Antonio Eugenio Visconti

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Antonio Eugenio Visconti
Cardinale
Kardinalcoa.png
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}
{{{motto}}}

Antonio Eugenio Visconi.jpg

{{{didascalia}}}
Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte 74 anni
Nascita Milano
13 giugno 1713
Morte Roma
4 marzo 1788
Sepoltura Roma, nella Basilica di Santa Croce in Gerusalemme
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale 22 dicembre 1759
Nominato Abate {{{nominatoAB}}}
Nominato amministratore apostolico {{{nominatoAA}}}
Nominato vescovo {{{nominato}}}
Nominato arcivescovo 28 gennaio 1760 da Clemente XIII
Nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
Nominato patriarca {{{nominatoP}}}
Nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile Palazzo del Quirinale, 16 febbraio 1760 dal papa Clemente XIII
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
17 giugno 1771 da Clemente XIV (19 aprile 1773 in pectore) (vedi)
Cardinale per
Cardinale per 16 anni, 8 mesi e 17 giorni
Cardinale elettore
Incarichi ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Riammesso da da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Durata del
pontificato
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato

Successione apostolica

Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
[[File:|100px|Stemma]]
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda
Invito all'ascolto
Firma autografa
[[File:{{{FirmaAutografa}}}|250px]]

Antonio Eugenio Visconti (Milano, 13 giugno 1713; † Roma, 4 marzo 1788) è stato un cardinale, arcivescovo e nunzio apostolico italiano.

Biografia

Nacque il 13 giugno 1713 a Milano dai Signori di Brignano Annibale Visconti, ufficiale dell'esercito imperiale e feldmaresciallo e castellano di Milano e Claudia Erba Odescalchi. Il suo padrino fu il principe Eugenio di Savoia. Fin dall'infanzia fu destinato alla carriera ecclesiastica.

Formazione e attività prelatizia

Dopo aver esercitato con l'attività di avvocato a Milano dal 1737 al 1740, si recò a Roma per entrare nella Curia Romana dove i parenti ricoprirono alte cariche nella Curia: Giovanni Battista Visconti, come Uditore di Rota, e Antonio Maria Erba-Odescalchi come Prefetto del Palazzo Apostolico. Fu nominato prelato della S.C. delle Indulgenze nel 1742 e segretario dall'ottobre 1754. Relatore della S.C. del Buon Governo, Datario della Penitenzieria Apostolica nel settembre 1743, relatore della S.C. della Sacra Consulta nel 1748; amministratore dell'"ospedale San Gallo" di Roma e primicerio dell'Arciconfraternita della Santissima Trinità dei Pellegrini e del Carmine, referendario dei Tribunali della Segnatura Apostolica di Grazia e Giustizia.

Ministero episcopale e attività diplomatica

Ordinato presbitero il 22 dicembre 1759 venne elevato Arcivescovo titolare di Efeso il 28 gennaio 1760 da papa Clemente XIII che lo consacrò personalmente, il 16 febbraio seguente nel Palazzo del Quirinale a Roma, assistito da Filippo Caucci [2] patriarca titolare di Costantinopoli e da Giuseppe Locatelli [3] arcivescovo titolare di Cartagine. Nella stessa cerimonia furono consacrati Francesco Carafa della Spina di Traetto, arcivescovo titolare di Patrasso e Pietro Colonna Pamphili, arcivescovo titolare di Colossi, entrambi futuri cardinali. Assistente al Soglio Pontificio il 20 febbraio 1760 fu nominato Nunzio apostolico in Polonia il 22 febbraio seguente; arrivò a Varsavia nel novembre successivo. Abate commendatario di Grattafoglio da febbraio 1764; prevosto commendatario di Sant'Abbondio a Cremona da marzo 1765. Nominato Nunzio apostolico in Austria il 22 novembre 1766 ma dovette aspettare in Polonia l'arrivo del suo successore e si recò a Vienna solo a fine di agosto 1767.

Cardinalato

Creato cardinale riservato "in pectore" da Clemente XIV nel concistoro del 17 giugno 1771, fu pubblicato nel concistoro del 19 aprile 1773; il papa gli inviò la berretta rossa con breve apostolico datato 24 aprile 1773 che ricevette il 16 marzo 1775 e il titolo di Santa Croce in Gerusalemme 3 aprile seguente. Fu Abate commendatario di San Giovanni Battista di Vertemate (Como) dal maggio 1774. Partecipò al conclave del 1774-1775 che elesse papa Pio VI. Protettore della Chiesa nazionale milanese dei Ss. Ambrogio e Carlo al Corso. Prefetto dell'Economia della Congregazione di Propaganda Fide maggio 1776. Camerlengo del Collegio Cardinalizio dal 20 marzo 1780 al 2 aprile 1781, prefetto della Congregazione per le Indulgenze e le Sacre Reliquie dal 1782. Aveva frequentazioni gianseniste. Visse in un periodo di sconvolgimenti, di lotta tra vecchie idee e nuove.

Morte

Morì il 4 marzo 1788 a Roma all'età di 74 anni. Esposto nella Chiesa dei Ss. Ambrogio e Carlo vi si svolsero i funerali, secondo le disposizioni del papa; la messa di requiem venne celebrata nella cappella papale dal cardinale Guglielmo Pallotta, Camerlengo del Collegio Cardinalizio; Johann Wolfgang von Goethe partecipò al funerale. Al termine della cerimonia, il corpo fu trasferito nella Basilica di Santa Croce in Gerusalemme, suo titolo, e sepolto nel luogo voluto dal cardinale non lontano dall'ingresso .

Onorificenze

Balì Cavaliere di Gran Croce di Onore e Devozione per i Cardinali di Santa Romana Chiesa del Sovrano Militare Ordine di Malta - nastrino per uniforme ordinaria Balì Cavaliere di Gran Croce di Onore e Devozione per i Cardinali di Santa Romana Chiesa del Sovrano Militare Ordine di Malta

Genealogia episcopale

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Abate commendatario di San Pietro all'Olmo Successore: Prepozyt.png
Carlo Maria Marini 16 gennaio 1747 - 4 marzo 1788 - I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Carlo Maria Marini {{{data}}} -
Predecessore: Segretario della Congregazione per le Indulgenze e le Sacre Reliquie Successore: Emblem Holy See.svg
Antonio Maria Erba-Odescalchi 22 ottobre 1754 - 22 febbraio 1760 Innocenzo Conti I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Antonio Maria Erba-Odescalchi {{{data}}} Innocenzo Conti
Predecessore: Arcivescovo titolare di Efeso Successore: Archbishop CoA PioM.svg
Antonio Maria Pescatori, O.F.M. Cap. 28 gennaio 1760 - 19 aprile 1773 Nicola Buschi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Antonio Maria Pescatori, O.F.M. Cap. {{{data}}} Nicola Buschi
Predecessore: Nunzio apostolico in Polonia Successore: Flag of the Vatican City.svg
Nicolo Serra 22 febbraio 1760 - 22 novembre 1766 Angelo Maria Durini I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Nicolo Serra {{{data}}} Angelo Maria Durini
Predecessore: Nunzio apostolico in Austria Successore: Flag of the Vatican City.svg
Vitaliano Borromeo 22 novembre 1766 - 19 aprile 1773 Giuseppe Garampi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Vitaliano Borromeo {{{data}}} Giuseppe Garampi
Predecessore: Abate commendatario di San Giovanni Battista di Vertemate Successore: Prepozyt.png
maggio 1774 - 1775 I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
{{{data}}}
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Croce in Gerusalemme Successore: Kardinalcoa.png
Niccolò Serra 3 aprile 1775 - 4 marzo 1788 František Herzan von Harras I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Niccolò Serra {{{data}}} František Herzan von Harras
Predecessore: Prefetto dell'Economia della Congregazione di Propaganda Fide Successore: Emblem Holy See.svg
Simone Buonaccorsi 27 aprile 1776 - 4 marzo 1788 Luigi Valenti Gonzaga I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Simone Buonaccorsi {{{data}}} Luigi Valenti Gonzaga
Predecessore: Camerlengo del Collegio Cardinalizio Successore: Emblem Holy See.svg
Scipione Borghese 20 marzo 1780 - 2 aprile 1781 Bernardino Giraud I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Scipione Borghese {{{data}}} Bernardino Giraud
Predecessore: Prefetto della Congregazione per le Indulgenze e le Sacre Reliquie Successore: Emblem Holy See.svg
Ludovico Calini 9 dicembre 1782 - 4 marzo 1788 Diego Innico Caracciolo di Martina I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Ludovico Calini {{{data}}} Diego Innico Caracciolo di Martina
Note
  1. Ex abbazia di San Barnaba su gratosogno.weebly.com. URL consultato il 25-11-2023
  2. cfr. Patriarch Filippo Josiah Caucci su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 20 ottobre 2023
  3. cfr. Archbishop Giuseppe Locatelli su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 20 ottobre 2023
Bibliografia
  • (DE) Anton Ellemunter, Antonio Eugenio Visconti und die Anfänge des Josephinismus: eine Untersuchung über das theresianische Staatskirchentum unter besonderer Berücksichtigung der Nuntiaturberichte, 1767-1774, H. Böhlaus Nachf., Graz, 1963. (Publikationen der Abteilung für Historische Studien des Österreichischen Kulturinstitutes in Rom. 1. Abt.: Abhandlungen. 3. Bd.; Variation: Österreichisches Kulturinstitut in Rom.; Abteilung für Historische Studien.; Publikationen. 1. Abt.: Abhandlungen ; 3. d)
  • (IT) Gaetano Moroni, Dizionario di erudizione storico-ecclesiastica da S. Pietro sino ai nostri giorni. 103 vols. in 53, vol. CI, pp. 72-74, Tipografia Emiliana, Venezia, 1840-1861
  • (LA) Remigium Ritzler, Sefrin Pirminum, Hierarchia Catholica Medii et Recentioris Aevi, vol. VI (1730-1799), pp. 27, 43, 56, 209, Typis et Sumptibus Domus Editorialis "Il Messaggero di S. Antonio" presso Basilica Sant'Antonio, Padova, 1968
  • (IT) Donato Squicciarini, Nunzi apostolici a Vienna, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano, 1998, p. 177-181
  • (LA) Antonio Eugenio Visconti, Positio super virtutibus - (Neapolitana Beatificationis et Canonizationis ven. servi dei Caroli Caraffae Congregationis Piorum Operariorum Fundatoris/Sacra congregatione rituum; Variation: Neapolitana Beatificationis et Canonizationis ven. servi dei Caroli Caraffae Congregationis Piorum Operariorum Fundatoris/Sacra congregatione rituum). Responsibility: Antonio Eugenio Visconti, ponente, Typ. Cam. Apostolicae, Roma, 1786
  • (DE) Christoph Weber, Die päpstlichen Referendare 1566-1809: Chronologie und Prosopographie. 3 vols., vol. 31), Anton Hiersemann, Stuttgart, 2003-2004. (Päpste und Papsttum; Bd. 31/1, 31/2, 31/3; Variation: Päpste und Papsttum
Collegamenti esterni
Voci correlate