Luigi Frezza

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Luigi Frezza
Sstemma Frezza Luigi.jpg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"

Card. Frezza Luigi.png

'
Titolo cardinalizio
Età alla morte 54 anni
Nascita Civita Lavinia
23 maggio 1783
Morte Roma
14 ottobre 1837
Sepoltura Chiesa di Sant'Onofrio al Gianicolo (Roma)
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale 11 giugno 1808
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo 2 ottobre 1826 papa Leone XII
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile 19 novembre 1826 dal Cardinal Pietro Francesco Galleffi
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo 15 dicembre 1828 papa Leone XII
Elevazione a Patriarca
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
Creazione
a Cardinale
11 luglio 1836 da Gregorio XVI (23 giugno 1834 in pectore) (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Luigi Frezza (Civita Lavinia, 23 maggio 1783; † Roma, 14 ottobre 1837) è stato un cardinale e arcivescovo italiano.

Cenni biografici

Luigi nacque a Civita Lavinia, l'odierna Lanuvio, diocesi di Albano, il 27 maggio 1783 da Giovanni Felice, di famiglia agiata, e dalla moglie Caterina nata Auconi.

Nel febbraio del 1798, dopo l'occupazione delle truppe francesi e un episodio di sanfedismo, Civita Lavinia fu costretta a darsi istituzioni repubblicane e il padre di Luigi fu tra quei magistrati che tentarono di risparmiare gravi conseguenze alla comunità senza però riuscire a scongiurare l'imposizione di una forte taglia.

Frezza studiò nell'Archiginnasio di Roma e poi all'università Gregoriana, dove si laureò in utroque iure segnalandosi per la profondità della sua preparazione. Nel 1808, Seguendo la sua vocazione religiosa, venne ordinato sacerdote, e gli fu affidata la guida del Collegio Romano in sostituzione del cardinale Bartolomeo Pacca.

Il 27 settembre 1817 Papa Pio VII lo nominò consultore di Propaganda Fide. Con papa Leone XII si ebbe una decisa accelerazione alla sua carriera: dapprima questi lo nominò cameriere segreto partecipante, poi lo inserì nel Collegio teologico dell'università romana e quindi gli affidò l'incarico di consultore delle congregazioni dell'Indice e degli Affari ecclesiastici straordinari il 17 giugno 1826.

Frezza aumentò la sua autorità all'interno della Curia, dove lo si considerava vicino al gruppo dei cardinali "zelanti" per la sua netta chiusura a tutte le istituzioni politiche moderne e per l'avversione con cui considerava ogni ipotesi di riforma.

Nel 1826 fu nominato vescovo della diocesi di Sezze, Terracina e Priverno. Fu consacrato vescovo il 2 ottobre nella chiesa romana di San Silvestro al Quirinale dal Cardinal Pietro Francesco Galleffi, assistito dai monsignori Pietro Caprano, allora segretario di Propaganda Fide e da Giovanni Soglia Ceroni, allora vescovo titolare di Efeso. La permanenza a Terracina durò due anni e non lasciò altri segni all'infuori di un tentativo di ridare vigore al seminario di Sezze migliorando la qualità dell'insegnamento. Leone XII accolse la sua richiesta di rinunzia per motivi di salute nel concistoro del 15 novembre 1828 elevandolo a arcivescovo in partibus infidelium della sede titolare di Calcedonia e richiamandolo a Roma, dove il 9 ottore fu nominato segretario del tribunale del Vicario e nel dicembre seguente assunse anche il segretariato della congregazione per gli affari ecclesiastici straordinari.

La congregazione voluta da Pio VII nel 1814 si era attenuta per molti anni alle funzioni che le erano state attribuite in origine e aveva esercitato agli inizi della Restaurazione. Nell'interpretazione attivistica che ne diede il Frezza, negli otto anni che resse il segretariato, la congregazione dilatò le proprie competenze fino a configurarsi come una specie di supergoverno della Chiesa. Tutto ciò si verificò non tanto durante il breve pontificato di Pio VIII, ma nei primi sei anni del pontificato di Gregorio XVI e in coincidenza con la strategia antiliberale che questo papa non aveva esitato a lanciare appena salito sul trono.

Il segretario tenne fede alla sua fama di uomo rigido quando non del tutto incapace di duttilità. Più di una volta però commise l'errore di personalizzare i problemi ponendosi in urto con i nunzi Francesco Tiberi Contigliano e Filippo de Angelis che rappresentavano il papa rispettivamente in Spagna e in Svizzera, al punto da creare parecchi imbarazzi al segretario di Stato Tommaso Bernetti.

Creato cardinale in pectore nel 1834, il Frezza fu pubblicato l'11 luglio 1836. Con il conferimento della porpora cessavano le sue funzioni di segretario degli Affari ecclesiastici straordinari ma restava, e anzi risultava accresciuta, la partecipazione alla vita della Curia come membro di altre congregazioni, quali la Concistoriale e quella dell'Indice. Nel 1835, con la procedura prevista per i "soggetti di straordinaria reputazione" fu cooptato ai vertici dell'Accademia di religione cattolica. Lo aspettava probabilmente una carriera in posizioni di maggiore autorevolezza quando, improvvisamente, sopraggiunse la morte, avvenuta a Roma il 14 ottobre 1837 forse per il colera che in quei giorni mieteva vittime in tutta la città. La salma fu tumulata nella Chiesa di Sant'Onofrio al Gianicolo del suo ordine.

Genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Vescovo di Terracina, Sezze e Priverno Successore: BishopCoA PioM.svg
Carlo Cavalieri Manassi (Ch) 2 ottobre 1826 - 15 dicembre 1828 Bernardino Panzacchi, O.F.M. (Ch) I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Carlo Cavalieri Manassi (Ch) {{{data}}} Bernardino Panzacchi, O.F.M. (Ch)
Predecessore: Arcivescovo titolare di Calcedonia Successore: Archbishop CoA PioM.svg
Carlo Zen 15 dicembre 1828 - 11 luglio 1836 Pierre-Dominique-Marcellin Bonamie, SS.CC. I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Carlo Zen {{{data}}} Pierre-Dominique-Marcellin Bonamie, SS.CC.
Predecessore: Segretario della Congregazione per gli Affari Ecclesiastici Straordinari Successore: Emblem Holy See.svg
Castruccio Castracane degli Antelminelli 15 dicembre 1828 - 11 luglio 1836 Francesco Capaccini I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Castruccio Castracane degli Antelminelli {{{data}}} Francesco Capaccini
Predecessore: Segretario della Congregazione Concistoriale Successore: Emblem Holy See.svg
Paolo Polidori 1º ottobre 1831 - 11 luglio 1836 ? I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Paolo Polidori {{{data}}} ?
Predecessore: Cardinale presbitero di Sant'Onofrio Successore: CardinalCoA PioM.svg
Giovanni Battista Zauli 11 luglio 1836 - 14 ottobre 1837 Giuseppe Gasparo Mezzofanti I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giovanni Battista Zauli {{{data}}} Giuseppe Gasparo Mezzofanti
Bibliografia
  • Giuseppe Monsagrati, FREZZA, Luigi su treccani.it, Treccani Dizionario degli Italiani, 1998 URL consultato il 25-06-2019

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.