Francesco Coccopalmerio

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Francesco Coccopalmerio
Stemmacoccopalmeriovescovo.jpg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"

Coccopalmerio.jpg

Justus ut palma florebit
Titolo cardinalizio
Cardinale diacono di San Giuseppe dei Falegnami
Età attuale 81 anni
Nascita San Giuliano Milanese
6 marzo 1938
Morte
Sepoltura
Appartenenza Arcidiocesi di Milano
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale
Ordinazione presbiterale 28 giugno 1962 dal card. Giovanni Battista Montini
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo 8 aprile 1993 da Giovanni Paolo II
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile
Consacrazione vescovile Duomo di Milano, 22 maggio 1993 dal card. Carlo Maria Martini
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo 15 febbraio 2007
Elevazione a Patriarca
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
Creazione
a Cardinale
18 febbraio 2012 da Benedetto XVI (vedi)
Cardinale elettore NO (fino al 6 marzo 2018)
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
Biografia su vatican.va
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Francesco Coccopalmerio (San Giuliano Milanese, 6 marzo 1938) è un arcivescovo e cardinale italiano, già presidente del Pontificio Consiglio per i Testi Legislativi.

Biografia

Formazione e ministero sacerdotale

Nacque il 6 marzo 1938 da Alberto Coccopalmerio originario di Scontrone in Abruzzo e da Giuseppina Ceppi di Sernio in Valtellina. Fu battezzato il successivo 14 marzo.

Alla fine dell'anno accademico 1956-1957, ottenne la maturità classica presso il Liceo statale di Busto Arsizio (Varese); frequentò il Seminario arcivescovile di Milano, Vengono Inferiore, dal 1957 al 1962.

Fu ordinato presbitero il 28 giugno 1962 dal cardinale Giovanni Battista Montini.

Dal 1962 al 1964 studiò presso la Facoltà Teologica del Nord Italia, dove ha conseguì la Licenza in Teologia nel 1963; in seguito, fu inviato a Roma per studiare presso la Pontificia Università Gregoriana, conseguendo il dottorato in diritto canonico nel 1968, sotto la guida di Padre gesuita Wilhelm Bertrams, con la tesi La partecipazione degli acattolici al culto della Chiesa cattolica nella pratica e nella dottrina della Santa Sede dall'inizio del XVII secolo ai nostri giorni. Nel 1970 ottenne il diploma in teologia morale presso la Pontificia Accademia Alfonsiana, Istituto redentorista di Studi Superiori; nel 1976 conseguì il dottorato in giurisprudenza presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, sotto la guida del professor Orio Giacchi.

Durante gli anni del suo ministero sacerdotale lavorò fin dal 1966 presso l'Avvocatura generale della Curia arcivescovile di Milano (diventandone poi avvocato nel 1980 e lavorandovi fino al 1994) e Pro Vicario Generale dell'Arcidiocesi di Milano (dal 1986 al 1993); fu, sia da sacerdote sia da vescovo, anche docente presso la Facoltà Teologica dell'Italia Settentrionale (dal 1966 al 1999) e presso la facoltà di diritto canonico della Pontificia Università Gregoriana (dal 1981 al 2011).

Nel 1986 diventò prelato d'onore di Sua Santità.

È fra l'altro il fondatore della Rivista Quaderni di Diritto Ecclesiale, insieme al gesuita Jean Beyer.

Ministero episcopale e cardinalato

L'8 aprile 1993 fu nominato da papa Giovanni Paolo II vescovo ausiliare di Milano e vescovo titolare di Celiana; fu consacrato nel Duomo di Milano il 22 maggio successivo dal cardinale Carlo Maria Martini, co-consacranti Attilio Nicora, vescovo di Verona e Giovanni Giudici, vescovo titolare di Usula, ausiliare di Milano. Il suo motto episcopale è Iustus ut palma florebit.

Fu vicario episcopale per la cultura e centri culturali cattolici dal 1993; presidente della Commissione diocesana per l'ecumenismo e il dialogo a partire dal 1988. Nel 1993 occupò la carica di delegato vicario episcopale per i seguenti uffici di curia:

  • Disciplina dei Sacramenti;
  • Ecclesiastico Patrimonio culturale;
  • Archivio Storico;
  • Tribunale Ecclesiastico Regionale

Nello stesso anno fu delegato arcivescovile al Consiglio Presbiterale e alla Pastorale Diocesana e, nella Conferenza Episcopale Italiana, fu membro del Consiglio per gli affari giuridici e presidente a partire dal 1999.

Dal 1996, fu delegato della Santa Sede per la Compagnia di San Paolo, istituto secolare di diritto pontificio. Membro del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica dall'agosto 2000. Dal 1995 al 2006 è stato commissario pontificio della Compagnia di San Paolo. Il 15 febbraio 2007 papa Benedetto XVI lo ha nominato presidente del Pontificio Consiglio per i Testi Legislativi ed elevato alla dignità arcivescovile. Sotto la sua presidenza, si è svolta la celebrazione dei venticinque anni della promulgazione del Codice di Diritto Canonico (1983-2008) e del ventesimo anniversario dell'entrata in vigore del Codice dei Canoni delle Chiese orientali (1990-2010). Nel 2008, fu nominato consulente centrale dell'Unione Giuristi Cattolici Italiani. Fondò con il padre gesuita Jean Beyer, la rivista Quaderni di Diritto Ecclesiale ed è autore di numerose pubblicazioni scientifiche in cui si occupò prevalentemente di questioni relative alla riflessione sull'identità della legge della Chiesa, il secondo libro del Codice (in particolare la comunione con la Chiesa e la parrocchia), la communicatio in sacris e diritto penale.

È stato creato e pubblicato cardinale nel concistoro del 18 febbraio 2012, della Diaconia di San Giuseppe dei Falegnami.

Il 21 aprile 2012 venne nominato membro della Congregazione per la Dottrina della Fede, del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica e del Pontificio Consiglio per la Promozione dell'Unità dei Cristiani. Prese possesso della sua diaconia il 26 aprile 2012. Il 19 giugno 2012 fu confermato come presidente del Pontificio Consiglio per i Testi Legislativi fino al compimento dell'80º anno.

Dal 23 al 29 agosto 2012 prese parte come delegato papale al 718º anniversario della Perdonanza celestiniana, che si svolge annualmente a l'Aquila. Partecipò alla XIII Assemblea Generale ordinaria del Sinodo dei Vescovi, nella Città del Vaticano, dal 7 28 ottobre, 2012, sul tema la nuova evangelizzazione per la trasmissione della fede cristiana. Nominato membro della Congregazione per le Cause dei Santi il ​​22 dicembre 2012.

Partecipò al conclave del 2013, che elesse Papa Francesco. Il 19 dicembre 2013 fu confermato come membro della Congregazione per le Cause dei Santi e il 20 settembre 2014 nominato membro della commissione speciale per esaminare il processo matrimoniale in diritto canonico con l'obiettivo di semplificarne la procedura, pur mantenendo l'indissolubilità del matrimonio. Partecipò alla terza Assemblea Generale straordinaria del Sinodo dei Vescovi, svoltasi nella Città del Vaticano tra il 5 e il 19 ottobre 2014, sul tema le sfide pastorali della famiglia nel contesto dell'evangelizzazione.

Il 21 gennaio 2015 fu nominato membro del Collegio per la revisione dei ricorsi alla Sessione Ordinaria della Congregazione per la Dottrina della Fede. È membro del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica e del Pontificio Consiglio per la Promozione dell'Unità dei Cristiani.

Genealogia episcopale e successione apostolica

Successione degli incarichi

Predecessore: Vescovo titolare di Celiana Successore: Arcbishop.png
Herberto Celso Angelo 8 aprile 1993 - 18 febbraio 2012
Titolo personale di Arcivescovo dal 15 febbraio 2007
Paul Robert Sanchez
dal 2 maggio 2012
I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Herberto Celso Angelo {{{data}}} Paul Robert Sanchez
dal 2 maggio 2012
Predecessore: Commissario papale della Compagnia di San Paolo Successore: Emblem Holy See.svg
Arcadio María Larraona Saralegui, C.M.F. 1995 - 2006 Carlo Azzimonti I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Arcadio María Larraona Saralegui, C.M.F. {{{data}}} Carlo Azzimonti
Predecessore: Presidente del Pontificio Consiglio per i Testi Legislativi Successore: Coat of arms of the Vatican City.svg
Julián Herranz Casado 15 febbraio 2007 - 7 aprile 2018 Filippo Iannone, O.Carm. I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Julián Herranz Casado {{{data}}} Filippo Iannone, O.Carm.
Predecessore: Cardinale diacono di San Giuseppe dei Falegnami Successore: Stemma cardinale.png
- dal 18 febbraio 2012 in carica I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
- {{{data}}} in carica


Scritti

  • La partecipazione degli acattolici al culto della chiesa cattolica nella pratica e nella dottrina della Santa Sede dall'inizio del sec. XVII ai nostri giorni. Uno studio teologico sull'essenza del diritto di prendere parte al culto cattolico, Morcelliana, Brescia 1969
  • La dottrina dell'appartenenza alla Chiesa nell'insegnamento del Vaticano II, in La Scuola Cattolica 98(1970)215-238
  • Il concetto di diritto soggettivo nella socialità umana e nella Chiesa secondo Wilhelm Bertrams, in La Scuola Cattolica 99(1971)411-451
  • Lex Ecclesiae Fundamentalis. Problemi di possibilità, opportunità, revisione dello schema attuale (1970). A conclusione del 7° Colloquio di studi di diritto canonico degli ex alunni della Gregoriana, in La Scuola Cattolica 100(1972)336-341
  • Comunione ecclesiale e communicatio in sacris. Un commento all'Istruzione del Segretariato per l'Unione dei Cristiani in data 1° giugno 1972, in La Scuola Cattolica 100(1972)458-471
  • De collegialitate episcopali in schemate emendato (1970) L.E.F. et de collatione cum doctrina Vaticani II, in Periodica de re morali canonica liturgica 62(1973)69-98
  • Natura ecclesialis sacramenti paenitentiae et actualis recognitio iuris poenalis, in Periodica de re morali canonica liturgica 63(1974)223-230
  • Comunione ecclesiale e struttura del diritto di partecipare ai sacramenti, in La Scuola Cattolica 102(1974)758-774
  • Sacramentum paenitentiae et ius poenale in structura Ecclesiae, in Periodica de re morali canonica liturgica 64(1975)393-405
  • La riforma del concetto di ufficio ecclesiale nel Vaticano II, in La Scuola Cattolica 104(1976)540-549
  • Principi direttivi per il rinnovamento della codificazione ecclesiale, in Communio 36(1977)82-93
  • Il diritto penale della Chiesa: riflessioni e proposte, in Problemi e prospettive di diritto canonico, Queriniana, Brescia 1977, 265-287
  • Considerazioni sui beni della Chiesa, in La Scuola Cattolica 107(1979)299-317
  • Fondare teologicamente il diritto della Chiesa?, in La teologia italiana oggi. Ricerca dedicata a Carlo Colombo nel 70° compleanno, Morcelliana, Brescia 1979, 395-410
  • Struttura dogmatica e norma positiva co-componenti essenziali della realtà giuridica della Chiesa, in La norma en el derecho canónico. Actas del III Congreso Internacional de Derecho Canónici, EUNSA, Pamplona 1979, 711-714
  • Diritto patrimoniale della Chiesa, in Il diritto nel mistero della Chiesa, IV, Libreria Editrice della Pontificia Università Lateranense, Roma 1980, 1-70
  • Ecclesiologia Vaticani II et iuridicitas fori interni qua fori remissionis peccatorum, in Periodica de re morali canonica liturgica, 69(1980)163-189
  • La "communicatio in sacris" comme problème de communion ecclesiale, in L'année canonique 25(1981)201-229
  • I "Christifideles" in genere e i "Christifideles" laici, in Temi pastorali del Nuovo Codice, Queriniana, Brescia 1984, 13-54
  • De paroeciae personalitate iuridica a Codice 1917 usque ad Codicem 1983, in Periodica de re morali canonica liturgica, 74(1985)325-388
  • Temi pastorali del nuovo codice, Queriniana, Brescia 1984, ISBN 8839912118
  • Perché un Codice nella chiesa, EDB, Bologna 1984, con altri, ISBN 8810408519
  • Gli Istituti religiosi nel nuovo Codice di diritto canonico: atti del corso, Ancora, Milano 1984, ISBN 8876100563
  • La "consultività" del Consiglio pastorale parrocchiale e del Consiglio per gli affari economici della parrocchia, in Quaderni di diritto ecclesiale 1(1988)60-65
  • Per un discorso iniziale sul diritto della Chiesa, in Quaderni di diritto ecclesiale 3(1988)146-154
  • Il concetto di parrocchia nel nuovo Codice di diritto canonico, in Quaderni di diritto ecclesiale 2(1989)127-142
  • La formazione al ministero ordinato, in Quaderni di diritto ecclesiale 1(1990)6-17
  • De paroecia, Editrice Pontificia Universita Gregoriana, Roma 1991, ISBN 8876526382
  • Il parroco "pastore" della parrocchia, in Quaderni di diritto ecclesiale 1(1993)6-21
  • Le unità pastorali: motivi, valori e limiti, in Quaderni di diritto ecclesiale 2(1996)135-138
  • La parrocchia. Tra Concilio Vaticano II e Codice di Diritto Canonico, San Paolo Edizioni, Cinisello Balsamo 2000, ISBN 8821541045
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.