Antonio María Rouco Varela

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Antonio María Rouco Varela
Roucostemma.JPG
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

Roucoimmagine.JPG

{{{didascalia}}}
In ecclesiae communione
Titolo cardinalizio
Cardinale presbitero di San Lorenzo in Damaso
Arcivescovo emerito di Madrid
Età attuale 83 anni
Nascita Villalba
20 agosto 1936
Morte
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale 28 marzo 1959 dal vescovo  Francisco Barbado y Viejo
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo 17 settembre 1976 da Paolo VI
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile 31 ottobre 1976 dall'arcivescovo Ángel Suquía Goicoechea
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo 9 maggio 1984 da Giovanni Paolo II
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
21 febbraio 1998 da Giovanni Paolo II (vedi)
Cardinale elettore NO (fino al 20 agosto 2016)
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
Biografia su vatican.va
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Antonio María Rouco Varela (Villalba, 20 agosto 1936) è un cardinale e arcivescovo spagnolo, Arcivescovo emerito di Madrid.

Biografia

La formazione e il ministero sacerdotale

Dopo aver compiuto dal 1946 al 1954 gli studi di latino, lettere e filosofia nel Seminario di Mondoñedo, ha studiato Teologia presso la Pontificia Università di Salamanca dal 1954 al 1958.

Ordinato sacerdote il 28 marzo 1959 a Salamanca, il 1° aprile ha celebrato la sua prima Messa nella chiesa parrocchiale di Santa María de Villalba.

Ha studiato Diritto e Teologia presso l'Università di Monaco, dal 1959 al 1964, conseguendo la Laurea con una tesi dal titolo "Iglesia y Estado en la España del siglo XVI".

Negli anni di studio e di attività scientifica presso l'Università di Monaco è stato associato alle parrocchie di san Raffaele e di san Ansgar di questa città; a Salamanca è stato Consigliere dell'"Acción Católica Nacional de Propagandistas".

È stato professore nel Seminario di Montoñedo dal 1964 al 1966 di Teologia Fondamentale e di Diritto Canonico; professore aggiunto presso l'Istituto di Diritto Canonico dell'Università di Monaco dal 1966 al 1969; professore di Diritto Pubblico Ecclesiastico presso la Pontificia Università di Salamanca dal 1969 al 1971; docente di Diritto Canonico Fondamentale nel 1971 e Vice-rettore nel 1972 della stessa Università, incarichi svolti fino al settembre del 1976, quando è stato nominato Vescovo ausiliare di Santiago de Compostela. È stato "Perito" del Concilio Pastorale di Galizia fin dalla sua fase preparatoria nel 1974.

Il ministero episcopale

Il 17 settembre 1976 è stato eletto alla Chiesa titolare di Gergi e nominato Vescovo Ausiliare di Santiago de Compostela. Il successivo 31 ottobre ha ricevuto la consacrazione episcopale.

Promosso Arcivescovo di Santiago de Compostela il 9 maggio 1984, ha preso possesso dell'Arcidiocesi il 30 giugno 1984. Il Nunzio Antonio Innocenti gli ha imposto il sacro Pallio il 25 luglio 1984 nella Cattedrale di Santiago, nel Pontificale dell'Apostolo. Come vescovo di Santiago de Compostela, è stato responsabile dell'organizzazione della IV Giornata Mondiale della Gioventù svoltasi a Santiago nell'agosto 1989.

È membro dell'"Associazione Internazionale di Diritto Canonico" e dell'"Associazione Spagnola dei Canonisti". Ha fatto parte del "Circolo Ecumenico di Canonisti di Heidelberg" e del "Comitato Cristiano Interconfessionale di Madrid".

Nell'ambito della Conferenza Episcopale Spagnola è stato Presidente della "Junta de Asesores Jurídicos"; per tre trienni dal 1981 al 1989 è stato membro della Commissione Episcopale dell'Insegnamento e della Catechesi. Dal 1984 è stato membro della Commissione Permanente della Conferenza Episcopale Spagnola. Per due mandati, dal marzo 1999 al marzo 2005 è stato Presidente della Conferenza Episcopale Spagnola. Nel marzo 2008 è stato eletto Presidente della Conferenza Episcopale Spagnola per un terzo mandato.

È stato eletto Presidente della Commissione Episcopale dei Seminari e delle Università nel febbraio del 1990; membro del Sinodo dei Vescovi svoltosi nell'ottobre del 1993 sulla formazione dei sacerdoti; ha partecipato ai Simposi dei Vescovi Europei dal 1985 al 1989; membro del Comitato Esecutivo della Conferenza Episcopale Spagnola nel 1993.

Il 28 luglio 1994 Giovanni Paolo II lo ha nominato Arcivescovo di Madrid. Ha ricevuto il Pallio come Arcivescovo Metropolita di Madrid il 29 giugno 1995.

Il 19 settembre 1996 è stato nominato dal Santo Padre anche "Magnum Cancellarium" della Facoltà di Teologia di San Dámaso.

Il cardinalato

Da Giovanni Paolo II è stato creato e pubblicato Cardinale nel Concistoro del 21 febbraio 1998, del Titolo di San Lorenzo in Damaso.

È stato Relatore Generale alla seconda Assemblea speciale per l'Europa del Sinodo dei Vescovi del 1999.

È membro della Congregazione per i Vescovi, della Congregazione per il Clero, della Congregazione per l'Educazione Cattolica, del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica, del Pontificio Consiglio per i Testi Legislativi, del Pontificio Consiglio della Cultura, del Pontificio Consiglio "Cor Unum", del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali, del Consiglio Speciale per l'Europa della Segreteria Generale del Sinodo dei Vescovi, della Prefettura degli Affari Economici della Santa Sede, del Consiglio di Cardinali per lo studio dei problemi organizzativi ed economici della Santa Sede.

Nel 2011 dirige e organizza la XXVI Giornata mondiale della gioventù, accogliendo nella capitale spagnola papa Benedetto XVI. In questo anno è stata fondata anche l'Università di San Dámaso.

Il 12 marzo 2014 termina l'incarico di presidente della Conferenza episcopale spagnola; gli succede l'arcivescovo Ricardo Blázquez Pérez, già presidente della Conferenza episcopale nel triennio 2005-2008[1].

Il 28 agosto dello stesso anno papa Francesco accoglie la sua rinuncia al governo pastorale dell'arcidiocesi di Madrid per raggiunti limiti di età.

Il 20 agosto 2016, al compimento dell'80º anno di età, esce dal novero dei cardinali elettori.


Pubblicazioni

  • Staat und Kirche im Spanien des XVI. Jahrhundets, München 1965;
  • Sacramento e diritto: antinomia nella Chiesa, (Con E. Corecco), Milano 1972;
  • Relaciones Iglesia-Estado en la España del siglo XXI, Salamanca 1996;
  • Los Fundamentos de los Derechos Humanos: una cuestión urgente, Madrid 2001;
  • España y la Iglesia Católica, Madrid 2006.

Genealogia episcopale e successione apostolica

Successione degli incarichi

Predecessore: Vescovo titolare di Gergi Successore: BishopCoA PioM.svg
Luigi Oldani 17 settembre 1976 - 9 maggio 1984 Patricio Infante Alfonso I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Luigi Oldani {{{data}}} Patricio Infante Alfonso
Predecessore: Arcivescovo di Santiago di Compostela Successore: ArchbishopPallium PioM.svg
Ángel Suquía Goicoechea 9 maggio 1984 - 28 luglio 1994 Julián Barrio Barrio I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Ángel Suquía Goicoechea {{{data}}} Julián Barrio Barrio
Predecessore: Arcivescovo di Madrid Successore: ArchbishopPallium PioM.svg
Ángel Suquía Goicoechea 28 luglio 1994 - 28 agosto 2014 Carlos Osoro Sierra I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Ángel Suquía Goicoechea {{{data}}} Carlos Osoro Sierra
Predecessore: Cardinale presbitero di San Lorenzo in Damaso Successore: CardinalCoA PioM.svg
Narciso Jubany Arnau dal 21 febbraio 1998 in carica I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Narciso Jubany Arnau {{{data}}} in carica
Predecessore: Presidente della Conferenza Episcopale Spagnola Successore: Mitra heráldica.svg
Elías Yanes Álvarez 1999 - 2005 Ricardo Blázquez Pérez I

Ricardo Blázquez Pérez 1º marzo 2011 - 12 marzo 2014 Ricardo Blázquez Pérez II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Elías Yanes Álvarez {{{data}}} Ricardo Blázquez Pérez
Note
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.