Alessandro Albani

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Alessandro Albani
ALBANI ALESSANDRO 1779.jpg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

ALBANI ALESSANDRO 1779 BIBL 044.jpg

{{{didascalia}}}
'
Titolo cardinalizio
Età alla morte 87 anni
Nascita Urbino
15 ottobre 1692
Morte Roma
11 dicembre 1779
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
16 luglio 1721 da Innocenzo XIII (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Alessandro Albani (Urbino, 15 ottobre 1692; † Roma, 11 dicembre 1779) è stato un cardinale, archivista e bibliotecario italiano, noto per il suo amore per l'arte e il suo ruolo di mecenate e promotore della nascente arte neoclassica.

Biografia

Primi anni di vita

Nacque a Urbino, il più giovane tra i figli di Orazio fratello di Papa Clemente XI e Maria Bernardina Ondedei-Zonghi. Alessandro era fratello minore del cardinale Annibale Albani.

In giovane età fu avviato alla carriera militare, entrò il 26 agosto 1701 nell' ordine militare degli Ospedalieri di San Giovanni di Gerusalemme. Nel 1709 fu colonnello di un reggimento di dragoni nelle truppe pontificie. A causa di un precoce difetto alla vista, che lo condusse negli ultimi anni della sua vita alla cecità, abbandonò la carriera militare e su consiglio dello zio Pontefice intraprese quella ecclesiastica, come già aveva fatto il fratello maggiore, Annibale. Papa Clemente XI in data 8 dicembre 1718 lo nominò segretario dei memoriali e il 10 maggio dell'anno seguente chierico della Camera apostolica. Fu abate commendatario dell'abbazia di san Lorenzo di Campo dal 1717 al 1744.

Nel 1720 il giovane prelato fu inviato come nunzio straordinario a Vienna per tutelare i diritti feudali della Santa Sede sul ducato di Parma e Piacenza, che era stato assegnato a don Carlos di Borbone, per dirimere alcune divergenze esistenti a proposito della giurisdizione ecclesiastica in Sicilia e trattare la restituzione allo Stato della Chiesa del territorio di Comacchio, occupato dalle truppe imperiali dal 1708.

Cardinalato

Fu creato cardinale diacono nel concistoro del 16 luglio 1721, con dispensa per avere un fratello nel Sacro Collegio dei Cardinali e non aver ricevuto gli ordini minori. Il 24 settembre dello stesso anno ricevette la berretta rossa e la diaconia di sant'Adriano al Foro. Fu abate commendatario dell'abbazia di san Leonardo di Siponto del 1721 al 1741. Il 23 settembre del 1722 optò per la diaconia di santa Maria in Cosmedin. Nel 1724 partecipò al conclave che elesse papa Benedetto XIII. Nel 1724 divenne abate commendatario dell'abbazia di Nonantola. Protettore del regno di Sardegna e del patrimonio del re sabaudo dal 1724, partecipò ai negoziati del Concordato del 1727 con i Savoia. Per questi meriti il re Vittorio Amedeo II di Savoia lo nominò abate commendatario dell'abbazia di Staffarda.

Nel 1730 partecipò al conclave che elesse Clemente XII. Nel 1737 negoziò a nome della casa di Savoia il nuovo concordato col regno di Sardegna. Soltanto nel 1741, comunque, si poté giungere a un nuovo concordato, che venne firmato dal cardinale Valenti per la Santa Sede e dal conte Simeone Balbis di Rivera e dall'Albani per il regno di Piemonte. Nel 1738 divenne prefetto della Congregazione delle Acque, Paludi, Pontiue e Chiane. Parteciò al conclave del 1740, che elesse Papa Benedetto XIV. Il 7 agosto del 1741 optò per la diaconia di sant'Agata dei Goti, mantenendo in commenda fino alla sua morte la diaconia di santa Maria in Cosmedin. Nel 1742 cambiò di nuovo diaconia assumento delle di santa Maria ad Martyres.

Grazie forse al suo deciso atteggiamento antiborbonico e antifrancese in particolare, l'Albani ottenne nel 1743 la nomina a protettore degli Stati ereditari austriaci e nel 1745 anche dell'Impero. Tra il 1744 e il 1748 resse inoltre l'ambasciata austriaca a Roma. Nominato cardinale protodiacono il 16 gennaio 1747 assunse la diaconia di santa Maria in Via Lata il 10 aprile.

Dal novembre 1751 fu anche protettore dei Canonici Regolari Premostratensi; della nazione maronita, del Collegio Germanico Ungarico romano e dei Chierici Regolari Minori. Fu di nuovo ministro d'Austria presso la Santa Sede dal 1756 fino alla sua morte. Partecipò al conclave del 1758, dove fu eletto Papa Clemente XIII.

Il 12 agosto del 1761 fu nominato bibliotecario di Santa Romana Chiesa, carica che mantenne fino alla morte. Nel 1769 partecipò al conclave che elesse Pontefice Clemente XIV, partecipò pure a quello del 1774-1775, che elesse Pio VI.

L'Albani conservò sempre nella sua attività diplomatica, come anche tra i partiti di curia, una notevole libertà di movimento: ambizioso e senza scrupoli, persegui per lo più una politica personale, non di rado ispirata da preoccupazioni economiche. Non nascose tuttavia le sue simpatie per i gesuiti e si oppose, senza esito, all'editto del 21 luglio 1773 Dominus ac Redemptor con cui veniva decretato lo scioglimento della Compagnia di Gesù.

Fu grande mecenate e collezionista di arte antica greca e romana, fece costruire la Villa Albani nel 1760. Durante il pontificato di Papa Clemente XIV si allineato con gli Zelanti contro l'ingerenza dei monarchi europei.

Morì a Roma l'11 dicembre 1779. I funerali si svolsero nella chiesa di san Lorenzo in Lucina, per poi essere seppellito nella tomba di famiglia in san Sebastiano fuori le mura.

Successione degli incarichi

Predecessore: Cardinale diacono di Sant'Adriano al Foro Successore: CardinalCoA PioM.svg
Pietro Priuli 1721 -1722 Giulio Alberoni I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Pietro Priuli {{{data}}} Giulio Alberoni
Predecessore: Cardinale diacono di Santa Maria in Cosmedin Successore: CardinalCoA PioM.svg
Annibale Albani 1722 - 1741
in commenda
1741 - 1779
Pasquale Acquaviva d'Aragona I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Annibale Albani {{{data}}} Pasquale Acquaviva d'Aragona
Predecessore: Cardinale diacono di Sant'Agata dei Goti Successore: CardinalCoA PioM.svg
Carlo Maria Marini 1741 - 1743 Agapito Mosca I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Carlo Maria Marini {{{data}}} Agapito Mosca
Predecessore: Cardinale diacono di Santa Maria ad Martyres Successore: CardinalCoA PioM.svg
Nicolò del Giudice 1743 -1747 Carlo Maria Sacripante I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Nicolò del Giudice {{{data}}} Carlo Maria Sacripante
Predecessore: Cardinale protodiacono Successore: CardinalCoA PioM.svg
Carlo Maria Marini 1747 -1779 Giulio Gabrielli I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Carlo Maria Marini {{{data}}} Giulio Gabrielli
Predecessore: Cardinale diacono di Santa Maria in Via Lata Successore: CardinalCoA PioM.svg
Carlo Maria Marini 1747 -1779 Domenico Orsini d'Aragona I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Carlo Maria Marini {{{data}}} Domenico Orsini d'Aragona
Predecessore: Archivista di Santa Romana Chiesa Successore: Emblem Holy See.svg
Domenico Silvio Passionei 12 agosto 1761 - 11 dicembre 1779 Francesco Saverio de Zelada I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Domenico Silvio Passionei {{{data}}} Francesco Saverio de Zelada
Predecessore: Bibliotecario di Santa Romana Chiesa Successore: Emblem Holy See.svg
Domenico Silvio Passionei 12 agosto 1761 - 11 dicembre 1779 Francesco Saverio de Zelada I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Domenico Silvio Passionei {{{data}}} Francesco Saverio de Zelada
Voci correlate
Bibliografia
  • L. Lewis Dizionario Biografico degli Italiani - Vol. 1 (1960) online
  • Lorenzo Cardella Memorie storiche de 'cardinali della Santa Romana Chiesa. vol. 8, p. 189 ss. online
  • Gaetano Moroni, Dizionario di erudizione storico-ecclesiastica da San Pietro sino ai nostri giorni, Vol. 1, p. 180-181 online

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.