Dino Staffa

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Dino Staffa
Scannen0008.jpeg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

Dino Staffa,jpg.jpeg

{{{didascalia}}}
Lex Tua lex mea
Titolo cardinalizio
{{{titolo}}}
Età alla morte 70 anni
Nascita Lugo
14 agosto 1906
Morte Roma
7 agosto 1977
Sepoltura chiesa parrocchiale San Gabriele Arcangelo a Lugo di Romagna
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale 25 maggio 1929 dal vescovo Paolino Giovanni Tribbioli
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo 3 settembre 1960 da Giovanni XXIII
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile Roma, 28 ottobre 1960 dal Papa Giovanni XXIII
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
26 giugno 1967 da Paolo VI (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Dino Staffa (Lugo, 14 agosto 1906; † Roma, 7 agosto 1977) è stato un cardinale e arcivescovo italiano.

Biografia

La formazione e il ministero sacerdotale

Nacque il 14 agosto 1906 nella parrocchia di Santa Maria in Fabriago, frazione del comune di Lugo, diocesi di Imola, figlio di Domenico Staffa ed Emilia Gualandi. Entrato nel Seminario di Imola nel 1917, conseguì la licenza ginnasiale nel 1922. Compì in seguito gli studi di filosofia e teologia presso il Pontificio Seminario Regionale "Benedetto XV" di Bologna quando il rettore era monsignor Marcello Mimmi, futuro cardinale. Conseguì il dottorato in teologia presso la Facoltà Teologica di Bologna e in diritto canonico e civile presso il Pontificio Ateneo romano Sant'Apollinare a Roma. Fu ordinato presbitero il 25 maggio 1929 a Imola dal vescovo Paolino Giovanni Tribbioli. Intraprese il servizio pastorale nella diocesi di Imola dal 1929 al 1931 e dopo ulteriori studi a Roma, proseguì il ministero pastorale nella diocesi di Roma dal 1933 al 1950. Nominato il 4 gennaio 1936 Cappellano privato di Sua Santità, fu professore di storia del diritto canonico presso la Pontificia Università Lateranense dal 1941 al 1944. Fu nominato Sindaco della Sacra Romana Rota il 20 novembre 1944, e in seguito Segretario del Sacra Congregazione dei Seminari e delle Università degli Studi il 18 dicembre 1958.

Il ministero episcopale

Eletto Arcivescovo titolare di Cesarea di Palestina il 3 settembre 1960, fu Consacrato il 28 ottobre 1960, nella patriarcale Basilica Vaticana da Papa Giovanni XXIII, assistito da mons. Diego Venini, arcivescovo titolare di Adana, elemosiniere di Sua Santità; e da Benigno Carrara, vescovo di Imola. Nella stessa cerimonia sono stati consacrati i futuri cardinali Pericle Felici, arcivescovo titolare di Samosata, segretario generale del Concilio Vaticano II ed Egano Righi-Lambertini, arcivescovo titolare di Doclea, Nunzio apostolico in Libano. In preparazione del Concilio Vaticano II fu membro della Commissione Antepreparatoria, istituita il 16 maggio 1959 e poi consigliere della Commissione Centrale Preparatoria dal 12 luglio 1960. Dopo il Concilio Vaticano II a cui partecipò a tutte le sessioni, il 7 aprile 1967 fu nominato pro-prefetto del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica.

Il cardinalato

Fu creato cardinale del Sacro Cuore di Cristo Re nel Concistoro del 26 giugno 1967 da papa Paolo VI, con il titolo presbiterale pro illa vice dal 29 giugno 1967. Il 26 marzo 1969 fu nominato Prefetto del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica. Partecipò alla prima Assemblea straordinaria del Sinodo dei Vescovi, che si svolse nella Città del Vaticano dall'11 ottobre al 28 ottobre 1969; alla Seconda Assemblea Ordinaria del Sinodo dei Vescovi, svoltasi dal 30 settembre al 6 novembre 1971 e alla Terza Assemblea Ordinaria del Sinodo dei Vescovi, dal 27 settembre al 26 ottobre 1974. Il 24 maggio 1976 optò per il titolo cardinalizio di Cardinale presbitero di Santa Maria sopra Minerva.

La morte

Morì il 7 agosto 1977 a Roma. Originariamente fu sepolto nella tomba di famiglia nel cimitero di Massa Lombarda a Imola. In un secondo momento, i suoi resti sono stati trasferiti alla chiesa parrocchiale di San Gabriele Arcangelo a Lugo di Romagna, che aveva costruito in memoria del nipote e collocato in un sarcofago di marmo appositamente costruito.

Iscrizione

Iscrizione sulla lapide del cardinale Staffa
« S. E. E. CARDINALIS PRESBITER

DINUS STAFFA
N. 14 8 1906 M. 7 8 1977
QUAESIVIT DILEXIT DIFFUDIT
IN TERRIS LEGEM CHRISTI
EXPECTANS EXOPTANS IMPLORANS
LUCEM EIUS IN COELIS.
IN HOC TEMPLO AERE SUO EXTRUCTO QUIESCAT »

Genealogia episcopale


Successione degli incarichi

Predecessore: Consulente di giustizia della Segreteria di Stato Successore: Emblem Holy See.svg
Francesco Roberti 18 dicembre 1958 - 7 aprile 1967 - I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Francesco Roberti {{{data}}} -
Predecessore: Segretario della Sacra Congregazione per i Seminari e le Università degli Studi Successore: Emblem Holy See.svg
Carlo Confalonieri 18 dicembre 1958 - 7 aprile 1967 Joseph Schröffer I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Carlo Confalonieri {{{data}}} Joseph Schröffer
Predecessore: Arcivescovo titolare di Cesarea di Palestina Successore: Archbishop CoA PioM.svg
Luigi Traglia 3 settembre 1960 - 26 giugno 1967 sede vacante I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Luigi Traglia {{{data}}} sede vacante
Predecessore: Cardinale presbitero del Sacro Cuore di Cristo Re
(titolo presbiterale pro illa vice)
Successore: CardinalCoA PioM.svg
- 29 giugno 1967 - 24 maggio 1976 Bernardin Gantin I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
- {{{data}}} Bernardin Gantin
Predecessore: Prefetto del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica
Pro-prefetto dal 7 aprile 1967 - 26 marzo 1969
Successore: Emblem Holy See.svg
Francesco Roberti 26 marzo 1969 - 7 agosto 1977 Pericle Felici I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Francesco Roberti {{{data}}} Pericle Felici
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Maria sopra Minerva Successore: CardinalCoA PioM.svg
Antonio Samorè 24 maggio 1976 - 7 agosto 1977 Anastasio Alberto Ballestrero, O.C.D. I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Antonio Samorè {{{data}}} Anastasio Alberto Ballestrero, O.C.D.

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.