Bandino Panciatici

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
(Reindirizzamento da Bandino Panciatichi)
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Bandino Panciatici
Cardinale
300EP) Stemma Card. Panciatici Bandino (1629-1718).jpg
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
battezzato
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}
{{{motto}}}

PANCIATICHI BANDINO (+1718).jpg

{{{didascalia}}}
Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte 88 anni
Nascita Firenze
10 luglio 1629
Morte Roma
21 aprile 1718
Sepoltura Tomba di famiglia nella Chiesa di Santa Maria Novella (Firenze)
Conversione
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono
Ordinazione presbiterale non si hanno informazioni
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Nominato Abate {{{nominatoAB}}}
Nominato amministratore apostolico {{{nominatoAA}}}
Nominato vescovo {{{nominato}}}
Nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
Nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
Nominato patriarca 14 ottobre 1689 da papa Alessandro VIII
Nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile Chiesa di San Filippo Neri in Eurosia (Roma), 21 dicembre 1689 dal card. arc. Gasparo Carpegna
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creato
Errore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto.
(vedi)
Creato
Cardinale
13 febbraio 1690 da Alessandro VIII (vedi)
Cardinale per
Cardinale per 28 anni, 2 mesi e 8 giorni
Cardinale elettore
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Creazione a
pseudocardinale
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Consacrazione {{{Consacrazione}}}
Insediamento {{{Insediamento}}}
Fine pontificato {{{Fine pontificato}}}
Pseudocardinali creati {{{Pseudocardinali creati}}}
Sede {{{Sede}}}
Opposto a
Sostenuto da
Scomunicato da
Confermato cardinale {{{Confermato cardinale}}}
Nomina a pseudocardinale annullata da {{{Annullato da}}}
Riammesso da
Precedente {{{Precedente}}}
Successivo {{{Successivo}}}
Incarichi ricoperti
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Durata del
pontificato
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato


Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
[[File:|100px|Stemma]]
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda
Invito all'ascolto
Firma autografa
[[File:{{{FirmaAutografa}}}|250px]]

Bandino Panciatici o Panciatichi (Firenze, 10 luglio 1629; † Roma, 21 aprile 1718) è stato un cardinale e patriarca italiano.

Cenni biografici

Nacque a Firenze il 10 giugno 1629, ultimogenito dei quattro figli di Bandino di Niccolò e da Diana di Baldassarre Guadagni.

Formazione e carriera ecclesiastica

Compì gli studi superiori all'università di Pisa dove si addottorò in giurisprudenza il 23 marzo 1655. Nell'aprile 1657 giunse a Roma al seguito del neoeletto cardinale Giulio Rospigliosi. Qui esercitò la pratica forense, divenendo ben presto uno dei legali più apprezzati e stimati della capitale.

Nel 1650 papa Innocenzo X gli conferì il patronato della cappella di santa Caterina in san Giovanni Fuorcivitas a Pistoia e nel 1663 fu ammesso alla nobiltà romana.

Nel 1667 abbracciò lo stato ecclesiastico e nel 1678 fu nominato da papa Innocenzo XI segretario della Sacra Congregazione per i Vescovi e i Regolari e referendario della Segnatura.

Nel 1689 fu eletto patriarca titolare di Gerusalemme, con dispensa pontificia per non aver ancora ricevuto gli ordini sacerdotali. Fu consacrato il 21 dicembre di quell'anno a Roma dal cardinal Gasparo Carpegna.

Cardinalato

Nel concistoro del 13 febbraio 1690 papa Alessandro VIII lo nominò cardinale presbitero con il titolo di San Tommaso in Parione. Nel 1691 optò per il titolo di San Pancrazio e nel 1710 per quello di Santa Prassede (1710). Fu prefetto della Sacra Congregazione del Concilio dal 1700 alla morte.

Partecipò al conclave del 1691 che elesse papa Innocenzo XII. Dal 1699 per un anno fu Camerlengo del Collegio cardinalizio. Partecipò al conclave del 1700 che elesse papa Clemente XI. Sotto questo pontefice declinò l'incarico di Segretario di Stato per la sua avanzata età.

Morte

Morì a Roma, nella sua dimora di palazzo Bigazzini, il 21 aprile 1718. La salma venne dapprima tumulata nella Basilica di san Pancrazio, e poi traslata a Firenze, in Santa Maria Novella.

Patrimonio

Un segno della considerazione di cui godette sotto sei diversi papi furono i suoi cospicui benefici che formarono un considerevole patrimonio. Questo gli gli permise di realizzare l'imponente palazzo, pregevole esempio di architettura tardobarocca di impronta classicista, che fece costruire a Firenze, in via Cavour, oggi sede del Consiglio regionale della Toscana.

Lasciò il suo cospicuo patrimonio in eredità al nipote Niccolò di Jacopo (1679-1740) e alla sua discendenza maschile.

Genealogia episcopale

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Segretario della Congregazione per i Vescovi e i Regolari Successore: Emblem Holy See.svg
Giambattista Spinola 1º ottobre 1686-7 ottobre 1689 Giacomo Cantelmo I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giambattista Spinola {{{data}}} Giacomo Cantelmo
Predecessore: Pro-Datario di Sua Santità Successore: Emblem Holy See.svg
Stefano Agostini
(Datario)
7 ottobre 1689-4 dicembre 1700 Giuseppe Sacripante I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Stefano Agostini
(Datario)
{{{data}}} Giuseppe Sacripante
Predecessore: Patriarca titolare di Gerusalemme Successore: PatriarchNonCardinal PioM.svg
Egidio Colonna, O.S.B.Cas. 14 ottobre 1689-13 febbraio 1690 Pietro Bargellini I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Egidio Colonna, O.S.B.Cas. {{{data}}} Pietro Bargellini
Predecessore: Cardinale presbitero di San Tommaso in Parione Successore: CardinalCoA PioM.svg
Gregorio Barbarigo 10 aprile 1690-8 agosto 1691 Innico Caracciolo I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Gregorio Barbarigo {{{data}}} Innico Caracciolo
Predecessore: Cardinale presbitero di San Pancrazio fuori le mura Successore: CardinalCoA PioM.svg
Antonio Pignatelli 8 agosto 1691-19 febbraio 1710 Damian Hugo von Schönborn-Buchheim I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Antonio Pignatelli {{{data}}} Damian Hugo von Schönborn-Buchheim
Predecessore: Camerlengo del Collegio Cardinalizio Successore: Emblem Holy See.svg
Domenico Maria Corsi 3 febbraio 1699-3 febbraio 1700 Giacomo Cantelmo I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Domenico Maria Corsi {{{data}}} Giacomo Cantelmo
Predecessore: Prefetto della Sacra Congregazione del concilio Successore: Emblem Holy See.svg
Giuseppe Sacripante 4 dicembre 1700-21 aprile 1718 Pier Marcellino Corradini I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giuseppe Sacripante {{{data}}} Pier Marcellino Corradini
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Prassede Successore: CardinalCoA PioM.svg
Fabrizio Spada 19 febbraio 1710-21 aprile 1718 Francesco Barberini I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Fabrizio Spada {{{data}}} Francesco Barberini
Bibliografia
  • Elisabetta Stumpo, Dizionario Biografico degli Italiani, Vol. 80, 2014, online