Diocesi di Sora-Cassino-Aquino-Pontecorvo

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
(Reindirizzamento da Diocesi di Sora-Aquino-Pontecorvo)

Diocesi di Sora-Cassino-Aquino-Pontecorvo
Dioecesis Sorana-Cassinensis-Aquinatensis-Pontiscurvi
Chiesa latina

Cattedrale di Sora.JPG
vescovo Gerardo Antonazzo
Sede Sora

sede vacante
Sora

Amministratore apostolico {{{amministratore}}}
Nuvola apps important.svg
Ci sono degli errori relativi alla categorizzazione automatica dovuti al fatto che alcuni parametri non sono stati valorizzati!
  • Parametro: Parametro vescovo eletto senza parametro titolo eletto

Vedi {{Diocesi della chiesa cattolica/man}}

La voce è stata segnalata nella Categoria:Diocesi della chiesa cattolica/warning.

{{{vescovo eletto}}}
Sede immediatamente soggetta alla Santa Sede
Regione ecclesiastica Lazio
Provincia italiana di Frosinone
Collocazione geografica della diocesi
Nazione bandiera Italia
diocesi suffraganee
{{{suffraganee}}}
coadiutore
vicario
provicario
generale
ausiliari

Vescovi emeriti:

Luca Brandolini, C.M.
Parrocchie 144
Sacerdoti

128 di cui 120 secolari e 18 regolari
1.393 battezzati per sacerdote

non aggiornati religiosi 181 religiose 17 diaconi
235.00 abitanti in 2.016 km²
non aggiornati battezzati (non aggiornati% del totale)
Eretta III secolo
Rito romano
cattedrale {{{cattedrale}}}
Santi patroni
Via 11 Febbraio 1929, 2, 03039 Sora [Frosinone], Italia
tel. +390776831082 fax. 0776.82.01.60 @

Sito ufficiale

Dati dall'annuario pontificio 2011 riferiti al 2010 Scheda
Chiesa cattolica in Italia
Tutte le diocesi della Chiesa cattolica

La diocesi di Sora-Cassino-Aquino-Pontecorvo (in latino: Dioecesis Sorana-Cassinensis-Aquinatensis-Pontiscurvi) è una sede della Chiesa cattolica immediatamente soggetta alla Santa Sede, appartenente alla regione ecclesiastica Lazio. Nel 2010 contava 151.932 battezzati su 154.855 abitanti. È attualmente retta dal vescovo Gerardo Antonazzo.

Territorio

La diocesi comprende la parte meridionale della provincia di Frosinone (media e bassa valle del Liri e valle di Comino) e la valle Roveto nella provincia dell'Aquila. In totale abbraccia 33 comuni in provincia di Frosinone e 7 comuni in provincia dell'Aquila.

Sede vescovile è la città di Sora, dove si trova la cattedrale di Santa Maria Assunta. Ad Aquino sorge la concattedrale dei santi Costanzo e Tommaso d'Aquino, mentre a Pontecorvo si trova la concattedrale di san Bartolomeo.

Storia

La diffusione del Cristianesimo in quest'area viene tradizionalmente fatta risalire ai tempi apostolici. Sicuramente il culto dei martiri è attestato dai primi secoli. Notizie piuttosto incerte di vescovi sorani si hanno dal IV al VII secolo. Nonostante la diocesi di Sora dovette avere altri vescovi anche prima del IV secolo, perché appare comunità cristiana già formata verso la metà del II secolo, è Amasio, santo di origine greca, a comparire per la prima volta in un documento storico. Questo protovescovo, molto discusso dalla critica storica, che avrebbe con la parola, i miracoli e lo zelo riaffermato i sorani nella fede combattendo l'arianesimo.

La diocesi di Aquino fu eretta nel V secolo.

Il 13 aprile 496 appare la prima notizia storicamente documentata sulla diocesi di Sora, con una lettera di papa Gelasio I al vescovo Giovanni.

Dal VII al X secolo Sora viene più volte saccheggiata e distrutta. È il tremendo periodo per la città del dominio longobardo, descritto molto bene da san Gregorio Magno. Coincide con una lunga lacuna della cronotassi: a partire dal vescovo Leone I nel 979 si registra una serie di vescovi residenziali più fondata.

Il vescovo Guido fu un importante personaggio della storia di Sora. Affrontò dalla sua diocesi le ire di Federico II nell'assedio e distruzione della città (1229). Vescovo e soldato, non esitò ad unirsi al suo popolo per fiaccare la tracotanza dell'imperatore svevo. Morì anch'egli fuggiasco come buona parte del popolo sorano.

Il seminario diocesano di Sora fu istituito dal vescovo Giovannelli nel primo terzo del XVII secolo.

Il 25 giugno 1725 Pontecorvo fu dichiarata sede di concattedrale e i vescovi di Aquino aggiunsero il titolo di Pontecorvo.

Il 27 giugno 1818 le diocesi di Sora e di Aquino e Pontecorvo furono unite aeque principaliter.

Il 30 settembre 1986 le diocesi sono state unite in plena unione.

Il 23 ottobre 2014 papa Francesco applicando il Motu Proprio Catholica Ecclesia del 23 ottobre 1976[1] ha incorporato le 53 parrocchie appartenute all'abbazia territoriale di Montecassino, assumendo contestualmente il nome attuale.[2]


Cronotassi dei vescovi

Vescovi di Sora

Vescovi di Aquino

Vescovi di Aquino e Pontecorvo

Vescovi di Sora, Aquino e Pontecorvo

Vescovi di Sora-Aquino-Pontecorvo

== Vescovi di Sora-Cassino-Aquino-Pontecorvo


Statistiche

La diocesi al termine dell'anno 2010 su una popolazione di 154.865 persone contava 151.932 battezzati, corrispondenti al 98,1% del totale.

Note
  1. Testo sul sito del Vaticano.
  2. Bollettino della Santa Sede.
Bibliografia
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.