Chiesa di San Gregorio Magno al Celio (Roma)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
1leftarrow.png Voce principale: Chiese di Roma.
Chiesa di San Gregorio Magno al Celio
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO
Celio - san Gregorio - 1733.JPG
Roma, Chiesa di San Gregorio Magno al Celio
Altre denominazioni
Stato bandiera Italia
Regione bandiera Lazio


Regione ecclesiastica Lazio

Provincia Roma
Comune Stemma Roma
Località
Diocesi Roma
Vicariatus Urbis
Religione Cattolica
Indirizzo
Telefono
Fax
Posta elettronica [mailto: ]
Sito web

Sito ufficiale

Sito web 2
Proprietà
Oggetto tipo Chiesa
Oggetto qualificazione
Dedicazione San Gregorio Magno
Vescovo
Sigla Ordine qualificante O.S.B. Cam.
Sigla Ordine reggente O.S.B. Cam.
Fondatore
Data fondazione
Architetti

Giovan Battista Soria
Francesco Ferrari

Stile architettonico
Inizio della costruzione VIII secolo
Completamento
Distruzione
Soppressione
Ripristino {{{Ripristino}}}
Scomparsa {{{Scomparsa}}}
Data di consacrazione
Consacrato da {{{ConsacratoDa}}}
Data di inaugurazione {{{AnnoInaugur}}}
Inaugurato da {{{InauguratoDa}}}
Titolo Santi Andrea e Gregorio al Monte Celio (titolo cardinalizio)
Strutture preesistenti insulae e domus romane
Pianta basilicale
Tecnica costruttiva
Materiali
Data della scoperta {{{Data scoperta}}}
Nome scopritore {{{Nome scopritore}}}
Datazione scavi {{{Datazione scavi}}}
Scavi condotti da {{{Scavi condotti da}}}
Altezza Massima
Larghezza Massima
Lunghezza Massima {{{LunghezzaMassima}}}
Profondità Massima
Diametro Massimo {{{DiametroMassimo}}}
Altezza Navata
Larghezza Navata
Altitudine {{{Altitudine}}}
Iscrizioni
Marcatura
Utilizzazione
Note
Coordinate geografiche
<span class="geo-dms" title="Mappe, foto aeree ed altre informazioni per 41°53′09″N Errore nell'espressione: operatore < inatteso.°Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore >= inatteso.">41°53′09″N Errore nell'espressione: operatore < inatteso.°Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore >= inatteso. / 41.885868, bandiera Italia
Patrimonio UNESCO.png Patrimonio dell'umanità
{{{nome}}}
{{{nomeInglese}}}
[[Immagine:{{{immagine}}}|240px]]
Tipologia {{{tipologia}}}
Criterio {{{criterio}}}
Pericolo Bene non in pericolo
Anno [[{{{anno}}}]]
Scheda UNESCO
[[Immagine:{{{linkMappa}}}|300px]]
[[:Categoria:Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}|Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}]]

La Chiesa di San Gregorio Magno al Celio si trova a Roma, nel rione Celio.

Storia

Celio, Clivus Scauri: la Chiesa dei Santi Giovanni e Paolo (a sinistra) e la Biblioteca di Agapito (a destra)

In epoca imperiale l'area era intensamente urbanizzata e percorsa da diverse strade. Il clivus Scauri, che ne era l'asse principale, era tagliato dal Vicus Trium Ararum; lungo questo percorso si aprivano tabernae, i cui resti sono sotto l'attuale oratorio di Santa Barbara (ed è curioso che le tre are antiche siano state sostituite nei secoli da tre oratori). Nel tempo la zona inizialmente popolare, caratterizzata da insulae con botteghe al pianterreno, fu trasformata in residenziale dalla sostituzione di domus signorili in luogo delle precedenti insulae alla fine del III secolo.

In queste case degli Anici cominciarono ad essere fondati già dagli inizi del IV secolo luoghi privati di culto cristiano, finché sopra di esse venne fondata la Basilica dei Santi Giovanni e Paolo, sotto la quale è ancora visibile la parte meglio conservata degli antichi edifici.

Nel VI secolo papa Gregorio I, di famiglia Anicia, costruì dall'altra parte del Clivus un monastero, in cui visse a lungo, e nel 575 una piccola chiesa dedicata a sant'Andrea, e per questo veniva chiamato monastero di Sant'Andrea. Dopo la morte di san Gregorio Magno il monastero fu abbandonato. Il papa Gregorio II (715 - 731) fece ripristinare il monastero e costruire l'edificio attuale.

Nel 1633 il cardinale Scipione Borghese fece costruire il portico e la facciata su progetto di Giovanni Battista Soria.

Nel 1725 la chiesa fu nuovamente restaurata in base ai progetti di Giuseppe Serratini e di Francesco Ferrari. Un altro restauro fu effettuato nel 1830 a spese del cardinale Giacinto Zurla.

L'aspetto attuale è quello di Giovan Battista Soria nel 1629 - 1633; Francesco Ferrari (1725-1734) ha progettato l'interno.

Descrizione

Esterno

Davanti alla chiesa si trova una lunga scalinata che sale da Via di San Gregorio, la strada che separa il Celio dal Palatino. La facciata, per stile e materiale utilizzato, ricorda quella di Chiesa di San Luigi dei Francesi; essa precede un cortile porticato sul quale si affaccia la chiesa vera e propria con una seconda facciata.

Il portico ospita alcune tombe che inizialmente si trovavano all'interno e che furono spostate qui quando il cardinale Borghese fece costruire in portico[1]. Tra queste tombe una volta c'era anche quella della famosa cortigiana Imperia, amante del banchiere senese Agostino Chigi (1511), ma in seguito fu al suo posto messa la tomba di un canonico Guidiccioni del XVII secolo[2].

La chiesa segue la tipica pianta basilicale, con una navata centrale divisa da quelle laterali da 10 antiche colonne di granito e da pilastri.

Interno

Il pavimento cosmatesco è del XIII secolo; il soffitto è ornato da un affresco di Placido Costanzi.

La decorazione comprende gli stucchi di Ferrari (c. 1725). Sopra l'altare maggiore si trova una Madonna con i santi Andrea e Gregorio (1734) di Antonio Balestra (1734).

Il secondo altare sulla sinistra ha la Madonna in trono con Santi e Beati della famiglia Gabrielli di Gubbio, celebre opera di Pompeo Batoni (1739). Alla fine della navata, l'altare ha un bassorilievo di Luigi Capponi. Alla fine della navata si trova l'altare di San Gregorio Magno" con tre bassorilievi della fine del XV secolo.

Placido Costanzi, Trionfo di San Gregorio (1727), affresco

In fondo alla navata sinistra si trova la Cappella Salviati, su progetto di Francesco da Volterra e terminata da Carlo Maderno nel 1600: include un antico affresco rappresentante la Madonna che secondo la tradizione parlava a san Gregorio, ed un altare di marmo di Andrea Bregno ed allievi (1469).[3]

Oratori

Accanto a questa cappella è l'oratorio di papa Gregorio I dove si conserva ancora la sedia marmorea utilizzata dal pontefice.

A sinistra della chiesa, strette intorno a un giardino, ci sono tre oratori commissionati dal cardinale Cesare Baronio all'inizio del XVII secolo, a memoria del monastero di san Gregorio.

L'area dei tre oratori comprende anche i resti della Biblioteca di Agapito e alcune sottostrutture del periodo dell'Impero romano che forse sono semplicemente delle tabernae, ma uno di questi locali mostra caratteristiche che vi hanno fatto ipotizzare un punto d'incontro dei primi cristiani ed una vasca battesimale.

Oratorio di Sant'Andrea al Celio

L'oratorio centrale ha affreschi della Flagellazione di sant'Andrea del Domenichino, restaurato da Carlo Maratta; un Santi Pietro e Paolo ed un Sant'Andrea al Tempio di Guido Reni. In questo affresco la contadina sulla sinistra ha la stessa acconciatura ed atteggiamento della cosiddetta Beatrice Cenci che si trova a Palazzo Barberini[4].
Inoltre una Vergine con i santi Andrea e Gregorio del Pomarancio; e Santa Silvia e san Gregorio di Giovanni Lanfranco.

Oratorio di Santa Silvia al Celio

Situato sulla destra è dedicato alla madre di Gregorio è probabilmente è situato sopra la tomba della santa. La statua di Santa Silvia è di Nicola Cordieri e fu eseguita con la supervisione di Michelangelo. Questo oratorio ospita gli affreschi Concerto degli Angeli di Reni, San Damiano di Francesco Mancini (1679 - 1758) ed un David e Isaia di Badalocchio.

Oratorio di Santa Barbara al Celio

Questo oratorio ospita affreschi di Antonio Viviani (1602) e la statua di San Gregorio di Nicolò Cordieri. Qui si trova anche il famoso cosiddetto triclinium, dove San Gregorio di persona serviva ogni giorno il pranzo a 12 poveri di Roma. La massiccia tavola di marmo è legata alla leggenda secondo la quale un angelo un giorno si sedette alla tavola vestito da povero e poi sparì d'improvviso.

Galleria fotografica


Note
  1. D. Angeli, Le chiese di Roma.
  2. Si veda in Romaspqr.it
  3. Sopra la collocazione quattrocentesca della pala, le circostanze della commissione e la ricostruzione del aspetto originale vedi Darko Senekovic, "S. Gregorio al Celio im Quattrocento: Abt Amatisco, Reform von Monteoliveto und Stilinnovation", in: K. Corsepius, D. Mondini, D. Senekovic et al., Opus tessellatum: Modi und Grenzgange der Kunstwissenschaft (Studien zur Kunstgeschichte 157), Hildesheim/Zürich/New York : Georg Olms Verlag 2004.
  4. D. Angeli, cit.
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.