Diocesi di Asti

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark

Diocesi di Asti
Dioecesis Astensis
Chiesa latina

Duomodiasti.jpg
vescovo Marco Prastaro
Sede Asti

sede vacante
Asti

Amministratore apostolico {{{amministratore}}}
Nuvola apps important.svg
Ci sono degli errori relativi alla categorizzazione automatica dovuti al fatto che alcuni parametri non sono stati valorizzati!
  • Parametro: Parametro vescovo eletto senza parametro titolo eletto

Vedi {{Diocesi della chiesa cattolica/man}}

La voce è stata segnalata nella Categoria:Diocesi della chiesa cattolica/warning.

{{{vescovo eletto}}}
Suffraganea dell'arcidiocesi di Torino
Regione ecclesiastica Piemonte
Nazione bandiera Italia
diocesi suffraganee
{{{suffraganee}}}
coadiutore
vicario Vittorio Croce
provicario
generale
ausiliari

Vescovi emeriti:

Francesco Guido Ravinale
Parrocchie 126
Sacerdoti

126 di cui 94 secolari e 32 regolari
1.206 battezzati per sacerdote

37 religiosi 146 religiose 12 diaconi
162.257 abitanti in 1.451 km²
152.000 battezzati (93,7% del totale)
Eretta III-IV secolo
Rito romano
cattedrale {{{cattedrale}}}
Santi patroni
Via Carducci 50, 14100 Asti, Italia
tel. +390141592176 fax. 0141.59.01.01 @

Sito ufficiale

Dati dall'annuario pontificio 2015 Scheda
Chiesa cattolica in Italia
Tutte le diocesi della Chiesa cattolica

La diocesi di Asti (in latino Dioecesis Astensis) è una sede della Chiesa cattolica suffraganea dell'arcidiocesi di Torino appartenente alla regione ecclesiastica Piemonte. Nel 2012 contava 142.900 battezzati su 155.900 abitanti. È attualmente retta dal vescovo Marco Prastaro.

Territorio

Il territorio della diocesi di Asti è diviso in 5 zone pastorali a loro volta composte da 128 aree minori, dette unità pastorali o parrocchie.

Le zone pastorali

Zona urbana

La zona urbana o cittadina di Asti comprende le chiese della Cattedrale di Santa Maria Assunta, Santa Caterina, San Martino, San Paolo, San Secondo, san Silvestro, Santa Maria Nuova, nostra Signora di Lourdes, Revignano e Vaglierano, Casabianca, Valleandona, Montegrosso Cinaglio, Sacro Cuore, Variglie, Santissima Annunziata di Ponte Tanaro, San Quirico, San Fedele, San Pietro, San Domenico Savio, San Giovanni Bosco, Viatosto.

Zona Asti Ovest

San Vincenzo, Santi Cosma e Damiano, San Pietro, Gorzano, Vascagliana, Cisterna, San Matteo, San Martino Alfieri, Ferrere, Tigliole, Pratomorone, Antignano, Celle Enomondo, Revigliasco, Villafranca d'Asti, Cantarana, Roatto, Maretto, Baldichieri d'Asti, Castellero, Cortandone, Monale, Villanova d'Asti, Savi, san Paolo Solbrito, Dusino San Michele, Valfenera, Villata, Isolabella, Cellarengo, Pralormo.

Zona Asti Nord

Montafia, Vignale, Capriglio, Cortazzone, Piovà Massaia, Albugnano, Mondonio, Pino, Cerreto Montechiaro, Piea, Cortanze, Soglio, Villa San Secondo, Cossombrato, Corsione, Cunico, Frinco, Settime, Camerano Casasco, Cinaglio, Chiusano, Mombarone, Sessant, Serravalle.

Zona Asti Sud

Mongardino, San Marzanotto, Montegrosso d'Asti, Agliano Terme, Vallumida, Santo Stefano, Vigliano d'Asti, Montaldo Scarampi, Mombercelli, Castelnuovo Calcea, Belveglio, Vinchio, Noche, Isola Santa Caterina, Isola San Pietro, Repergo, Costigliole d'Asti, Madonnina, Santa Margherita, Sant' Anna, Santissima Annunziata, Loreto, Motta, Boglietto, Bionzo, Colosso, Piana del Salto.

Zona Asti Est

Castell'Alfero, Callianetto, Portacomaro Stazione, Frinco, Castiglione, Portacomaro, Migliandolo, Scurzolengo, Caniglie, Castagnole Monferrato, Refrancore, Viarigi, Accorneri, Quarto, Valenzani, Castello di Annone, Crocetta, Cerro Tanaro, Rocchetta Tanaro, Rocca di Arazzo, Montemarzo, Azzano d'Asti, Santa Caterina di Rocca d'Arazzo, Quattordio, Masio, Abbazia

Storia

La diocesi di Asti risale al IV secolo. Il primo vescovo astigiano, menzionato in un documento (451), fu il vescovo Pastore.

All'inizio la diocesi comprendeva un vastissimo territorio che includeva la diocesi di Mondovì (poi staccatasi nel 1388), parte di quella di Alba, di Alessandria, Casale, Cuneo ed alcune parrocchie di Torino e Fossano.

I vescovi di Asti nella seconda metà del X secolo ottennero dagli imperatori sassoni il potere temporale e spirituale sulla città e sull’ingentissimo patrimonio sparso per la vasta diocesi.

Ad Asti, sotto l'episcopato del vescovo Rozone (X secolo), venne per breve tempo aggregata interamente la diocesi di Alba. Ma fu Oddone III che nel 1091 ottenne il potere comitale sulla città ed il suo territorio.

Nel 1775 fu inaugurato il nuovo Seminario vescovile, opera di Benedetto Alfieri, su iniziativa del vescovo Paolo Maurizio Caissotti (17611786).

Lo stesso vescovo il 17 maggio 1784 fece rinuncia del potere temporale a vantaggio del regno di Sardegna ottenendo dal re Vittorio Amedeo III il titolo di Principe della Chiesa di Asti e una dotazione annua.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Principe della Chiesa di Asti.

Con il periodo napoleonico abbazie, monasteri e luoghi di culto vennero spogliati degli arredi e venduti all'asta, altri caddero in rovina e molti furono abbattuti.

Molti ordini monastici vennero soppressi, ridimensionando la presenza religiosa nella diocesi astigiana.

Tra Ottocento e Novecento, la diocesi rifiorì scoprendo una grande vocazione verso le iniziative sociali e missionarie. Tra i moltissimi religiosi astigiani impegnati nel sociale si elevano le figure di san Giuseppe Marello, fondatore degli Oblati di San Giuseppe ed il cardinale Guglielmo Massaia missionario in Etiopia.

Cronotassi dei vescovi

Astigiani con incarichi in altre diocesi

Statistiche

Giornale diocesano

La diocesi di Asti ha un suo settimanale d'informazione che si chiama Gazzetta d'Asti fondato nel 1899.

Note
  1. 1,0 1,1 1,2 1,3 1,4 Per quello che riguarda i vescovi della diocesi astigiana dei primi secoli, ed in particolare per le notizie riguardanti Aniano, Anastasio, Secondo, Evasio ed Evasino, le notizie fanno riferimento agli studi tratti dai testi di Guglielmo Visconti, Diocesi di Asti e Istituti di vita religiosi, Asti 2006 e dagli studi pubblicati sulla rivista il Platano da don S. Dacquino nel 1979.
Fonti
Bibliografia
  • Giuseppe Assandria, Il libro verde della Chiesa di Asti, Pinerolo 1904
  • Pietro Giovanni Boateri, Serie cronologica-storica de' Vescovi della Chiesa d'Asti, Asti 1807
  • Gaspare Bosio, Storia della Chiesa di Asti, Asti 1894
  • Ferdinando Gabotto, Le più antiche carte dell'archivio capitolare di Asti (Corpus Chart. Italiae XIX). Pinerolo Chiantore-Mascarelli 1904
  • Lorenzo Gentile Storia della Chiesa di Asti, Asti 1934
  • Ferdinando Ughelli, in Italia Sacra, Astenses Episcopi, Venezia 1719
  • Carlo Vassallo, Gli Astigiani sotto la dominazione straniera, Firenze 1879
  • Guglielmo Visconti, Diocesi di Asti e Istituti di vita religiosi, Asti 2006
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.