio
Età alla morte 59 anni
Nascita Milano
8 novembre 1698
Morte Roma
30 settembre 1758
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale
Ordinazione presbiterale 26 maggio 1736
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile
Consacrazione vescovile 1 novembre 1739
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
Creazione
a Cardinale
5 aprile 1766 da Benedetto XIV (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Alberigo Archinto (Milano, 8 novembre 1698; † Roma, 30 settembre 1758) è stato un arcivescovo, cardinale e nunzio apostolico italiano.

Cenni biografici

Nacque a Milano il 8 novembre 1698, quinto degli undici figli di Carlo, terzo conte di Tainate, e la sua prima moglie, Giulia Barbiani, dei conti di Belgioioso. Fu patrizio di Milano e pronipote del cardinal Giuseppe Archinto che fu arcivescovo di Milano, e nipote dell'arcivescovo Gerolamo Archinto.[1]

In giovane età fu presso lo zio Gerolamo, dapprima a Firenze, dove questi era nunzio pontificio, e poi in Germania, quando egli venne destinato alla nunziatura di Colonia. Dopo studi in filosofia e teologia in quella città ebbe un prolungato soggiorno in Baviera, probabilmente all'università d'Ingolstadt, fino al 1721, anno della morte dello zio.

Rientrato a Milano frequentò l'Università di Pavia dove si addottorò in utroque iure. Venne ammesso al Collegio degli avvocati di Milano nel 1723. Nel 1724 fu a Roma, ove entrò nella curia pontificia come protonotario apostolico de numero il 10 ottobre di quell'anno. Dal 23 settembre 1728 fu referendario del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica. Nel 1730 fu vice-legato a Bologna. Relatore del Sacro Collegio della Consulta, divenne abate commendatario di Santa Maria di Brera, di San Pietro e Paolo di Viboldone e di San Pietro e San Calogero di Civate.

Fu ordinato sacerdote il 26 maggio 1736 e il 30 settembre 1739 fu nominato arcivescovo titolare di Nicea. Fu consacrato il 1º novembre nel duomo di Milano da Ludovico Calini, vescovo di Crema. Il 17 novembre fu nominato nunzio apostolico presso il Granducato di Toscana, carica che tenno fino al 1746 quando fu destinato alla nunziatura apostolica di Polonia dove rimase sino al 1754.

Rientrò presso la Santa Sede nel 1754 e fu nominato governatore di Roma, carica che tenne fino al 1756 quando venne elevato alla dignità cardinalizia da papa Benedetto XIV nel concistoro del 5 aprile. Il 24 maggio ricevette la berretta rossa con il titolo di cardinale presbitero di San Matteo in Merulana. Nel settembre fu chiamato da papa Lambertini, giunto ormai alla fine del suo pontificato, a succedere al cardinale Silvio Valenti Gonzaga quale segretario di stato, e in quello stesso mese fu nominato Vice-Cancelliere di Santa Romana Chiesa. Il 20 settembre di quell'anno optò per il titolo di San Lorenzo in Damaso, proprio di quel ruolo.

Partecipò al conclave del 1758 che elesse papa Clemente XIII. Il nuovo pontefice lo confermò nelle sue cariche. Molto stimato in curia e dal nuovo pontefice, influì negativamente sulla politica del pontefice nel confronti dei Gesuiti.

Morì a Roma il 30 settembre 1758. La salma fu esposta alla pubblica venerazione nella chiesa di San Lorenzo in Damaso ove si tennero poi le esequie e dove il cardinale venne sepolto.

Genealogia episcopale


Predecessore: Arcivescovo titolare di Nicea Successore: Archbishop CoA PioM.svg
Silvio Valenti Gonzaga 1739 - 1756 Antonio Maria Erba-Odescalchi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Silvio Valenti Gonzaga {{{data}}} Antonio Maria Erba-Odescalchi
Predecessore: Nunzio apostolico per il Granducato di Toscana Successore: Flag of the Vatican City.svg
Giuseppe Archinto
(1686-1689)
1739-1746 Antonio Biglia
(1754-1755)
I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giuseppe Archinto
(1686-1689)
{{{data}}} Antonio Biglia
(1754-1755)
Predecessore: Nunzio apostolico in Polonia Successore: Flag of the Vatican City.svg
Fabrizio Serbelloni 1746-1754 Niccolò Serra I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Fabrizio Serbelloni {{{data}}} Niccolò Serra
Predecessore: Cardinale presbitero di San Matteo in Merulana Successore: CardinalCoA PioM.svg
Luigi Mattei 24 maggio - 20 settembre 1756 Andrea Corsini I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Luigi Mattei {{{data}}} Andrea Corsini
Predecessore: Cardinale presbitero di San Lorenzo in Damaso Successore: CardinalCoA PioM.svg
Girolamo Colonna di Sciarra 20 settembre 1756 - 30 settembre 1758 Carlo Rezzonico I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Girolamo Colonna di Sciarra {{{data}}} Carlo Rezzonico
Predecessore: Cardinale Segretario di Stato Successore: Emblem Holy See.svg
Silvio Valenti Gonzaga 1756- 30 settembre 1758 Ludovico Maria Torriggiani I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Silvio Valenti Gonzaga {{{data}}} Ludovico Maria Torriggiani
Predecessore: Vice-Cancelliere di Santa Romana Chiesa Successore: Coat of arms of the Vatican City.svg
Girolamo Colonna di Sciarra 20 settembre 1756 - 30 settembre 1758 Carlo Rezzonico I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Girolamo Colonna di Sciarra {{{data}}} Carlo Rezzonico
Note
  1. Catholic hierarchy online
Bibliografia
  • Elvira Gencarelli, Dizionario Biografico degli Italiani, Vol. 3, 1961 online

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.