Urbano Navarrete

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Urbano Navarrete Cortés, S.J.
Cardinale
Stemma cardinal Navarrete.jpg
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
battezzato
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}
Dilexit Ecclesiam

NAVARRETE CORTES URBANO.jpg

{{{didascalia}}}
Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte 90 anni
Nascita Camarena de la Sierra
25 maggio 1920
Morte Roma
22 novembre 2010
Sepoltura Roma, Cimitero del Verano
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale Stadio Olimpico (Montjuic), 31 maggio 1952 dall'arcivescovo Federico Melendro y Gutiérrez
Nominato Abate {{{nominatoAB}}}
Nominato amministratore apostolico {{{nominatoAA}}}
Nominato vescovo {{{nominato}}}
Nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
Nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
Nominato patriarca {{{nominatoP}}}
Nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile Ha chiesto di essere dispensato dalla consacrazione episcopale (dispensa concessa da Papa Benedetto XVI).
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
24 novembre 2007 da Benedetto XVI (vedi)
Cardinale per
Cardinale per 2 anni, 11 mesi e 28 giorni
Cardinale elettore
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Creazione a
pseudocardinale
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Consacrazione {{{Consacrazione}}}
Insediamento {{{Insediamento}}}
Fine pontificato {{{Fine pontificato}}}
Pseudocardinali creati {{{Pseudocardinali creati}}}
Sede {{{Sede}}}
Opposto a
Sostenuto da
Scomunicato da
Riammesso da da {{{Riammesso da}}}
Precedente {{{Precedente}}}
Successivo {{{Successivo}}}
Incarichi ricoperti
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Durata del
pontificato
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato


Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
[[File:|100px|Stemma]]
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
Biografia su vatican.va
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda
Invito all'ascolto
Firma autografa
[[File:{{{FirmaAutografa}}}|250px]]

Urbano Navarrete Cortés (Camarena de la Sierra, 25 maggio 1920; † Roma, 22 novembre 2010) è stato un cardinale e accademico spagnolo.

Biografia

Nato a Camarena de la Sierra, Diocesi di Teruel e Albarracín, Spagna, proveniva da una famiglia di agricoltori di buona posizione economica. Figlio di José Navarrete Esteban, era il quarto di sei fratelli, di cui cinque hanno seguito la vocazione religiosa, tre di loro nella Compagnia di Gesù e due suore. All'inizio della guerra civile spagnola (1936-1939), la parte della famiglia che poteva lasciare la zona di Teruel lo ha fatto e si è riunita a Saragozza.

Formazione e ministero sacerdotale

È entrato nella Compagnia di Gesù il 20 giugno 1937, in Italia, dove si trovava il noviziato della provincia gesuita di Aragona a causa della guerra civile; due anni dopo è tornato in Spagna per continuare la sua formazione sacerdotale; per quattro anni ha studiato scienze umane nel Centro del monastero di Veruela, a Saragozza; ha fatto il magisterio (tre anni di insegnamento) presso quello stesso Centro; ha poi studiato filosofia per tre anni presso la Facoltà di Sarriá a Barcellona, ​​conseguendo il dottorato; poi, per quattro anni, ha studiato teologia presso la Facoltà di Oña, Burgos, conseguendo il dottorato; e, infine, ha studiato per quattro anni diritto canonico presso la Pontificia Università Gregoriana a Roma, dove ha conseguito anche il dottorato.

Ordinato sacerdote il 31 maggio 1952 a Barcellona, ​​durante il Congresso Eucaristico Internazionale, da Mons. Federico Melendro Gutiérrez ([1]), S.J. arcivescovo di Anking. Professore di diritto matrimoniale presso la Pontificia Università Gregoriana nell'ottobre 1958; Preside della Facoltà di Diritto Canonico, dal 1965 al 1980; Rettore dell'Università, 1980 fino al 1986. Ha partecipato come esperto al Concilio Vaticano II, 1962-1965.

Ha partecipato attivamente alla revisione del Codice di Diritto Canonico e ha fatto parte del gruppo di lavoro per la revisione del diritto matrimoniale nel Codice della Chiesa latina e in quello delle Chiese Orientali; in seguito è stato nominato membro della Pontificia Commissione per la redazione dell'Istruzione Dignitas connubii sui processi matrimoniali. Gli è stata conferita la laurea honoris causa dalla Pontificia Università di Salamanca, Spagna, nel 1994; e un'altra dall'Università Cattolica Péter Pázmány di Budapest, Ungheria. Consultore della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti, della Congregazione per la Dottrina della Fede, del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica e del Pontificio Consiglio dei Testi Legislativi.

Nel 2005 il comune di Camarena de la Sierra gli ha dedicato una strada, accanto alla casa dove è nato. Era un canonista di fama mondiale e un autore prolifico che ha scritto quasi 150 titoli, una selezione dei quali, scritta in latino o italiano, è stata raccolta in un volume di 1.200 pagine, pubblicato il 18 ottobre 2007, dalla Biblioteca de Autores Españoles, Madrid, con il titolo "Derecho Matrimonial Canónico. Evolución a la luz del Concilio Vaticano II".

Episcopato

Ha chiesto di essere dispensato dall'obbligo della consacrazione episcopale e la dispensa gli è stata concessa da papa Benedetto XVI.

Cardinalato

Creato cardinale nel concistoro del 24 novembre 2007 da Papa Benedetto XVI, con il Titolo cardinalizio di San Ponziano, ha ricevuto la berretta rossa e la diaconia nello stesso Concistoro. Aveva più di ottant'anni al momento della nomina cardinalizia e quindi non idoneo a partecipare ad un conclave. Il suo motto cardinalizio era Dilexit Ecclesiam.

Morte

Si è spento, all'età di novant'anni, il 22 novembre 2010. Le esequie si sono tenute il 24 novembre nella Basilica di San Pietro. La Messa è stata presieduta dal cardinale Angelo Sodano, Decano del Collegio cardinalizio e concelebrata da altri ventidue cardinali, tra i quali il cardinale Tarcisio Bertone, S.D.B., segretario di Stato, e il cardinale William Joseph Levada, prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede. Con il corpo diplomatico accreditato presso la Santa Sede c'erano gli arcivescovi Fernando Filoni, sostituto della Segreteria di Stato, e Dominique Mamberti, segretario per i Rapporti con gli Stati; Monsignor Peter Bryan Wells ([2]), Assessore alla Segreteria di Stato; Ettore Balestrero, sottosegretario ai Rapporti con gli Stati, e Fortunatus Nwachukwu ([3]), capo del protocollo. Hanno partecipato anche due nipoti del cardinale Navarrete.

I funerali si sono celebrati a tre anni esatti dalla data in cui è stato creato cardinale. La salma è stata poi tumulata nella cappella dei Gesuiti del Cimitero del Verano, a Roma.

Successione degli incarichi

Predecessore: Rettore della Pontificia Università Gregoriana Successore: Estemma UniGreg.png
Carlo Maria Martini, S.I. novembre 1980 - 1986 Gilles Pelland, S.I. I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Carlo Maria Martini, S.I. {{{data}}} Gilles Pelland, S.I.
Predecessore: Cardinale diacono di San Ponziano Successore: Kardinalcoa.png
- 24 novembre 2007-22 novembre 2010 Santos Abril y Castelló I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
- {{{data}}} Santos Abril y Castelló
Voci correlate
Collegamenti esterni