Beato Giuseppe Batalla Parramòn

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Beato Giuseppe Batalla Parramòn, S.D.B.
Presbitero · Martire
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo José Batalla Parramòn
Beato
Martire

Giuseppe Batalla.png

{{{didascalia}}}
'
Titolo
{{{titolo}}}
Età alla morte 63 anni
Nascita Abella
15 gennaio 1873
Morte Barcellona
4 agosto 1936
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa 7 dicembre 1894
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale 1900
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi

Iter verso la canonizzazione

Venerato da Chiesa cattolica
Venerabile il [[]]
Beatificazione 11 marzo 2001, da Giovanni Paolo II
Canonizzazione [[]]
Ricorrenza 4 agosto
Altre ricorrenze
Santuario principale
Attributi
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di
Collegamenti esterni
Scheda su santiebeati.it
Scheda nel sito della diocesi o congregazione
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 4 agosto, n. 13:
« A Barcellona sempre in Spagna, beati martiri Giuseppe Batalla Parramòn, sacerdote, Giuseppe Rabasa Bentanachs e Egidio Gil Rodicio, religiosi, della Società Salesiana, che nella stessa persecuzione combattendo per la fede ricevettero la vita eterna. »
(Santo di venerazione particolare o locale)

Il Beato Giuseppe Batalla Parramòn, al secolo José Batalla Parramòn (Abella, 15 gennaio 1873; † Barcellona, 4 agosto 1936) è stato un sacerdote e martire spagnolo, appartenente alla Società Salesiana di San Giovanni Bosco, ucciso dai miliziani comunisti durante la guerra civile spagnola.

Biografia

Entrato già adulto nella casa salesiana di Sarrià, emise i voti religiosi il 7 dicembre 1894 e fu ordinato sacerdote nel 1900.

Il martirio

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Trentadue martiri salesiani di Valencia.

Il 17 luglio 1936 scoppiò la guerra civile spagnola tra nazionalisti filo-fascisti e repubblicani comunisti. Nonostante i religiosi fossero stati espulsi dal collegio, don Giuseppe Batalla decise di rimanervi per curare i feriti. Con lui rimase Giuseppe Rabasa Bentanachs, coadiutore salesiano. Tuttavia, entrambi furono successivamente costretti a fuggire.

Dopo alcuni giorni passati dormendo per le strade, i due salesiani riuscirono ad avere un passaporto per uscire dal paese, ma furono riconosciuti e fermati: furono martirizzati in mezzo alla strada il 4 agosto 1936. Lo stesso giorno, sempre a Barcellona, fu ucciso anche un altro coadiutore salesiano, Egidio Gil Rodicio.

Culto

Giuseppe Batalla Parramòn è stato proclamato beato da papa Giovanni Paolo II l'11 marzo 2001 in piazza San Pietro a Roma, insieme ad altri trentuno martiri salesiani e altre duecentouno persone della stessa diocesi che trovarono la morte nelle stesse circostanze.

Voci correlate

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.