Pietro Parente

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Pietro Parente
Stemma Pietro Parente.jpg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

Immagine Pietro Parente.jpg

{{{didascalia}}}
Veritatem facientes in caritate
Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte 95 anni
Nascita Casalnuovo Monterotaro
16 febbraio 1891
Morte Città del Vaticano
29 dicembre 1986
Sepoltura santuario della Vergine della Rocca a Casalnuovo Monterotaro (Fg)
Appartenenza Arcidiocesi di Benevento
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale Roma, 18 marzo 1916
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo 15 settembre 1955 da Pio XII
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile basilica vaticana, 23 ottobre 1955 dal card. arc. Federico Tedeschini
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
26 giugno 1967 da Paolo VI (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Pietro Parente (Casalnuovo Monterotaro, 16 febbraio 1891; † Città del Vaticano, 29 dicembre 1986) è stato un rettore, cardinale e arcivescovo italiano, esimio teologo durante il Concilio Vaticano II.

Biografia

La formazione e il ministero sacerdotale

Nacque il 16 febbraio 1891 a Casalnuovo Monterotaro nell'allora diocesi di Benevento, in seguito passato a quella di Lucera in provincia di Foggia. Frequentò la scuola elementare nell'antico edificio del Santuario della Madonna della Rocca e in seguito proseguì gli studi nel ginnasio di Casalvecchio di Puglia sotto la guida del sacerdote Pasquale Beccia, rinomato professore di latino. Entrato nel 1906 nel Seminario Metropolita di Benevento, si trasferì nel 1909 nel Seminario Pio di Roma dove conseguì la "licenza" al Liceo Ennio Quirino Visconti. Conseguì il dottorato in filosofia presso il Pontificio Ateneo Romano "S. Apollinare" e quello in teologia presso il Pontificio Ateneo Lateranense. Proseguì gli studi all'Università Statale di Napoli Federico II. Ordinato presbitero il 18 marzo 1916 a Roma per l'Arcidiocesi di Benevento, ebbe immediatamente l'incarico di rettore del seminario arcivescovile di Benevento. Fu nominato da Benedetto XV Cameriere Segreto soprannumerario di Sua Santità l'8 gennaio 1925 [1]. L'anno seguente si trasferì nuovamente a Roma in veste di docente della Pontificia Università Lateranense fino al 1934. Fu nominato da Pio XI Prelato domestico di Sua Santità il 20 dicembre 1934 [2] e rettore della Pontificia Università Urbaniana "De Propaganda Fide" fino al 1938. Dopo una breve parentesi a Napoli come membro e fondatore della Facoltà di Teologia e Diritto Canonico dal 1938 al 1940, ritornò a Roma come membro di facoltà della Pontificia Università Urbaniana "De Propaganda Fide" fino al 1955. Fu inviato speciale per la celebrazione del centenario dell'Università di Laval in Québec, Canada, nel 1952. Nominato Protonotario apostolico il 7 agosto 1952[3], divenne Canonico del capitolo della patriarcale basilica vaticana il 14 giugno 1953.

Il ministero episcopale

Il 15 settembre 1955 fu nominato da Pio XII arcivescovo di Perugia. Ricevette la consacrazione episcopale il 23 ottobre dello stesso anno nella basilica di San Pietro dal cardinale Federico Tedeschini, vescovo di Frascati arciprete della basilica di San Pietro, datario papale; assistito da Luigi Traglia, arcivescovo titolare di Cesarea di Palestina, Vicegerente della diocesi di Roma e da Pietro Sigismondi, arcivescovo titolare di Neapoli di Pisidia, segretario della Sacra Congregazione de Propaganda Fide. Il suo motto episcopale tratto da Ef 4,15 era Veritatem facientes in caritate . Nella sua prima lettera pastorale del 1955 scriveva:

« Non vedo l'ora di venire in mezzo a voi per vivere praticamente la teologia della mia cattedra, mettendo a vostra disposizione la mia vita. Mi precede la fama di uomo di studio, ma io ambisco di portarvi con la mente di teologo il cuore di pastore e di padre »
(Mons. Pietro Parente - dalla lettera pastorale alla diocesi Verità, amore, azione)

Nel 1959 Giovanni XXIII lo richiamò a Roma, nominandolo il 23 ottobre, arcivescovo titolare di Tolemaide di Tebaide, con l'incarico di assessore della Sacra Congregazione del Sant'Uffizio. Partecipò al Concilio Vaticano II svoltosi dal 1962 al 1965 sin dalla fase preparatoria quando gli fu affidato il compito di rivedere diversi schemi. Durante le sessioni conciliari furono numerosi i suoi interventi sulla Parola di Dio, la libertà religiosa e sulle questioni etiche e teologiche. Inizialmente vicino alle posizioni dell'ala conservatrice, fu scelto da Paolo VI per guidare la commissione sulla collegialità; contro ogni previsione, Parente sostenne i rapporti tra la collegialità episcopale e il primato petrino. Da paolo VI fu nominato segretario della Congregazione per la Dottrina della Fede dal 7 dicembre 1965 al 1967.

Il cardinalato

Paolo VI lo creò cardinale nel concistoro del 26 giugno 1967 e il 29 giugno dello stesso anno ricevette la beretta rossa e il titolo di San Lorenzo in Lucina. Perse il diritto di partecipare al conclave all'età di ottant'anni il 16 febbraio 1971. Fu inviato dal Papa quale Cardinale legato al Congresso Eucaristico e alla celebrazione del VII centenario della morte di San Tommaso d'Aquino ad Aquino dal 15 maggio al 2 giugno 1974. Partecipò alla Prima Assemblea Plenaria del Sacro Collegio dei Cardinali tenutosi a Città del Vaticano dal 5 al 9 novembre 1979.

La morte

Morì il 29 dicembre 1986 all'età di 95 anni nel suo appartamento vaticano quando era il membro più anziano del Collegio cardinalizio. Fu sepolto nella sua città natale nel santuario della Vergine della Rocca di Casalnuovo Monterotaro.

Onorificenze

Gran Croce dell'Ordine di Carlo III (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine di Carlo III (Spagna)
— 29 giugno 1968[4]

Genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Arcivescovo di Perugia Successore: ArcbishopCoA PioM.svg
Mario Vianello 15 settembre 1955 - 23 ottobre 1959 Raffaele Baratta I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Mario Vianello {{{data}}} Raffaele Baratta
Predecessore: Arcivescovo titolare di Tolemaide di Tebaide Successore: ArcbishopCoA PioM.svg
Paolo Giobbe 23 ottobre 1959 - 26 giugno 1967 sede vacante I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Paolo Giobbe {{{data}}} sede vacante
Predecessore: Assessore della Sacra Congregazione del Sant'Uffizio Successore: Emblem Holy See.svg
Gabriel Acacius Coussa, B.A. 23 ottobre 1959 - 7 dicembre 1965 - I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Gabriel Acacius Coussa, B.A. {{{data}}} -
Predecessore: Segretario della Congregazione per la Dottrina della Fede Successore: Emblem Holy See.svg
Alfredo Ottaviani 7 dicembre 1965 - 26 giugno 1967 Paul-Pierre Philippe, O.P. I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Alfredo Ottaviani {{{data}}} Paul-Pierre Philippe, O.P.
Predecessore: Cardinale presbitero di San Lorenzo in Lucina Successore: CardinalCoA PioM.svg
Pietro Ciriaci 29 giugno 1967 - 29 dicembre 1986 Opilio Rossi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Pietro Ciriaci {{{data}}} Opilio Rossi


Note
  1. Acta Apostolicae Sedis - Commentarium Officiale 1925, op. cit., p. 40
  2. Acta Apostolicae Sedis - Commentarium Officiale 1935, op. cit., p. 121
  3. Acta Apostolicae Sedis - Commentarium Officiale 1952, op. cit., p. 797
  4. Bollettino Ufficiale di Stato
Bibliografia

Ruberto, Michele, '"Bibliografia del Cardinale Pietro Parente". Città del Vaticano: Libreria Editrice Vaticana, 1991

Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.