Carlo Pio di Savoia

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Carlo Pio di Savoia
08CS) Stemma Card. Pio di Savoia Carlo Emmanuele (1585-1641).jpg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

PIO DI SAVOIA CARLO .jpg

'
Titolo cardinalizio
{{{titolo}}}
Età alla morte 66 anni
Nascita Ferrara
7 aprile 1622
Morte Roma
13 febbraio 1689
Sepoltura Chiesa del Gesù
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo 2 agosto 1655
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile 5 settembre 1655 da Giambattista Spada
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
2 marzo 1654 da Innocenzo X (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine Vescovi
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Carlo Pio di Savoia (Ferrara, 7 aprile 1622; † Roma, 13 febbraio 1689) è stato un cardinale e vescovo italiano.

Cenni biografici

Carlo nacque a Ferrara il 7 aprile 1622, figlio del primo matrimonio di Ascanio (1586-1649) di Enea, discendente dall'antico casato feudale dei signori di Carpi e Sassuolo, con la nobildonna romana Eleonora di Asdrubale Mattei, marchese di Giove, vedova di Ferrante Bentivoglio di Castel Gualtieri.

Avviato alla carriera ecclesiastica molto giovane fu inviato a Roma presso lo zio paterno Carlo Emanuele, allora decano del Collegio cardinalizio. Ma attratto piuttosto dalla carriera delle armi, in cui si erano particolarmente distinti i suoi avi, fece ritorno a Ferrara e divenne capitano delle corazze pontificie nel 1641. Dopo essere caduto prigioniero delle milizie toscane, in seguito alla battaglia di Mongiovino nel 1643, durante la prima guerra di Castro (1641-44), intraprese gli studi giuridici, in cui si addottorò nel 1649.

Per ottemperare le ultime volontà dello zio Carlo Emanuele, massimo artefice della rinascita finanziaria e politica del casato dei Pio di Savoia, decise infine di seguirne le orme e di fare ritorno a Roma, dove divenne chierico di Camera nel 1650 e quindi nel 1652 acquistò la carica di tesoriere generale della Camera apostolica.[1]

Elevato alla porpora da papa Innocenzo X nel concistoro del 2 marzo 1654, ricevette il 23 seguente il berretta rossa con il titolo di cardinale diacono di santa Maria in Domnica| e inviato legato a Urbino.

Dopo la morte del padre nel 1649 resse di fatto la primogenitura, cui aveva rinunciato per prendere i voti religiosi.

Nominato vescovo della natia Ferrara nel 1655, sede vacante da anni, vi fece ritorno e il 5 settembre nella cattedrale fu consacrato dal cardinal Giambattista Spada, assistito da mons. Carlo Nembrini (Ch), vescovo di Parma, e da mons. Giacomo Teodoli (Ch), arcivescovo a titolo personale di Forlì. Sulle orme dei suoi predecessori, improntò il suo governo al pieno rispetto dei dettami tridentini e tenne una regolare visita pastorale e un sinodo locale. Fu inoltre promotore delle lettere e delle arti.

Di salute cagionevole, nel 1663 dimissionò dalla guida della diocesi e rientrò a Roma. Qui ottenne nuove e laute prebende, mutò titolo in cardinale diacono di Sant'Eustachio nel 1664, di cardinale presbitero di Santa Prisca nel 1667 e di cardinale presbitero di San Crisogono nel 1675.

Nel 1681 ottenne inoltre la titolarità di santa Maria in Trastevere e poco dopo venne creato cardinale vescovo della sede suburbicaria di Sabina.

Morì a Roma il 13 febbraio 1689 e fu sepolto nella chiesa del Gesù, accanto allo zio Carlo Emanuele.

Genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Cardinale diacono di Santa Maria in Domnica Successore: CardinalCoA PioM.svg
Lorenzo Raggi 23 marzo 1654 - 11 febbraio 1664 Sigismondo Chigi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Lorenzo Raggi {{{data}}} Sigismondo Chigi
Predecessore: Vescovo di Ferrara Successore: BishopCoA PioM.svg
Francesco Maria Macchiavelli 2 agosto 1655 - 26 febbraio 1663 Giovanni Stefano Donghi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Francesco Maria Macchiavelli {{{data}}} Giovanni Stefano Donghi
Predecessore: Cardinale diacono di Sant'Eustachio Successore: CardinalCoA PioM.svg
Lorenzo Raggi 11 febbraio 1664 - 14 novembre 1667 Friedrich von Hessen-Darmstadt, O.S.Io.Hieros. I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Lorenzo Raggi {{{data}}} Friedrich von Hessen-Darmstadt, O.S.Io.Hieros.
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Prisca Successore: CardinalCoA PioM.svg
Giulio Gabrielli 14 novembre 1667 - 28 gennaio 1675 Alessandro Crescenzi, C.R.S. I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giulio Gabrielli {{{data}}} Alessandro Crescenzi, C.R.S.
Predecessore: Cardinale presbitero di San Crisogono Successore: CardinalCoA PioM.svg
Giambattista Spada 28 gennaio 1675 - 1º dicembre 1681 Paluzzo Paluzzi Altieri Degli Albertoni I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giambattista Spada {{{data}}} Paluzzo Paluzzi Altieri Degli Albertoni
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Maria in Trastevere Successore: CardinalCoA PioM.svg
Francesco Albizzi 1º dicembre 1681 - 15 febbraio 1683 Decio Azzolini juniore I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Francesco Albizzi {{{data}}} Decio Azzolini juniore
Predecessore: Cardinale vescovo di Sabina Successore: CardinalCoA PioM.svg
Pietro Vito Ottoboni 15 febbraio 1683 - 13 febbraio 1689 Paluzzo Paluzzi Altieri Degli Albertoni I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Pietro Vito Ottoboni {{{data}}} Paluzzo Paluzzi Altieri Degli Albertoni
Note
  1. Massimo Carlo Giannini Note sui tesorieri generali della Camera apostolica e sulle loro carriere tra xvi e xvii secolo cap. 29 online.
Bibliografia
  • Alessia Ceccarelli, Dizionario Biografico degli Italiani, Vol. 84 (2015), PIO, Carlo

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.