Giovanni Battista Maria Pallotta

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Giovanni Battista Maria Pallotta
04 PALLOTTA Giov Batt Maria 22011668.jpg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

Pallotta G.B..jpg

'
Titolo cardinalizio
Età alla morte 73 anni
Nascita Caldarola
2 febbraio 1594
Morte Roma
22 gennaio 1668
Sepoltura Caldarola
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale ottobre 1628
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile
Consacrazione vescovile 10 dicembre 1628 dal card. Melchior Khlesl
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
19 novembre 1629 da Urbano VIII (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine Vescovi
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Giovanni Battista Maria Pallotta (Caldarola, 2 febbraio 1594; † Roma, 22 gennaio 1668) è stato un arcivescovo, nunzio apostolico e cardinale italiano.

Cenni biografici

Nacque a Caldarola, nella delegazione apostolica di Camerino, il 2 febbraio 1594, primogenito dei cinque figli di Martino e Maddalena nata De Magistris (altre fonti indicano Ferretti). Il padre era fratello del cardinal Giovanni Evangelista Pallotta.

Fu vicelegato di Ferrara fra il 1621 e il 1623. Nominato nel giugno 1624 collettore apostolico in Portogallo, difese energicamente di fronte al re di Spagna i diritti e i privilegi ecclesiastici. Di ritorno nel 1627 fu governatore di Roma e vice-camerlengo dal 14 febbraio all'8 aprile 1628, quando fu nominato nunzio straordinario presso l'imperatore per comporre la contesa relativa alla successione nel ducato di Mantova. Rimasto nunzio a Vienna, fece opera di pace in circostanze difficilissime, essendo l'imperatore sospettoso dalla Santa Sede di essere filofrancese. Come consuetudine per i diplomatici della Santa Sede il 18 settembre del 1628 fu nominato arcivescovo titolare di Tessalonica. Ricevette in rapida successione gli ordini sacri e il 10 dicembre nella cappella viennese del Leopoldstag ricevette la consacrazione a vescovo dalle mani del cardinal Melchior Klesl, arcivescovo di Vienna, alla presenza della corte imperiale.

Nel concistoro del 19 novembre 1629 papa Urbano VIII lo creò cardinale, mentre ancora teneva la nunziatura, dalla quale ritornò l'anno dopo. Nel 1631 ricevette il titolo cardinalizio di cardinale presbitero di san Silvestro in Capite. Dal 1º luglio 1631 al 21 maggio 1634 fu legato a Ferrara, dove si fece apprezzare per le sue doti di accorto politico, lasciando il suo nome a un canale di Comacchio, fatto da lui riattare.

Prese parte al conclave del 1644 che vide eletto pontefice Innocenzo X. Fu Camerlengo del Collegio dei Cardinali dal 7 gennaio 1647 al 13 gennaio dell'anno seguente. Prese parte al conclave del 1655 con l'elezione di Alessandro VII e al successivo del 1667.

Fu vescovo nel 1663 di Albano e nel 1666 di Frascati, dove eresse un seminario e lo mantenne in gran parte a sue spese. Morì a Roma nel 1668. La salma fu provvisoriamente tumulata nella chiesa romana di santo Spirito in Sassia e successivamente traslata nella sua città natale.

Genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Arcivescovo titolare di Tessalonica Successore: Archbishop CoA PioM.svg
Julius Benigni (Ch) 18 settembre 1628 - 26 maggio 1631 Francesco Vitelli (Ch) I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Julius Benigni (Ch) {{{data}}} Francesco Vitelli (Ch)
Predecessore: Nunzio apostolico presso l'Imperatore Successore: Flag of the Vatican City.svg
Carlo Carafa 9 settembre 1628 - 18 maggio 1630 Ciriaco Rocci I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Carlo Carafa {{{data}}} Ciriaco Rocci
Predecessore: Cardinale presbitero di San Silvestro in Capite Successore: Stemma cardinale.png
Melchior Klesl 26 maggio 1631 - 23 settembre 1652 Girolamo Colonna I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Melchior Klesl {{{data}}} Girolamo Colonna
Predecessore: Camerlengo del Collegio cardinalizio Successore: CardinalCoA PioM.svg
Ciriaco Rocci 1647-1648 Ulderico Carpegna I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Ciriaco Rocci {{{data}}} Ulderico Carpegna
Predecessore: Cardinale presbitero di San Pietro in Vincoli Successore: Stemma cardinale.png
Marzio Ginetti 23 settembre 1652 - 21 aprile 1659 Ulderico Carpegna I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Marzio Ginetti {{{data}}} Ulderico Carpegna
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Maria in Trastevere Successore: Stemma cardinale.png
Girolamo Colonna 21 aprile 1659 - 21 novembre 1661 Ulderico Carpegna I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Girolamo Colonna {{{data}}} Ulderico Carpegna
Predecessore: Cardinale presbitero di San Lorenzo in Lucina Successore: Stemma cardinale.png
Girolamo Colonna 21 novembre 1661 - 2 luglio 1663 Francesco Maria Brancaccio I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Girolamo Colonna {{{data}}} Francesco Maria Brancaccio
Predecessore: Cardinale vescovo di Albano Successore: Stemma cardinale.png
Marzio Ginetti 2 luglio 1663 - 11 ottobre 1666 Ulderico Carpegna I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Marzio Ginetti {{{data}}} Ulderico Carpegna
Predecessore: Cardinale vescovo di Frascati Successore: Stemma cardinale.png
Girolamo Colonna 11 ottobre 1666 - 22 gennaio 1668 Francesco Maria Brancaccio I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Girolamo Colonna {{{data}}} Francesco Maria Brancaccio
Biografia
  • Antonio D’Amico, Dizionario Biografico degli Italiani, vol. 90 2014, online

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.