Antonio Riberi

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Antonio Riberi
Cardinale
Stemma Antonio Riberi.jpg
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}
Sicut rivus aquarum in site

[[File:|250px]]

{{{didascalia}}}
Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte 70 anni
Nascita Monte Carlo
15 giugno 1897
Morte Roma
16 dicembre 1967
Sepoltura Santuario di Sant'Antonio a Limone-Piemonte (Cn)
Appartenenza Diocesi di Cuneo
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale Cuneo, 29 giugno 1922
Nominato Abate {{{nominatoAB}}}
Nominato amministratore apostolico {{{nominatoAA}}}
Nominato vescovo {{{nominato}}}
Nominato arcivescovo 13 agosto 1934 da Pio XI
Nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
Nominato patriarca {{{nominatoP}}}
Nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile Roma, 8 ottobre 1934 dal card. arc. Pietro Fumasoni Biondi
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
26 giugno 1967 da Paolo VI (vedi)
Cardinale per
Cardinale per 5 mesi e 20 giorni
Cardinale elettore
Incarichi ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Riammesso da da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Durata del
pontificato
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato

Ordinazioni
e
Successione apostolica

Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
[[File:|100px|Stemma]]
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda
Invito all'ascolto
Firma autografa
[[File:{{{FirmaAutografa}}}|250px]]

Antonio Riberi (Monte Carlo, 15 giugno 1897; † Roma, 16 dicembre 1967) è stato un cardinale, arcivescovo e nunzio apostolico italiano.

Biografia

Nacque il 15 giugno 1897 a Montecarlo nel Principato di Monaco, dove la famiglia originaria di Limone-Piemonte, era emigrata per ragioni di lavoro.

Formazione e ministero sacerdotale

Dopo aver frequentato le scuole elementari dei Fratelli delle Scuole Cristiane nel Principato di Monaco, a dodici anni entrò nel seminario diocesano di Cuneo dove fu ordinato presbitero il 29 giugno 1922.

Proseguì gli studi universitari presso la Pontificia Università Gregoriana a Roma dove si specializzò alla Pontificia Accademia Ecclesiastica, compagno di studi di Giovanni Battista Montini, futuro Papa Paolo VI. Terminò successivamente i suoi studi presso l'Istituto di Scienze Sociali a Bergamo. Promosso Cameriere d'onore in abito paonazzo di Sua Santità il 1º maggio 1925 [1], fu assunto come addetto prima e segretario poi, della nunziatura apostolica in Bolivia dal 1925 al 1930. Divenne uditore di nunziatura in Irlanda dal 1930 al 1934.

Nomina episcopale e attività diplomatica

Il 13 agosto 1934 fu nominato da Pio XI arcivescovo titolare di Dara e Delegato apostolico in Africa per le Missioni dipendenti dalla Congregazione di Propaganda Fide a Mombasa in Africa Orientale il 24 settembre seguente[2]. Venne consacrato il 28 ottobre 1934 a Roma dal cardinale di Santa Croce in Gerusalemme Pietro Fumasoni Biondi prefetto della Congregazione di Propaganda Fide, assistito da Giuseppe Pizzardo, arcivescovo titolare di Nicea, segretario della Congregazione degli Affari Ecclesiastici Straordinari e da Carlo Salotti, arcivescovo titolare di Filippopoli di Tracia, segretario della Congregazione di Propaganda Fide. Il suo motto episcopale era Sicut rivus aquarum in site.

Fu incaricato del servizio di assistenza della Santa Sede ai prigionieri di guerra e ai soldati feriti durante la seconda guerra mondiale a Roma dal 1939 al 1946. Divenne Internunzio apostolico in Cina dal 6 luglio 1946. Espulso dal regime comunista nel 1951 svolse l'attività di nunzio a Formosa. Fu nunzio apostolico in Irlanda 19 febbraio 1959. Nunzio apostolico in Spagna dal 28 aprile 1962. Partecipò a tutte le sessioni del Concilio Vaticano II dal 1962 al 1965.

Cardinalato

Creato cardinale da Paolo VI nel concistoro del 26 giugno 1967, ricevette il titolo di cardinale presbitero pro illa vice della diaconia di San Girolamo della Carità il 25 luglio seguente.

Morte

Morì all'età di 70 anni, sabato 16 dicembre 1967 a Roma per infezione polmonare, mentre conversava con alcuni amici presso l'Istituto dei Legionari di Cristo di Roma dove risiedeva. Papa Paolo VI gli rese personalmente omaggio presso la cappella dell'Istituto dei Legionari. Fu sepolto nella tomba di famiglia a Limone-Piemonte. In seguito le sue spoglie furono trasferite in una cappella laterale del Santuario di Sant'Antonio il 15 settembre 1973 alla presenza di Domenico Enrici [3], arcivescovo titolare di Ancusa, inviato personalmente da Paolo VI .

Genealogia episcopale

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Arcivescovo titolare di Dara Successore: Archbishop CoA PioM.svg
Torquato Dini 13 agosto 1934 - 26 giugno 1967 Nicholas Thomas Elko I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Torquato Dini {{{data}}} Nicholas Thomas Elko
Predecessore: Delegato apostolico per le Missioni africane Successore: Flag of the Vatican City.svg
Arthur Hinsley 24 settembre 1934 - 20 febbraio 1946 David James Mathew I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Arthur Hinsley {{{data}}} David James Mathew
Predecessore: Internunzio apostolico Cina Successore: Flag of the Vatican City.svg
Mario Zanin
(delegato apostolico)
6 luglio 1946 - 19 febbraio 1959 Giuseppe Caprio I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Mario Zanin
(delegato apostolico)
{{{data}}} Giuseppe Caprio
Predecessore: Nunzio apostolico in Irlanda Successore: Flag of the Vatican City.svg
Albert Levame 19 febbraio 1959 - 28 aprile 1962 Giuseppe Maria Sensi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Albert Levame {{{data}}} Giuseppe Maria Sensi
Predecessore: Nunzio apostolico in Spagna Successore: Flag of the Vatican City.svg
Ildebrando Antoniutti 28 aprile 1962 - 26 giugno 1967 Luigi Dadaglio I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Ildebrando Antoniutti {{{data}}} Luigi Dadaglio
Predecessore: Cardinale presbitero di San Girolamo della Carità
(titolo presbiterale pro illa vice)
Successore: Kardinalcoa.png
Giulio Bevilacqua, C.O. 29 giugno - 16 dicembre 1967 Paolo Bertoli I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giulio Bevilacqua, C.O. {{{data}}} Paolo Bertoli
Note
  1. Acta Apostolicae Sedis - Commentarium Officiale 1925, op. cit., p. 272
  2. Acta Apostolicae Sedis - Commentarium Officiale 1935, op. cit., p. 24
  3. cfr. Domenico Enrici su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 31-08-2020
Bibliografia
  • Andreas Brender, Mandred D. Kierein-Kuenring, Catholic Hierarchy in China since 1307, Cluj-Napoca, 2012, pp. 309-310 (Successione episcopale)
Collegamenti esterni