Basilica di San Bartolomeo all'Isola (Roma)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
(Reindirizzamento da Basilica di San Bartolomeo all'Isola)

1leftarrow.png Voce principale: Chiese di Roma.

Basilica di San Bartolomeo all'Isola
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO
Roma-san bartolomeo all'isola.jpg
Basilica di San Bartolomeo all'Isola (Roma)
Stato bandiera Italia
Regione bandiera Lazio


Regione ecclesiastica Lazio

Provincia Roma
Comune Stemma Roma
Località
Diocesi Roma
Vicariatus Urbis
Religione Cattolica
Indirizzo
Telefono
Fax
Posta elettronica [mailto: ]
Sito web Sito ufficiale
Sito web 2
Proprietà
Oggetto tipo Chiesa
Oggetto qualificazione basilicale
Dedicazione San Bartolomeo apostolo
Vescovo
Comunità laicale Comunità di Sant'Egidio
Comunità laicale Comunità di Sant'Egidio
Fondatore Ottone III del Sacro Romano Impero
Data fondazione X secolo, fine
Architetto
Stile architettonico
Inizio della costruzione X secolo, fine
Completamento
Distruzione
Soppressione
Ripristino {{{Ripristino}}}
Scomparsa {{{Scomparsa}}}
Data di consacrazione
Consacrato da {{{ConsacratoDa}}}
Data di inaugurazione {{{AnnoInaugur}}}
Inaugurato da {{{InauguratoDa}}}
Strutture preesistenti
Pianta
Tecnica costruttiva
Materiali
Data della scoperta {{{Data scoperta}}}
Nome scopritore {{{Nome scopritore}}}
Datazione scavi {{{Datazione scavi}}}
Scavi condotti da {{{Scavi condotti da}}}
Altezza Massima
Larghezza Massima
Lunghezza Massima {{{LunghezzaMassima}}}
Profondità Massima
Diametro Massimo {{{DiametroMassimo}}}
Altezza Navata
Larghezza Navata
Altitudine {{{Altitudine}}}
Iscrizioni
Marcatura
Utilizzazione
Note luogo memoriale dei "nuovi martiri" del XX secolo
Coordinate geografiche
41°53′25″N 12°28′42″E / 41.890278, 12.478333 bandiera Italia
Patrimonio UNESCO.png Patrimonio dell'umanità
{{{nome}}}
{{{nomeInglese}}}
[[Immagine:{{{immagine}}}|240px]]
Tipologia {{{tipologia}}}
Criterio {{{criterio}}}
Pericolo Bene non in pericolo
Anno [[{{{anno}}}]]
Scheda UNESCO
[[Immagine:{{{linkMappa}}}|300px]]
[[:Categoria:Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}|Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}]]

La Basilica di San Bartolomeo all'Isola è una delle chiese di Roma, nel rione Ripa, costruita alla fine del X secolo sull'Isola Tiberina per contenere le reliquie di san Bartolomeo apostolo. Inoltre, è sede del titolo cardinalizio di San Bartolomeo all'Isola: l’attuale titolare è il cardinale Francis Eugene George.

Storia

Il Ottone III del Sacro Romano Impero fece costruire questa basilica dedicandola al proprio amico, sant'Adalberto di Praga, ma all'arrivo delle reliquie dell'apostolo la basilica cambiò dedica. Le reliquie vennero poste in una vasca collocata sotto l'altare: erano giunte a Benevento dall'Armenia nell'809, e poi spostate dalla città campana a Roma, forse causando l'assedio di Benevento da parte di Ottone contro Pandolfo II.

Nel 1018 la bolla Quoties illa di papa Benedetto VIII riferisce del definitivo trasferimento della cattedrale e dell'episcopio dei vescovi di Porto nella chiesa di san Bartolomeo.[1]

Catino in cui furono trasportate le spoglie del Santo

Le reliquie di san Bartolomeo furono trasportate a Roma in un catino che fu trafugato da ignoti nel gennaio 1981 e ritrovato nel maggio 1985. Tuttavia, le spoglie che giunsero a Roma non erano quelle di san Bartolomeo, ma del vescovo di Nola, san Paolino, in quanto le reliquie dell'Apostolo rimasero sempre ben custodite a Benevento[1].

Nel 1993, Giovanni Paolo II affidò la Basilica alla Comunità di Sant’Egidio, dopo una presenza plurisecolari dei Frati Minori. A partire dal 1999 si riunì per due anni nei locali della basilica la commissione "Nuovi Martiri", che aveva avuto il compito di indagare sui martiri cristiani del XX secolo. Nell'ottobre del 2002, con una solenne celebrazione ecumenica alla presenza dei cardinali Ruini, Kasper e George, e del patriarca romeno ortodosso Teoctist, è stata posta sull'altare maggiore una grande icona[2] dedicata ai martiri del Novecento; altre memorie di martiri sono collocate nelle cappelline laterali, ognuna dedicata ad una situazione storica particolare.

La Basilica di San Bartolomeo è oggi luogo memoriale dei "nuovi martiri" del XX secolo, infatti ospita le memorie e le reliquie di molti testimoni del nostro tempo, come:

Note
  1. Storia della sede suburbicaria di Porto-Santa Rufina
  2. L'Icona dei martiri e testimoni della fede del novecento
  3. Le memorie contenute nella Basilca di San Bartolomeo
Bibliografia
  • Chris Nyborg, San Bartolomeo all'Isola
  • Andrea Riccardi, Il secolo del martirio. I cristiani nel Novecento, 2000, Mondadori
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.