Santa Teresa di Lisieux

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Disambig-dark.svg
Nota di disambigua - Se stai cercando altri significati del nome Santa Teresa, vedi Santa Teresa (disambigua).
Santa Teresa di Lisieux, O.C.
Religiosa
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo Thérèse Françoise Marie Martin
Santa
Vergine e dottore della Chiesa

TeresadiLisieux.JPG

{{{motto}}}
Titolo
{{{titolo}}}
Età alla morte 24 anni
Nascita Alençon
2 gennaio 1873
Morte Lisieux
30 settembre 1897
Sepoltura
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa 9 aprile 1888
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Appartenenza
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Arcivescovo dal {{{elevato}}}
Patriarca dal {{{patriarca}}}
Arcieparca dal {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi

Iter verso la canonizzazione

Venerata da Chiesa cattolica
Venerabile il [[]]
Beatificazione 29 aprile 1923, da Pio XI
Canonizzazione 17 maggio 1925, da Pio XI
Ricorrenza 1° ottobre
Altre ricorrenze
Santuario principale
Attributi Giglio, Rosa
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrona di Missionari e Francia
Collegamenti esterni
Scheda su santiebeati.it
Virgolette aperte.png
Basta uno spillo raccolto per terra con amore per salvare un'anima.
Virgolette chiuse.png
(Santa Teresa di Gesù bambino[1])
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 1° ottobre, n. 1:
« Memoria di santa Teresa di Gesù Bambino, vergine e dottore della Chiesa: entrata ancora adolescente nel Carmelo di Lisieux in Francia, divenne per purezza e semplicità di vita maestra di santità in Cristo, insegnando la via dell’infanzia spirituale per giungere alla perfezione cristiana e ponendo ogni mistica sollecitudine al servizio della salvezza delle anime e della crescita della Chiesa. Concluse la sua vita il 30 settembre, all’età di venticinque anni. »

30 settembre, n. 14, ricorrenza secondaria:

« A Lisieux in Francia, anniversario della morte di santa Teresa di Gesù Bambino, la cui memoria si celebra domani »
Santa Teresa di Lisieux, al secolo Thérèse Françoise Marie Martin, detta Doctor Amoris e conosciuta anche come Santa Teresa di Gesù Bambino (Alençon, 2 gennaio 1873; † Lisieux, 30 settembre 1897), è stata una religiosa e mistica francese.

Monaca carmelitana presso il monastero di Lisieux, è venerata come santa dalla Chiesa cattolica. La sua festa liturgica ricorre il 1º ottobre.

Patrona dei missionari dal 1927, dal 1944, assieme a Santa Giovanna d'Arco, è considerata anche patrona di Francia.

Il 19 ottobre 1997 è stata dichiarata Dottore della Chiesa, la terza donna a ricevere tale titolo dopo Santa Teresa d'Avila e Santa Caterina da Siena.

Biografia

La prima infanzia ad Alençon (1873-1877)

Thérèse Martin, ultimogenita dei santi Luigi Martin e Maria Zelia Guerin, nacque il 2 gennaio 1873 in rue Saint-Blaise 42, ad Alençon.

In gioventù entrambi i suoi genitori avevano desiderato abbracciare la vita consacrata, desiderio che nessuno dei due poté realizzare. La dimensione religiosa fu molto presente nella loro vita matrimoniale. I coniugi Martin sono venerati come beati dalla Chiesa cattolica. A metà marzo 1873, Thérèse fu data a balia presso una contadina, Rosa Taillè, dove visse per circa un anno. Thérèse Martin rimase orfana di madre all'età di quattro anni.

Il trasferimento a Lisieux

Alla morte di Marie-Azélie , lo zio Isidore Guerin, fratello della madre, fu nominato co-tutore delle cinque sorelle Martin. Il 15 novembre 1877, Louis Martin si trasferì a Buissonnets, nella periferia di Lisieux, per stare più vicino al cognato, che a Lisieux gestiva una farmacia. La cugina minore, Marie, fu compagna di giochi di Thérèse e ne diventò una delle sue allieve quando alla santa fu affidato l'incarico di maestra delle novizie.

Un rapporto quasi filiale legava Thérèse alle sue sorelle maggiori, Pauline e Marie. Nel 1882, quando Pauline entrò nel monastero delle carmelitane, la crisi innescata dalla morte della madre si acuì e Thérèse giunse a somatizzare il suo stato psichico. Avrebbe desiderato seguire la sorella in convento, ma ciò le fu negato per la sua giovane età. Questa prima crisi si risolse nel giro di pochi mesi, ma si ripresentò con l'ingresso in convento dell'altra sorella, Marie, nel 1886.

Nella notte del successivo Natale, Thérèse risolse la sua nevrosi e maturò in lei il desiderio di diventare suora carmelitana, seguendo le orme delle sorelle.

Le preghiere per Enrico Pranzini

Thérèse Martin seguì, per circa due mesi, sul quotidiano La Croix lo svolgersi del processo di Enrico Pranzini, che aveva assassinato tre donne. Thèrèse, in una sorta di sfida personale contro il male e quasi per provare la solidità della sua fede prese come compito quello di convertire il "grande criminale" coinvolgendo in quest'azione di preghiera anche sua sorella Celine. Gli sforzi di Thérèse furono in un certo senso ricompensati quando apprese dal giornale che, sul patibolo, Pranzini si pentì delle sue azioni e baciò il crocifisso dopo un primo rifiuto.

Ingresso in monastero (1886 - 1888)

Santa Teresa di Lisieux durante il noviziato

All'età di 14 anni Teresa decise quindi, seguendo l'esempio di Teresa d'Avila, di farsi monaca. Sebbene le monache del Carmelo avessero dato il loro parere favorevole, e il padre e con qualche difficoltà anche lo zio avessero dato la loro autorizzazione, per la sua giovane età trovò l'opposizione del parroco di Saint-Jacques, il reverendo Delatroètte, che le consigliò di rivolgersi al Vescovo. Nel novembre 1887 il vescovo di Bayeux, Flavien-Abel-Antoinin Hugonin, le negò il permesso e lei intraprese con il padre Louis e la sorella prediletta Celine un viaggio a Roma per rivolgere questa sua richiesta direttamente a papa Leone XIII.

Viaggio in Italia

Nel 1887, per i 50 anni di sacerdozio di papa Leone XIII, le diocesi di Coutances e di Bayeux organizzarono un pellegrinaggio a Roma, dal 7 novembre al 2 dicembre. Al viaggio partecipò un gruppo di 197 pellegrini, tra cui i Martin.

A Roma, durante l'udienza con Leone XIII, nonostante il divieto di parlare in presenza del Papa imposto dal vescovo di Bayeux, Teresa si inginocchiò davanti al Pontefice, chiedendogli di intervenire in suo favore per l'ammissione in convento. Il Papa tuttavia non diede l'ordine auspicato, ma le rispose che, se la sua entrata in monastero era scritta nella volontà di Dio, questo desiderio si sarebbe certamente adempiuto.

Sulla via del ritorno il vescovo cambiò opinione su Thérèse e diede il proprio permesso. A poco più di quindici anni, il 9 aprile 1888, Thèrèse assunse il nome di "Teresa del Bambin Gesù", aggiungendovi in seguito "del Volto Santo". Il suo nome completo da religiosa fu dunque "Teresa del Bambin Gesù del Volto Santo".

La vita in monastero (aprile 1888 - 1896)

Santa Teresa di Lisieux nelle vesti di Giovanna d'Arco, durante una recita all'interno del Carmelo, da lei stessa composta. Foto del 1892.

In monastero conobbe la fondatrice del carmelo di Lisieux, Madre Genoveffa, al secolo Claire Bertrand. Quest'anziana monaca fu modello di vita monastica e riferimento teologico per Teresa. Fu lei infatti che la esortò a coltivare il valore della pace, e attorno a questo tema Teresa ricamò il suo pensiero teologico.[senza fonte]

Nel 1893 fu nominata vice-maestra delle novizie, in aiuto alla priora madre Maria Gonzaga.

Nel 1894, dopo una lunga convalescenza, Louis Martin morì, e Celine che lo aveva accudito, entrò nello stesso Carmelo dove già si trovano le sorelle.

La morte

Nell'aprile del 1896 la suora contrasse la tubercolosi, malattia che nel giro di diciotto mesi la portò alla morte. A partire dall'8 luglio 1897 Teresa lasciò definitivamente la sua cella per l'infermeria del monastero. La religiosa morì il 30 settembre, tra le 19 e le 20. Il giorno dopo il suo corpo venne esposto nel coro, dietro le grate.

Davanti al feretro sfilarono fino alla domenica sera parenti, amici e fedeli facendo toccare al corpo esanime di Teresa rosari e medaglie, secondo l'usanza di quei tempi. La mattina del 4 ottobre un carro funebre trainato da due cavalli condusse la salma nel nuovo cimitero delle Carmelitane e ne occupò il primo posto.

Note
  1. Citato in Natale Ginelli, La tua via, Edizioni Paoline, 1957
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.