San Massimo il Confessore

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
San Massimo il Confessore
Monaco
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
Santo
Padre della Chiesa

92298C.JPG

{{{didascalia}}}
{{{motto}}}
Titolo
{{{titolo}}}
Età alla morte circa 83 anni
Nascita Palestina
579 o 580
Morte Lazica
13 agosto 662
Sepoltura
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Appartenenza
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Arcivescovo dal {{{elevato}}}
Patriarca dal {{{patriarca}}}
Arcieparca dal {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da Chiesa cattolica, Chiesa ortodossa
Venerabile il [[]]
Beatificazione [[]]
Canonizzazione [[]]
Ricorrenza 13 agosto
Altre ricorrenze 21 gennaio per la Chiesa ortodossa
Santuario principale
Attributi
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di
Collegamenti esterni
Scheda su santiebeati.it
Virgolette aperte.png
E proprio per ricondurre a sé gli uomini Dio fece cose straordinarie, anzi diede la massima prova della sua infinita bontà. Per questo il Verbo del Padre, con un atto di inesprimibile umiliazione e con un atto di incredibile condiscendenza si fece carne e si degnò di abitare tra noi. Fece, patì e disse tutto quello che era necessario a riconciliare noi, nemici e avversari di Dio Padre. Richiamò di nuovo alla vita noi che ne eravamo stati esclusi. Il Verbo divino non solo guarì le nostre malattie con la potenza dei miracoli, ma prese anche su di sé l'infermità delle nostre passioni, pagò il nostro debito mediante il supplizio della croce, come se fosse colpevole, lui innocente [1].
Virgolette chiuse.png
(Dalle Lettere di san Massimo Confessore, abate (Lett. 11; PG 91, 454-455))
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 13 agosto, n. 5:
« Nella fortezza di Schemaris presso la riva del fiume Tzkhenis Dsqali sulle montagne del Caucaso, transito di san Massimo il Confessore, abate di Crisopoli vicino a Costantinopoli: insigne per dottrina e zelo per la verità cattolica, che per avere strenuamente combattuto contro l'eresia monotelita subì dall'imperatore eretico Costante l'amputazione della mano destra; insieme a due discepoli, entrambi di nome Anastasio, fu poi relegato, dopo un duro carcere e numerose torture, nella regione di Lesghistan, dove rese lo spirito a Dio. »
San Massimo il Confessore (Palestina, 579 o 580; † Lazica, 13 agosto 662) è stato un abate e teologo bizantino, è venerato come santo dalla Chiesa cattolica e ortodossa che lo ricordano rispettivamente il 13 agosto e il 21 gennaio. Egli è chiamato il Confessore perché ebbe tagliate la mano destra e la lingua come condanna per aver rifiutato il monotelismo.

Biografia

Dopo aver ricevuto un'ottima formazione letteraria e filosofica, compì in breve tempo una brillante carriera politica fino a raggiungere l'alta carica di segretario dell'imperatore.

Nel 630 abbandonò l'incarico e divenne monaco entrando nel monastero di Crisopoli, l'attuale Scutari.

Nel 645 è attivo a Cartagine, impegnato a combattere le eresie che allora laceravano la Chiesa; in particolare contrasta l'eresia cristologica del monotelismo, secondo cui, anche se in Cristo ci sono due nature, Egli è dotato di una sola volontà, quella divina. Per ottenere la condanna di questa eresia si impegnò in molti sinodi africani e prese parte al Concilio lateranense del 649 che si concluse con la condanna sia del monotelismo, sia dei vescovi e dei patriarchi che l'avevano sostenuto.

L'imperatore cercò con ogni mezzo di far mutare la sentenza del Concilio e risultando vani tutti i tentativi, fece tagliare la lingua e la mano di Massimo, in segno di spregio. Questa mutilazione rese assai penoso l'ultimo periodo della sua vita, che si concluse il 13 agosto 662.

Opere

Numerose sono le opere di Massimo, di cui 11 contro il monofisismo e 23 conttro il monotelismo. Compose anche commenti a Dionigi l'Areopagita e a Gregorio Nazianzeno.

Le sue opere più importanti sono :

  • Liber asceticus , libro ascetico
  • 500 Capita Theologica, Cinquecento sentente teologiche
  • Capita gnostica, Sentenze gnostiche
  • Ambigua, Teorie ambigue

La sue opere intendono principalmente chiarire la cristologia e la cosmologia, ed hanno uno spiccato taglio speculativo.

Pensiero

Massimo fu un grandissimo esponente della filosofia cristiana di indirizzo neoplatonico. Il suo pensiero, infatti, si snoda seguendo l'impostazione neoplatonica dell' exitus e del reditus e si rivela estremamente penetrante nella trattazione dei temi dottrinari tipici del suo tempo.

Si caratterizza per la sottile ed ardita speculazione, tipica dei teologi bizantini, e per il suo costante riferimento alla realtà storica ed all'unità della Chiesa.

Temi fondamentali del suo pensiero sono :

  • la cristologia
  • la dottrina antropologica
  • la dottrina su Dio

La cristologia

Il tema centrale del pensiero di Massimo è Cristo, di cui ha profondamente meditato i misteri per difenderne l'integrità della natura umana.

Il suo apporto in campo cristologico è stato decisivo, soprattutto per quanto riguarda la volontà umana di Cristo, per combattere quella forma moderata di monofisismo che è il monotelismo. Massimo afferma che questa eresia non salvaguarda in alcun modo l'integrità della natura umana di Cristo, che dell'uomo ha assunto tutto, tranne il peccato.

Essendo in possesso di due nature, Cristo era necessariamente dotato di due volontà, una divina ed una umana.

Nella volontà umana distingue due forme :

  • una naturale, Thelema physikon, un volere spontaneo sempre orientato naturalmente al bene
  • una razionale,Thelema gnomikon, che esige deliberazione e ha come punto di partenza l'ignoranza

Di questi due tipi di volontà attribuisce a Cristo soltanto la prima perché Egli non era soggetto a nessuna ignoranza. Per questo motivo poté conformare la sua volontà a quella del Padre e operare la riunione degli uomini e di tutto il cosmo con Lui.

Cristo è dunque causa di salvezza e ideale di santificazione, per cui l'imitazione di Cristo diventa la via maestra della vita cristiana. Cristo ha rivelato Dio, unità nella Trinità. L'uomo aspira per "natura" a Dio, ma è la sua unione "soprannaturale" con Cristo nel battesimo a renderlo capace di realizzare liberamente questa aspirazione, combattendo il peccato e praticando le virtù.

La dottrina antropologica

Massimo assegna all'uomo, che definisce copula mundi, grande pontefice del cosmo, un ruolo centrale.

Nell'elaborare la sua dottrina antropologica, utilizza lo schema platonico delle triadi, basandola su:

  • ghenesis, la genesi
  • kinesis, il cambiamento
  • stasis, la quiete

Per raggiungere la perfetta realizzazione di se stesso , la stasis, l'uomo ha bisogno di un lungo processo di purificazione.

Per spiegare l'esistenza dell'individuo si serve dei termini : einai, essere, eu einai, benessere e aei einai eternità.

L'uomo è nella visione antropologica di Massimo, una creatura che nel momento della genesi non ha ancora raggiunto il benessere, ma gode del singolare privilegio di poterlo conseguire insieme all'eternità; tale privilegio è affidato al suo libero arbitrio sebbene l'eternità mantenga sempre il carattere di dono da parte di Dio.

L'uomo realizza pienamente se stesso nella collaborazione spirituale ad un movimento naturale, e nella presa di coscienza dell'orientamento di tale movimento. Fondamentale è dunque l'esercizio del libero arbitrio, perché il benessere è opera dell'uomo, nella misura in cui opera secondo quanto disposto da Dio. La scelta del bene è opera dell'uomo, ma il conseguimento effettivo del benessere è opera della grazia di Dio. Traguardo finale della vita umana è la contemplazione di Dio che si può raggiungere soltanto con l'aiuto della grazia.

La dottrina su Dio

La dottrina su Dio presenta una sostanziale consonanza con quella del suo maestro, Dionigi l'Areopagita. Anche per lui, infatti, Dio è talmente immanente nel mondo da diventare "trasparente" agli occhi dell'intelligenza umana; quindi, rende impossibile ogni concettualizzazione della sua essenza. Quando l'uomo considera la natura dell'universo e la sua bellezza, riesce a risalire al suo creatore, ma non a conoscerne l'essenza e il suo essere, come sono, perché questo è impossibile.

Dio è per Massimo un soffio che passa attraverso il cosmo. Trasfonde tutto se stesso in tutti, ma non si confonde con il creato. L'essenza di Dio non si identifica con la realtà, ma la rende vitale. Nessuno, afferma nei suoi scritti[2], sarà mai in grado di spiegare in quale modo Dio sia immanente nella totalità delle cose, senza essere diviso nella varietà infinita delle cose diverse, senza ridurre ad una totalità unificante le divergenze degli esseri, e restare tutto in tutti.

Note
  1. http://www.vatican.va/spirit/documents/spirit_20010328_massimo-confessore_it.html La misericordia di Dio verso coloro che si pentono dei loro peccati] sito della [Santa Sede
  2. Cfr. Ambigua, 1257 B
Bibliografia
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.