Gualtiero Bassetti

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Jump to navigation Jump to search
Gualtiero Bassetti
Bassettistemma.jpg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"

Cardinale-Gualtiero-Bassetti.jpg

{{{didascalia}}}
In charitate fundati
Titolo cardinalizio
Cardinale presbitero di Santa Cecilia
Incarichi attuali
Arcivescovo emerito di Perugia-Città della Pieve
Età attuale 80 anni
Nascita Popolano di Marradi
7 aprile 1942
Morte
Sepoltura
Appartenenza Arcidiocesi di Firenze
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale
Ordinazione presbiterale 29 giugno 1966 dal Card. Ermenegildo Florit
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo 9 luglio 1994 da Giovanni Paolo II
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile
Consacrazione vescovile Firenze, 8 settembre 1994 dal Card. Silvano Piovanelli
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo 16 luglio 2009
Elevazione a Patriarca
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
Creazione
a Cardinale
22 febbraio 2014 da Francesco (vedi)
Cardinale elettore NO (fino al 7 aprile 2022)
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Riammesso da da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine Vescovi
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
Biografia su vatican.va
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda
[80 Scheda] nel sito della CEI
Scheda nel sito della diocesi o congregazione
Invito all'ascolto
Firma autografa
[[File:{{{FirmaAutografa}}}|250px]]

Gualtiero Bassetti (Popolano di Marradi, 7 aprile 1942) è un cardinale e arcivescovo italiano, dal 2017 al 2022 presidente della Conferenza Episcopale Italiana.

Biografia

La formazione e il ministero sacerdotale

Gualtiero Bassetti, primo di tre figli, nasce il 7 aprile 1942 a Popolano, frazione del comune di Marradi (Firenze), nel territorio della Diocesi di Faenza-Modigliana, mentre vive tutta la sua formazione presbiterale nell'Arcidiocesi di Firenze, nella quale è anche ordinato sacerdote il 29 giugno 1966 dal cardinale Ermenegildo Florit e dal quale viene nominato Viceparroco a San Salvi.

Dal 1968 prestò servizio presso il seminario minore, come assistente e responsabile della pastorale vocazionale e dal 1972 come rettore.

Nel 1979 il cardinale Giovanni Benelli lo nominò rettore del seminario maggiore.

Nel 1990 divenne pro-vicario generale e dal 1992 vicario generale dell'Arcidiocesi di Firenze.

Il ministero episcopale

Il 9 luglio 1994 viene eletto da Giovanni Paolo II vescovo di Massa Marittima-Piombino; il cardinale Silvano Piovanelli lo [[Ordine Sacro|consacrò vescovo l'8 settembre 1994.

Il 21 novembre 1998 fu trasferito alla Diocesi di Arezzo-Cortona-Sansepolcro, nella quale fece il suo ingresso il 6 febbraio 1999; diocesi che ha guidato per undici anni finché è stato eletto alla sede arcivescovile perugina.

È stato principale consacratore del vescovo Giovanni Santucci e co-consacrante del vescovo Claudio Maniago e dell'arcivescovo Raffaello Funghini.

È vice-presidente della Conferenza Episcopale Italiana per l'Italia centrale.

Ha ricoperto, nel tempo, vari incarichi pontifici:

Il 16 luglio 2009 papa Benedetto XVI lo ha nominato arcivescovo di Perugia-Città della Pieve.

Il 29 giugno 2010 nella Basilica di San Pietro a Roma ha ricevuto il pallio, insegna propria degli arcivescovi metropoliti, da papa Benedetto XVI.

Dall'ottobre 2012 è presidente della Conferenza Episcopale Umbra.

Il 16 dicembre 2013, papa Francesco lo ha chiamato a far parte della Congregazione dei Vescovi e lo stesso pontefice il 12 gennaio 2014, annuncia la nomina di mons. Gualtiero Bassetti a cardinale.

Cardinalato

Papa Francesco lo ha creato cardinale nel Concistoro del 22 febbraio 2014 del titolo di Santa Cecilia.

Nel 2016 è stato incaricato di redigere il testo dei commenti alle stazioni della Via Crucis del papa al Colosseo[1].

Il 24 maggio 2017 Bassetti è stato nominato da papa Francesco presidente della Conferenza Episcopale Italiana, in sostituzione del cardinale Angelo Bagnasco.

Il 24 maggio 2022, alla scadenza del quinquennio, lascia l'incarico di presidente della Conferenza Episcopale Italiana al cardinale Matteo Maria Zuppi,[2] mentre il 27 maggio seguente papa Francesco accoglie la sua rinuncia al governo pastorale dell'arcidiocesi di Perugia-Città della Pieve.[3] Da arcivescovo emerito si ritira nel palazzo vescovile di Città della Pieve.[4]

Opere

  • Chiesa e ministeri. Lettera pastorale. Orientamenti e prospettive in vista del ripristino nella Diocesi del diaconato permanente e degli altri ministeri istituiti. 8 settembre 1997, All'insegna del giglio, Firenze 1997
  • Signore apri le mie labbra. Lettera pastorale, Diocesi di Arezzo-Cortona-Sansepolcro, 2003
  • Chi perde Cristo perde tutto, in Annuncio del Vangelo e comunione. Atti del Convegno dei Cappellani militari. Assisi 2012, a cura di Giuseppina Avolio, San Paolo, Cinisello Balsamo (MI) 2012
  • Come sono belle le tue tende! Le unità pastorali: il nuovo volto di una Chiesa missionaria. Direttorio pastorale, Perugia, 2012
  • Missione e conversione pastorale. Lettera pastorale ai fedeli dell'Arcidiocesi di Perugia-Città della Pieve alla luce della "Evangelii gaudium" per l'avvio del processo di discernimento, purificazione e riforma, Tau, Todi 2014
  • Prefazione a: Luigi Mistò, Ti chiamo amico! I magnifici 10 del Vangelo, Monti, Saronno 2014
  • Intervento in: Le periferie dell'umano, a cura di Emanuela Belloni e Alberto Savorana, BUR saggi, Milano 2014
  • Prefazione a: Carlo Baglioni, Annali della Chiesa perugina con la successione cronologica de vescovi e la notitia de Santi, beati, servi di Dio, prelati e di altri huomini illustri nelle armi e nelle lettere che fiorirono in essa, a cura di Loredana Basili, Perugia : Congragazione dell'Oratorio di san Filippo Neri, Passignano : Aguaplano - Officina del Libro, 2014
  • Presentazione a: Mario Timio, Migranti. Volti e storie dalle periferie del mondo, Cittadella, Assisi 2014
  • Intervento in: A più voci. Dieci risposte sulla Resistenza. Perché la Resistenza non è diventata l'unica possibile "memoria condivisa" su cui costruire l'identità italiana? Come è possibile che la storiografia revisionista abbia avuto da noi tale diffusione? Qual è il lascito della Resistenza? Ha senso parlare di "tradimento" della Resistenza? Sono alcune delle domande che a settant'anni dalla Liberazione MicroMega ha rivolto ad alcuni esponenti del mondo della cultura, della letteratura, della filosofia, del diritto, della religione, in Ora e sempre Resistenza, Gruppo editoriale L'Espresso, Roma 2015 («Micromega. Le ragioni della sinistra», n. 3, 2015)
  • La gioia della carità, Marcianum, Venezia 2015

Genealogia episcopale

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Vescovo di Massa Marittima-Piombino Successore: Bishopcoa.png
Angelo Comastri 9 luglio 1994-21 novembre 1998 Giovanni Santucci I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Angelo Comastri {{{data}}} Giovanni Santucci
Predecessore: Vescovo di Arezzo-Cortona-Sansepolcro Successore: Bishopcoa.png
Flavio Roberto Carraro 21 novembre 1998-16 luglio 2009 Riccardo Fontana I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Flavio Roberto Carraro {{{data}}} Riccardo Fontana
Predecessore: Arcivescovo di Perugia-Città della Pieve Successore: Arcbishoppallium.png
Giuseppe Chiaretti 16 luglio 2009-27 maggio 2022 sede vacante I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giuseppe Chiaretti {{{data}}} sede vacante
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Cecilia Successore: CardinalCoA PioM.svg
Carlo Maria Martini dal 22 febbraio 2014 in carica I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Carlo Maria Martini {{{data}}} in carica
Predecessore: Presidente della Conferenza Episcopale Italiana Successore: Kardinalcoa.png
Angelo Bagnasco 24 maggio 2017-24 maggio 2022 Matteo Maria Zuppi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Angelo Bagnasco {{{data}}} Matteo Maria Zuppi
Note
Voci correlate
Collegamenti esterni