Alessandro Crescenzi

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Alessandro Crescenzi, C.R.S.
Kardinalpallium.png
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

1675 ALEXANDER CRESCENTIUS - CRESCENZI ALESSANDRO.jpg

'
Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte 80 anni
Nascita Roma
12 settembre 1607
Morte Roma
8 maggio 1688
Sepoltura Chiesa di Santa Maria in Vallicella
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo 13 giugno 1643
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile 26 giugno 1643 da Alessandro Cesarini (1627)
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
27 maggio 1675 da Clemente X (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Alessandro Crescenzi (Roma, 12 settembre 1607; † Roma, 8 maggio 1688) è stato un nunzio apostolico, cardinale e arcivescovo italiano.

Cenni biografici

Nacque a Roma il 12 settembre 1607, figlio del nobile romano Giovanni Battista Crescenzi e della moglie Anna nata Massimi. La famiglia annovera altri prelati come i cardinali Marcello Crescenzi (1542) e Pier Paolo Crescenzi di cui Alessandro era nipote.

Compì gli studi umanistici al Collegio Romano, poi entrò nell'Ordine dei cappuccini per poi passare alla Congregazione dei chierici regolari somaschi. In essa portò a termine gli studi superiori e rimase fino al 1643, quando fu creato vescovo di Termoli. Fu consacrato vescovo a Roma il 26 luglio di quell'anno dal cardinal Alessandro Cesarini iuniore. Il 13 giugno dell'anno successivo venne trasferito alle sedi unite di Ortona e Campli, e il 26 agosto del 1652 fu nominato vescovo di Bitonto, titolo che mantenne fino al 1668.

Il 16 novembre 1646 papa Alessandro VII lo nominò nunzio a Torino, dopo la morte di mons. Giovanni Battista Landi, e là rimase sino al 30 dicembre 1658. Del suo operato presso la corte dei Savoia il Crescenzi fornisce dettagliati ragguagli in una relazione conservata presso la Biblioteca Vaticana. Da essa si evince come la sua missione si fosse rivelata alquanto difficile e delicata, specie per i contrasti col potere civile in materia giurisdizionale.

Rientrato a Roma nel 1671 fu nominato patriarca titolare del Patriarcato di Alessandria dei Latini.

Fu elevato alla dignità cardinalizia nel concistoro del 27 maggio 1675 e il 15 giugno seguente ricevette la berretta rossa con il titolo di cardinale presbitero di Santa Prisca. Il 24 febbraio 1676 venne nominato arcivescovo (titolo personale) di Recanati e Loreto.

In questo periodo riemersero fra il Crescenzi e il cardinal Paluzzo Altieri, protettore del santuario di Loreto, dissapori e contrasti già sorti in precedenza, quando nel conclave del 1676, nel quale fu eletto papa Innocenzo XI, il Crescenzi si era rifiutato di obbedire alle istruzioni dei capigruppo Altieri e Chigi, mantenendo la sua indipendenza nella scelta del candidato. In quel conclave il nostro ottenne numerosi voti, anche se ben presto si profilò netta la vittoria del cardinal Odescalchi.

Lasciato il vescovado di Recanati nel 1682, si ritirò a Roma dove abbellì la chiesa del suo titolo, santa Prisca. Il 9 aprile 1685, a seguito della morte del cardinal camerlengo Girolamo Gastaldi, il papa lo nominò suo successore. Ricoprì il mandato sino alla scadenza del precedente e fu riconfermato per un nuovo anno camerlengo del collegio cardinalizio sino al l3 marzo 1687.

Morì a Roma l'8 maggio 1688, colpito da apoplessia mentre celebrava la messa. Fu sepolto in santa Maria della Vallicella.

Genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Vescovo di Termoli Successore: BishopCoA PioM.svg
Gerolamo Cappello (Ch), O.F.M. Conv. 13 luglio 1643 - 13 giugno 1644 Cherubino Manzoni (Ch), O.F.M. I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Gerolamo Cappello (Ch), O.F.M. Conv. {{{data}}} Cherubino Manzoni (Ch), O.F.M.
Predecessore: Vescovo di Ortona Successore: BishopCoA PioM.svg
Francesco Antonio Biondo (Ch) , O.F.M. Conv. 13 giugno 1644 - 26 agosto 1652 Carlo Bonafaccia (Ch) I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Francesco Antonio Biondo (Ch) , O.F.M. Conv. {{{data}}} Carlo Bonafaccia (Ch)
Predecessore: Nunzio apostolico nel Ducato di Savoia Successore: Emblem Holy See.svg
Giovanni Battista Landi 16 novembre 1646 - 24 dicembre 1658 Carlo Roberti Vittori I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giovanni Battista Landi {{{data}}} Carlo Roberti Vittori
Predecessore: Vescovo di Bitonto Successore: BishopCoA PioM.svg
Fabrizio Carafa (Ch) 26 agosto 1652 - 14 maggio 1668 Tommaso Acquaviva d'Aragona (Ch), O.P. I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Fabrizio Carafa (Ch) {{{data}}} Tommaso Acquaviva d'Aragona (Ch), O.P.
Predecessore: Patriarca titolare di Alessandria Successore: PatriarchNonCardinal PioM.svg
Federico Borromeo 19 gennaio 1671 - 27 maggio 1675 Aloisio Bevilacqua (Ch) I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Federico Borromeo {{{data}}} Aloisio Bevilacqua (Ch)
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Prisca Successore: CardinalCoA PioM.svg
Carlo Pio di Savoia iuniore 15 luglio 1675 - 8 maggio 1688 Marcello Durazzo I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Carlo Pio di Savoia iuniore {{{data}}} Marcello Durazzo
Predecessore: Vescovo di Recanati e Loreto
(titolo personale di arcivescovo)
Successore: BishopCoA PioM.svg
Giacinto Cordella (Ch) 24 febbraio 1676 - 9 gennaio 1682 Guarnerio Guarnieri (Ch) I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giacinto Cordella (Ch) {{{data}}} Guarnerio Guarnieri (Ch)
Predecessore: Camerlengo del Collegio Cardinalizio Successore: Emblem Holy See.svg
Girolamo Gastaldi 9 aprile 1685 - 3 marzo 1687 Galeazzo Marescotti I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Girolamo Gastaldi {{{data}}} Galeazzo Marescotti
Bibliografia
  • Irene Polverini Fosi, Dizionario Biografico degli Italiani, Vol. 30, 1984, online

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.