Feo Belcari

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Feo Belcari
Laico
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"

7201019-L.jpg

'
Titolo
Incarichi attuali
Età alla morte 74 anni
Nascita Firenze
4 febbraio 1410
Morte Firenze
16 agosto 1484
Sepoltura Sacrestia della Basilica di Santa Croce (Firenze)
Appartenenza Arcidiocesi di Firenze
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[]]
Professione religiosa [[]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale
Ordinazione presbiterale [[]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Riammesso da da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
Virgolette aperte.png
Quel prosatore che ci serbò più che altri la bella lingua Fiorentina nell'immemore Quattrocento
Virgolette chiuse.png
(canonico Domenico Moreni, Lettere di Feo Belcari, 1845)

Feo Belcari (o Alfeo o Maffeo) (Firenze, 4 febbraio 1410; † Firenze, 16 agosto 1484) è stato un poeta e compositore italiano, conosciuto ai nostri giorni soprattutto come autore di sacre rappresentazioni, delle quali fu il più prolifico esponente della scuola fiorentina quattrocentesca.

Biografia

Origini

Feo (diminutivo di Alfeo o anche di Moffeo), figlio di Feo di Coppo (Iacopo), apparteneva a una famiglia della buona nobiltà fiorentina. Ricevette una ottima educazione, anche se nulla sappiamo sulla sua formazione e sugli studi.

Intorno al 1435 si sposò con Angiolella di Tommaso di Gherardo della nobile famiglia dei Piaciti e con lei ebbe diversi figli fra cui Iacopo, padre di un altro Feo letterato e una femmina che nel 1453 si fece monaca col nome di Orsola nel Monastero del Paradiso [1].

Attività

Risale al 24 marzo 1436 un avvenimento della sua vita con data certa: il suo intervento alla funzione solenne della consacrazione della cattedrale di Firenze e la notizia proviene da un appunto autografo del Belcari su un libro di cartapecora intitolato Monti e Decime facente parte dell'archivio della Basilica di San Lorenzo (sul libro venivano annotati tutti i denari che il Capitolo di San Lorenzo aveva al Monte).

Questa notizia dimostra con certezza che il giovane Belcari, pur di nobile lignaggio e di agiato tenore di vita, avesse un lavoro come scrivano del Monte delle graticole[2], non perché avesse bisogno di mantenersi lavorando, ma perché la famiglia gli aveva insegnato l'orrore dell'ozio.

Cultura e devozione

Il giudizio di Bartolomeo Gamba

« O improvvisasse egli le sue Laudi Spirituali,
o componesse le sue Sacre Rappresentazioni,
o dettasse la Vita del B. Giovanni Colombini
e di alcuni frati Gesuati,
o volgarizzasse il Prato Spirituale
e facessel pure alcuna volta a spese del buon gusto,
della buona poesia,
della buona critica,
giammai non lo fece a spese della più sana morale,
nè della lingua nostra,
che mantenne nitida e pura. »
(Notizie intorno alle opere di Feo Belcari, Milano, 1808)

Fu un uomo retto e pio, preciso e onesto nel suo lavoro, devoto e assiduo nelle pratiche religiose e al contempo amante della letteratura e delle arti,

« (...) con fama non meno d'eccellente dote d'ingegno, che di rara integrità di costumi »
(Giulio Negri, Istoria degli scrittori fiorentini, 1722)

Nel 1443 o 1444 volgarizzò il Prato spirituale, sesto libro delle Vite dei Ss. Padri[3].

Fu grande devoto di san Bernardino, cui dedicò una lauda e che cantò come inflessibile fustigatore dei vizi.

Nella basilica di Santa Croce, dove stava la tomba di famiglia, fece erigere nel 1453 un altare in onore della beata Umiliana de' Cerchi, con immagine della beata.

Fu anche un importante membro di una confraternita guidata dai Gesuati di Firenze, con diritto di confraternare ai capitoli gesuati.

In virtù di tale sua attività scrisse nel 1449 la Vita del Beato Giovanni Colombini da Siena Fondatore dell'Ordine de' Giesuati, con parte della vita d'alcuni altri de' Giesuati. Cosa molto divota e utile alla edificazione dell'anima.

La congregazione stava attraversando un periodo assai delicato e l'opera agiografica di Belcari venne in loro aiuto narrando la loro storia per recuperarne l'identità: all'interno, un forte fronte di opposizione stava spingendo per la clericalizzazione dei congregati e il loro accesso al sacerdozio; la questione era già stata oggetto di sentenza papale nel 1438, ma il diniego del pontefice ai ribelli non aveva risolto il problema. La Vita di Belcari insieme ad altri atti istituzionali della congregazione ebbero lo scopo di riaffermare anche nei fatti la legittimità dello stato non-sacerdotale dei fratres.

La Vita del Beato Giovanni Colombini fu ispirata al Prato fiorito che aveva tradotto tre anni prima. Dai ritratti di Belcari, emergono le figure dei primi Gesuati come di uomini profondamente mistici, avvezzi a vivere con il cuore molto vicino a Dio e a considerare le manifestazioni della grazia divina al pari delle esperienze della vita quotidiana.

Per la congregazione scrisse anche laude e drammi sacri.

I Gesuati fiorentini erano assai vicini ai Domenicani: Savonarola conosceva Belcari, o personalmente o tramite le sue opere e manifestò profonda stima e ammirazione per lui: trascrisse infatti molte liriche di Belcari nel Codice Borromeo (O anima cechata / Che non trovi riposo copiata) e nelle Postille al Breviario (Tuto sei dolce, Idio, Signor eterno) e in altre sue opere fece molte citazioni, soprattutto dall'Abramo e Isac.

Cariche pubbliche

Fu quindi uomo molto conosciuto in Firenze e tenuto in grande stima dai suoi concittadini, a servizio dei quali sostenne numerose onorevoli cariche:

  • nel luglio-agosto 1455 sedette nel sommo magistrato (priore) dell'Arte della Lana
  • nel 1451 e 1458 fu uno dei dodici Buonomini
  • nel 1468 fu uno dei Sedici Confalonieri delle Compagnie del Popolo, una delle maggiori magistrature fiorentine.

La sua ottima reputazione e i servigi resi alla città gli guadagnarono numerosi encomi pubblici: nel libro degli statuti del Monte del 1482 si legge che, come capo scrivano dei libri del Monte del sette per cento, ebbe una altissima responsabilità, con molti scrivani sotto la sua direzione compreso il figlio Iacopo e con un emolumento più alto, proporzionato alla delicatezza del suo compito.

Frequentazioni artistiche

Nella Firenze del Quattrocento, fu assiduo frequentatore di molti artisti: fu amico di poeti e prosatori, come Tracolo da Rimini, Banco di Bencivenni, Giovanni de' Pilli, Mariotto Davanzati; fu poi in amicizia con i membri della famiglia Medici: Cosimo, i figli Piero (1416-1469) e Giovanni (1421-1463) e soprattutto del Magnifico Lorenzo, cui dedicò un sonetto e dal quale ne ricevette uno in affettuosa risposta.

Dopo la morte di Filippo Brunelleschi, scrisse una versione de La novella del Grasso legnajuolo : riscontrata col manoscritto e purgata da molti e gravissimi errori[4], avendone ricevuto il racconto corretto da molti artisti fiorentini (che a loro volta ne avevano appreso notizia diretta dal grande architetto), fra cui Michelozzo, Luca della Robbia, Antonio di Matteo dalle Porte, Andrea da san Gimignano, Antonio di Migliore Guidotti, Domenico di Michelino.

Morte

Morì il 16 agosto 1484 e fu tumulato nella sacrestia della chiesa di Santa Croce, nella tomba di famiglia.

In sua memoria fu composta da Girolamo Benivieni la Deploratoria per la morte di Feo Belcari, stampata nel 1519.

Le sue rime furono inserite nel vocabolario dell'Accademia della Crusca.

Opere

L'elenco seguente contiene le opere attribuite a Belcari dal libretto della Crusca[5]; la paternità di alcune è stata messa in discussione, specie da Bartolomeo Gamba[6] e Mario Marti[7].

  • Opere in lingua volgare
    • Vita del Beato Giovanni Colombini da Siena Fondatore dell'Ordine de' Giesuati, con parte della vita d'alcuni altri de' Giesuati. Cosa molto divota e utile alla edificazione dell'anima
    • Volgarizzamento del Prato Spirituale
    • Novella del grasso legnaiuolo
    • Vita di Filippo di ser Brunellesco
    • tre Lettere: alla figlia Orsola, a un amico, a Piero dì Pippo della Compagnia di San Geronimo di Pistoia
    • Ricordo della consacrazione della Metropolitana (ovvero della cattedrale di Firenze)
    • Volgarizzamento del Trattato di Riccardo di san Vittore dei quattro gradi della carità
  • Alcune laude
  • Opere in rima
    • Istoria e vita di San Bernardino
    • Sonetti

Le illustrazioni nella edizione del 1833


Note
  1. Monastero misto dell'ordine del Santissimo Salvatore di Santa Brigida fondato a Firenze nel 1392 e soppresso nel 1776.
  2. Il Monte comune o Monte delle graticole fu costituito negli anni 1343-1347 dallo Stato fiorentino per riunire e consolidare tutti i crediti vantati dai cittadini nei confronti del Comune: a fronte di detti crediti vennero emessi titoli (detti "luoghi di monte") a un tasso di interesse annuo del 5% e le operazioni venivano annotate dagli scrivani che si occupavano della tenuta e aggiornamento dei libri del monte, cioè gli elenchi suddivisi per quartieri dei titolari dei "luoghi". Per la tenuta di detti libri si crearono una cancelleria e un archivio appositi presso l'ufficio del Monte comune stesso. Sia i governi repubblicani che i principi di casa Medici fecero sempre più ricorso al debito pubblico, mediante l'imposizione di prestiti forzosi o volontari: ciò diede luogo all'erezione di nuovi monti particolari, come il "Monte di Pisa", istituito per finanziare l'acquisizione della Repubblica marinara pisana del 1406; il Monte delle doti che rispondeva ai bisogni delle famiglie meno abbienti che dovevano sposare le figlie femmine con una dote adeguata; nel 1495, durante il regime savonaroliano, fu istituito il Monte di Pietà che prestava denaro su pegno per venire incontro ai più bisognosi ma che in seguito perse quasi del tutto la funzione caritativa, divenendo un vero e proprio istituto di credito.
  3. Questa era una traduzione (volgarizzamento) dell'originale latino (Vitae Patrum), effettuata quasi per intero da Domenico Cavalca.
  4. L'attribuzione è stata soprattutto sostenuta nella prefazione al libriccino dell'Accademia della Crusca. Non tutti gli studiosi concordano, ritenendo altri la novella opera di Antonio di Tuccio Manetti: Mario Marti, op.cit..
  5. Notizie della vita..., op.cit., 1833.
  6. Bartolomeo Gamba, op.cit., 1839.
  7. Mario Marti, op.cit..
Bibliografia
  • Giulio Negri, Istoria degli scrittori fiorentini, A. Forni, 1722, p. 162 online
  • Domenico Moreni (a cura di), Lettere di Feo Belcari, Magheri, 1825 online
  • Domenico Moreni (a cura di), Giovanni Mario Filelfo, Vita Dantis Aligherii, in lucem ed. et notis illustr., 1828 online
  • Notizie della vita di Feo Belcari in Aa.Vv., Le rappresentazioni di Feo Belcari e altre di lui poesie edite e inedite citate come testo di lingua nel vocabolario degli Accademici della Crusca, Ed. Ignazio Moutier, Firenze, 1833 online
  • Bartolomeo Gamba, Serie dei testi di lingua e di altre opere importanti nella italiana letteratura scritte dal XIV secolo al XIX, 1839, online
  • Ottavio Gigli (a cura di), Il prato spirituale - Volgarizzamento di Feo Belcari - sopra un testo a penna e due stampe antiche, Tipografia Salviucci, Roma, 1844 online
  • Mario Marti, Belcari, Feo nella Enciclopedia Treccani online
  • Eugenio Marino, Girolamo Savonarola e il poeta Feo Belcari nel poema dantesco "Anima Peregrina" del domenicano fra Tommaso Sardi ([m.] 1517), Centro riviste Padri domenicani, 2002
  • Isabella Gagliardi, Li trofei della croce: l'esperienza gesuata e la società lucchese tra Medioevo ed età moderna, Ed. di Storia e Letteratura, 2005, ISBN 8884982715, 9788884982711
  • (EN) Kristin Phillips-court, The Perfect Genre Drama and Painting in Renaissance Italy, Ashgate Publishing, Ltd., 2011 online
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.