Bartolomeo Portia

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Bartolomeo Portia
Presbitero
Template-Territorial Abbot.svg
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"

[[File:|250px]]

'
Titolo
Incarichi attuali
Età alla morte circa 38 anni
Nascita 1540 ca.
Morte Praga
12 agosto 1578
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale 28 dicembre 1566 dall'arcivescovo Carlo Borromeo
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile
Consacrazione vescovile [[ ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Riammesso da da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni

Bartolomeo Portia o Porcia o de Porcia (1540 ca.; † Praga, 12 agosto 1578) è stato un presbitero, nunzio apostolico e teologo italiano.

Cenni biografici

Bartolomeo nacque intorno al 1540, secondogenito di Giovanni Battista di Porcia "di sotto", conte del Friuli e della moglie Claudia di Porcia "di sopra". Completò i suoi studi di teologia con il dottorato. Secondo Torquato Tasso frequentò gli atenei di Padova e Bologna.

Iniziò la sua carriera ecclesiastica ricevendo in commendam il priorato di san Leonardo, detenuto in precedenza da un suo zio e, successivamente, nel 1562 il vicariato della chiesa di san Paolo a Mortegliano.

Trasferitosi a Roma, sotto la protezione di Carlo Borromeo, fece parte dell'Accademia delle Notti Vaticane,[1] di cui facevano parte personalità come Ugo Boncompagni futuro Papa: Francesco Alciati e Carlo Visconti futuri cardinali, Giovanni Francesco Bonomi, vescovo di Vercelli e nunzio apostolico. Nell'ottobre 1565 accompagnò Borromeo a Milano per la celebrazione del primo sinodo provinciale. Nel 1566 fu ordinato presbitero dallo stesso porporato che, in seguito, gli fece anche conferire da Pio V la commenda dell'abbazia di san Gallo di Moggio.

Nel 1569 gli fu affidata da Pio V la visita del Patriarcato di Aquileia, di cui comunicò i risultati nel 1571 anche all'arciduca Carlo di Stiria, che regnava in una parte del Patriarcato.

Papa Gregorio XIII, per salvaguardare gli interessi della Chiesa cattolica in area germanica, istituì nuove rappresentanze pontificie ordinarie e straordinarie e, in questo contesto, nel 1573 Porcia fu inviato come nunzio in Germania meridionale. La missione, durata vari anni, si svolse in stretta collaborazione con la Congregatio Germanica voluta dal pontefice. Oltre a prendere le consuete misure nell'ambito della controriforma e della lotta contro il protestantesimo, Porcia si occupò soprattutto del disciplinamento del clero secolare e regolare, della fondazione di seminari, della scelta di candidati adeguati per il Collegium Germanicum di Roma, di effettuare visite apostoliche e sinodi, di istituire tipografie cattoliche e sostenere le università cattoliche.

A partire dall'aprile 1574 soggiornò più di un anno ad Augusta. Nella città imperiale, da diverso tempo impegnata nella fondazione di una sede dei gesuiti, Porcia si adoperò per l'assegnazione ai gesuiti del convento di santa Croce, occupato solo da pochi canonici agostiniani, non riuscendo tuttavia a ottenere un risultato soddisfacente in questa complessa vicenda.

Nell'autunno del 1575 Porcia spostò il fulcro della sua azione a sudovest dell'Impero e prese residenza a Friburgo in Brisgovia, dove concentrò i propri sforzi nell'istituzione di un seminario per gli ordini religiosi e per la riforma dell'università, di grande importanza per la formazione di sacerdoti secondo il modello tridentino destinati al servizio pastorale nei vescovadi dell'alto Reno.

Nel 1573 fu incaricato di visitare le diocesi svizzere, in cui si recò tra l'aprile 1575 e la primavera del 1576. Si occupò soprattutto della diocesi di Basilea dove istituì il processo informativo in vista della nomina del principe vescovo Jakob Christoph Blarer von Wartensee e promosse la fondazione di un collegio di gesuiti a Porrentruy e influenzò la riforma ecclesiastica nella diocesi di Losanna. Lo scoppio di un'epidemia di peste gli impedì di recarsi anche a San Gallo e nel Vallese.[2]

Nella primavera del 1576 fu inviato alla Dieta imperiale di Ratisbona come consigliere del legato Giovanni Morone. Nel 1577 fu incaricato di recarsi a Colonia per far ottenere a Ernesto di Baviera prima la carica di coadiutore dell'arcivescovo, poi la dignità arcivescovile. Entrambi i tentativi fallirono.

Alla fine del 1577 fu mandato come nunzio presso la corte imperiale, ottenendo così una delle cariche di maggior prestigio all'interno della diplomazia curiale. Alla fine dell'aprile 1578 iniziò il servizio alla corte dell'imperatore Rodolfo II a Praga. Tra i molteplici temi di cui dovette occuparsi vi furono: la rappresentanza imperiale a Roma, la riforma del calendario di Gregorio XIII, la nomina di vescovi per le diocesi ungheresi vacanti, la restituzione all'abate di Fulda della sua giurisdizione, la cacciata dei predicatori protestanti da Vienna. Durante il breve periodo del suo mandato come nunzio alla corte imperiale, Porcia partecipò a due diete provinciali: quella dell'Austria Inferiore, a Vienna, e quella dell'Austria Superiore a Linz.

Il personale della Nunziatura alla corte imperiale comprendeva circa 35 persone, serviva Porcia come segretario Minuccio Minucci, futuro segretario di Stato pontificio e arcivescovo di Zara.

Di salute cagionevole, Porcia aveva appena preso dimestichezza con le sue nuove mansioni quando si ammalò gravemente a Linz. Pienamente consapevole della serietà della sua malattia, alla fine di luglio partì da Klosterneuburg per il suo ultimo viaggio verso Praga, dove arrivò il 5 agosto, morendo solo sette giorni più tardi.

Rodolfo II, che si faceva informare quotidianamente dello stato di salute del nunzio, dopo la morte del prelato delegò i più alti dignitari della corte per il corteo funebre che doveva accompagnare la salma nella chiesa dei gesuiti di Praga e per la successiva sepoltura.

Successione degli incarichi

Predecessore: Abate commendatario dell'Abbazia di San Gallo (Moggio Udinese) Successore: Flag of the Vatican City.svg
Carlo Borromeo
(1561-1567)
1567 - dicembre 1573 Giacomo Rudio[3]
(1573-1588)
I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Carlo Borromeo
(1561-1567)
{{{data}}} Giacomo Rudio[3]
(1573-1588)
Predecessore: Nunzio apostolico per la Germania meridionale Successore: Flag of the Vatican City.svg
1573 - dicembre 1577 Feliciano Ninguarda I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
{{{data}}} Feliciano Ninguarda
Predecessore: Nunzio apostolico per la Svizzera Successore: Flag of the Vatican City.svg
Giovanni Antonio Volpe aprile 1575 - primavera 1576 Giovanni Francesco Bonomi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giovanni Antonio Volpe {{{data}}} Giovanni Francesco Bonomi
Predecessore: Nunzio apostolico per il Sacro Romano Impero Successore: Flag of the Vatican City.svg
Giovanni Dolfin dicembre 1577-12 agosto 1578 Orazio Malaspina I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giovanni Dolfin {{{data}}} Orazio Malaspina
Note
  1. cfr. Carlo Cesare Montani, Accademia delle Notti Vaticane su storico.org. URL consultato il 05-03-2021
  2. cfr. Urban Fink, Bartolomeo Portia su hls-dhs-dss.ch. URL consultato il 05-03-2021
  3. cfr. Rudio, Giacomo 1527-1590 su archivirinascimento.it. URL consultato il 06-04-2021
Bibliografia

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.