Cesare Guerrieri Gonzaga

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Cesare Guerrieri Gonzaga
Stemma Guerrieri.png
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"

Cesare Guerrieri Gonzaga Cardinale.jpg

'
Titolo cardinalizio
Età alla morte anni
Nascita Mantova
2 marzo 1749
Morte Roma
5 febbraio 1832
Sepoltura Chiesa di San Bonaventura al Palatino (Roma)
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale non si hanno informazioni
Ordinazione presbiterale [[]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile non si hanno informazioni
Consacrazione vescovile [[ ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
Creazione
a Cardinale
27 settembre 1819 da Pio VII (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Cesare Guerrieri Gonzaga (Mantova, 2 marzo 1749; † Roma, 5 febbraio 1832) è stato un cardinale italiano.

Cenni biografici

Cesare nacque a Mantova il 2 marzo 1749 dal marchese Bonaventura, ufficiale dell'esercito imperiale e dalla marchesa Lucrezia Valenti Gonzaga, sua seconda moglie. Era pronipote del cardinal Silvio Valenti Gonzaga e nipote del cardinal Luigi Valenti Gonzaga.

Studiò nel collegio Nazareno di Roma dal 1758 al 1767. Entrato in prelatura, probabilmente per suggerimento dello zio materno Luigi Valenti Gonzaga, come cameriere d'onore fu incaricato 5 giugno 1776 di recare a quest'ultimo, nunzio a Madrid, la berretta cardinalizia. Il 5 giugno 1778 divenne prelato domestico e giurò come referendario delle due Segnature, incarico che presumeva studi giuridici universitari e la tonsura ecclesiastica, dei quali però non si è trovata traccia. Inoltre dovette possedere una conoscenza non superficiale del pensiero economico contemporaneo.

Visse ritirato in famiglia gli anni dell'occupazione francese. Divenuto canonico della basilica Vaticana il 9 marzo 1816 Pio VII lo nominò commendatore dell'arcispedale di Santo Spirito in Sassia e il 23 luglio divenne tesoriere e collettore generale della Reverenda Camera apostolica, carica che mantenne fino all'autunno 1820, nel delicato periodo della ricostruzione amministrativa e finanziaria dello Stato pontificio sancita dal motu proprio del 6 luglio 1817 Quando per ammirabile disposizione.

Dal 1816 e fino alla morte, fu il primo presidente della congregazione del Censo, divenuta nel 1822 congregazione del Catasto, incaricata di proseguire le rilevazioni iniziate sotto il regime napoleonico per realizzare quello che sarà il Catasto pio-gregoriano terminato nel 1835. Questo, realizzato usando il sistema metrico decimale e suddiviso in catasto rustico e urbano, nel pensiero del Guerrieri era finalizzato all'introduzione di un'unica e più equa imposta fondiaria, la dativa reale.

Fu creato cardinale nel concistoro del 27 settembre 1819. Il 17 dicembre dello stesso anno gli fu assegnato il titolo diaconale di sant'Adriano al Foro Romano. Fu membro delle congregazioni: del Concilio, della Fabbrica di San Pietro, del Buon Governo, delle Acque (1819) e di varie altre particolari. Nell'anno 1826-1827 fu camerlengo del Sacro Collegio.

Nel conclave del 1823 seguì una corrente moderata, ostile a Ercole Consalvi per la sua politica di eccessiva vicinanza all'Austria. Il 13 dicembre 1823 fu chiamato dal nuovo pontefice, Leone XII, a far parte della congregazione di sei cardinali incaricata di preparare il costituzione apostolica Quod divina sapientia pubblicato il 28 agosto dell'anno seguente, sulla riforma generale degli studi. Il suo prestigio crebbe ancora sotto questo pontificato, che si appoggiò agli elementi moderati per sottrarsi all'influenza degli "zelanti" che lo avevano eletto.

Così nel 1824 il Guerrieri fu chiamato, anche per la sua intransigenza, alla prestigiosa carica di segretario dei Memoriali, che ricoprì fino al 1830 e nel maggio 1828 fu candidato alla segreteria di Stato.

Nel conclave del 1829, pur attestato su posizioni politicamente moderate e favorevole al cardinal Francesco Saverio Castiglioni, divenuto pontefice con il nome di Pio VIII, fu da questi emarginato e dopo l'elezione lasciò quasi tutti gli incarichi.

Nel conclave del 1830-1831, pur spostatosi verso il partito zelante, favorevole all'elezione del cardinal Bartolomeo Alberto Cappellari O.S.B. Cam., era ormai troppo anziano per esercitare qualche influenza.

Morì il 5 febbraio 1832 nel palazzo romano Giorgini in via Magnanapoli, sua abitazione. La salma fu esposta nella basilica di Santa Maria in Trastevere dove si tennero i funerali. Fu sepolto accanto al prozio cardinal Silvio Valenti Gonzaga nella chiesa francescana di san Bonaventura al Palatino.

Successione degli incarichi

Predecessore: Tesoriere generale della Camera Apostolica Successore: Emblem Holy See.svg
Luigi Ercolani 22 luglio 1816 - 4 giugno 1820 Belisario Cristaldi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Luigi Ercolani {{{data}}} Belisario Cristaldi
Predecessore: Presidente della Congregazione del Censo Successore: Emblem Holy See.svg
primo presidente 22 luglio 1816 - 5 febbraio 1832 Giovanni Francesco Falzacappa I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
primo presidente {{{data}}} Giovanni Francesco Falzacappa
Predecessore: Segretario della Congregazione dei Vescovi e Regolari Successore: Emblem Holy See.svg
Fabrizio Sceberras Testaferrata 6 aprile 1818 - 27 settembre 1819 Francesco Canali I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Fabrizio Sceberras Testaferrata {{{data}}} Francesco Canali
Predecessore: Cardinale diacono di Sant'Adriano al Foro Successore: CardinalCoA PioM.svg
Lorenzo Prospero Bottini 17 dicembre 1819 - 5 febbraio 1832 Giuseppe Ugolini I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Lorenzo Prospero Bottini {{{data}}} Giuseppe Ugolini
Predecessore: Camerlengo del Collegio Cardinalizio Successore: Emblem Holy See.svg
Pietro Vidoni 13 marzo 1826 - 9 aprile 1827 Antonio Frosini I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Pietro Vidoni {{{data}}} Antonio Frosini
Bibliografia

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.