Ferdinando Taverna

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Ferdinando Taverna
Cardinale
Stemma Ferdinando Taverna.jpg
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
battezzato
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}
'

Card. Ferdinando Taverna.png

Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte 61 anni
Nascita Milano
1558
Morte Novara
29 agosto 1619
Sepoltura Cattedrale di Santa Maria Assunta (Novara)
Conversione
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale 1593 dall'arc. Gaspare Visconti
Nominato Abate {{{nominatoAB}}}
Nominato amministratore apostolico {{{nominatoAA}}}
Nominato vescovo 16 novembre 1615 da papa Paolo V
Nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
Nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
Nominato patriarca {{{nominatoP}}}
Nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile Cappella Sistina, 7 dicembre 1615 dal papa Paolo V
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
Creato
Errore nell'espressione: operatore < inatteso.
(vedi)
Creato
Cardinale
9 giugno 1604 da Clemente VIII (vedi)
Deposto dal cardinalato
Cardinale per
Cardinale per 15 anni, 2 mesi e 20 giorni
Cardinale elettore
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Creazione a
pseudocardinale
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Consacrazione {{{Consacrazione}}}
Insediamento {{{Insediamento}}}
Fine pontificato {{{Fine pontificato}}}
Pseudocardinali creati {{{Pseudocardinali creati}}}
Sede {{{Sede}}}
Opposto a
Sostenuto da
Scomunicato da
Confermato cardinale {{{Confermato cardinale}}}
Nomina a pseudocardinale annullata da {{{Annullato da}}}
Riammesso da
Precedente {{{Precedente}}}
Successivo {{{Successivo}}}
Incarichi ricoperti
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Durata del
pontificato
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato


Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
[[File:|100px|Stemma]]
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda
Invito all'ascolto
Firma autografa
[[File:{{{FirmaAutografa}}}|250px]]

Ferdinando Taverna (Milano, 1558; † Novara, 29 agosto 1619) è stato un cardinale e vescovo italiano.

Cenni biografici

Nacque l'8 aprile 1563 a Milano, secondogenito di Cesare Taverna, conte di Landriano e senatore, e della moglie Antonia nata Beccaria, figlia del marchese Matteo. I genitore ebbero un primo figlio, Francesco, morto nel 1561, poi nacque Cesare nel 1561 e dopo il nostro si ricorda il quarto figlio, Ludovico, e una sorella, Margherita, che andò sposa nel 1578 a Ermes II Visconti.

Conseguito il dottorato in utroque iure presso il Collegio d'avvocati di Milano, ottenne il titolo di magister e nel 1581 la prima tonsura, imposta dall'arcivescovo di Milano, il cardinale Carlo Borromeo.

Fu chiamato a Roma dallo zio Lodovico Taverna, vescovo di Lodi e governatore di Roma. Fu dal 1588 referendario dei Tribunali della Segnatura Apostolica di Giustizia e di Grazia e Prelato domestico di Sua Santità. Fu governatore di Viterbo nel 1591.

Nel 1593 ricevette l'ordinazione sacerdotale dall'arcivescovo di Milano mons. Gaspare Visconti. Fu quindi nel 1595 governatore per un anno a Città di Castello, per passare poi come vice-governatore a Fermo, incarico che tenne per circa un anno.

Nel 1596 papa Clemente VIII lo inviò come collettore apostolico e infine nunzio in Portogallo dove rimase fino al 1598, per rientrare in Italia ed essere nominato vice-camerlengo di Santa Romana Chiesa, incarico che ricoprì fino alla nomina cardinalizia, nel periodo in cui si tennero i processi a Beatrice Cenci e a Giordano Bruno.

Cardinalato

Fu creato cardinale nell'ultimo concistoro di papa Clemente VIII. Ricevette il cappello rosso e il titolo presbiterale di sant'Eusebio il 25 giugno 1604. Dal 1604 al 1606 fu legato nella Marca Anconitana e governatore di Ascoli.

Partecipò ai due conclavi del 1605 che videro eletti Leone XI e Paolo V. Questi lo ascrisse al Sant'Uffizio.

Episcopato

Nel 1615 fu eletto vescovo di Novara. Ricevette la consacrazione episcopale il 7 dicembre di quell'anno, nella Cappella Sistina, dal pontefice in persona, coadiuvato dal cardinale Evangelista Palotti e dal cardinale Benedetto Giustiniani. Il cardinale Francesco Maria Bourbon del Monte Santa Maria, vescovo di Palestrina, fu consacrato nella stessa cerimonia.

Tutte le cronache e le biografie concordano sul fatto che Taverna non fu, a differenza di molti porporati del tempo, un procacciatore di benefici: le sue entrate ecclesiastiche non superavano i 3.000 scudi l'anno, e sia a Roma sia a Novara vivesse molto parcamente, comunque aiutato dai redditi familiari gestiti nel Milanese dal fratello minore Ludovico.

Morì nella sua sede episcopale il 29 agosto 1619 e trovò sepoltura nella Cattedrale di Santa Maria Assunta di Novara, suo sede vescovile.

Genealogia episcopale

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Governatore di Viterbo Successore: Emblem Holy See.svg
Ottavio Acquaviva d'Aragona 1591 - 15 febbraio 1592 Fantino Petrignani [1] I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Ottavio Acquaviva d'Aragona {{{data}}} Fantino Petrignani [1]
Predecessore: Governatore di Città di Castello Successore: Emblem Holy See.svg
G.B. Volta 1º febbraio 1595 - 27 aprile 1596 G.V. Cansacchi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
G.B. Volta {{{data}}} G.V. Cansacchi
Predecessore: Vice-Governatore di Fermo Successore: Emblem Holy See.svg
Domenico Ginnasi 8 giugno 1596 - 25 settembre 1596 Girolamo Agucchi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Domenico Ginnasi {{{data}}} Girolamo Agucchi
Predecessore: Collettore apostolico in Portogallo Successore: Emblem Holy See.svg
Fabio Biondi 15 ottobre 1596 - 17 marzo 1598 Decio Carafa I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Fabio Biondi {{{data}}} Decio Carafa
Predecessore: Governatore di Roma Successore: Emblem Holy See.svg
Domenico Toschi 3 marzo 1599 - 9 giugno 1604 Benedetto Ala I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Domenico Toschi {{{data}}} Benedetto Ala
Predecessore: Vice-Camerlengo della Camera Apostolica Successore: Emblem Holy See.svg
Domenico Toschi 3 marzo 1599 - 9 giugno 1604 Benedetto Ala I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Domenico Toschi {{{data}}} Benedetto Ala
Predecessore: Cardinale presbitero di Sant'Eusebio Successore: CardinalCoA PioM.svg
Arnaud d'Ossat 25 giugno 1604 - 29 agosto 1619 Jean de Bonsi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Arnaud d'Ossat {{{data}}} Jean de Bonsi
Predecessore: Legato apostolico della Marca Anconitana Successore: Emblem Holy See.svg
Ottavio Bandini 24 novembre 1604 - 23 ottobre 1606 Alfonso Visconti I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Ottavio Bandini {{{data}}} Alfonso Visconti
Predecessore: Vescovo di Novara Successore: BishopCoA PioM.svg
Carlo Bascapè, B. 16 novembre 1615 - 29 agosto 1619 Volpiano Volpi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Carlo Bascapè, B. {{{data}}} Volpiano Volpi
Note
  1. Archbishop Fantino Petrignani † su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 07-09-2021
Bibbliografia