Francesco Maria Pignatelli

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Francesco Maria Pignatelli
PIGNATELLI Domenico 05 02 1803.jpg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

Pignatelli Francesco Maria quadro.jpeg

{{{didascalia}}}
'
Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte anni
Nascita Rosarno
19 febbraio 1744
Morte Roma
14 agosto 1815
Sepoltura basilica di Santa Maria in Trastevere (Roma)
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
Creazione
a Cardinale
21 febbraio 1794 da Pio V (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Francesco Maria Pignatelli (Rosarno, 19 febbraio 1744; † Roma, 14 agosto 1815) è stato un cardinale italiano.

Cenni biografici

Nacque a Rosarno, feudo calabrese della famiglia, il 19 febbraio 1744 da Fabrizio, ottavo principe di Noja e da Costanza de' Medici, membri dell'aristocrazia napoletana imparentati con papa Innocenzo XII e i cardinali Francesco Pignatelli e Domenico Pignatelli di Belmonte.

Ricevette la sua prima educazione in casa da precettori domenicani e cappuccini, quindi nel 1758 fu mandato a Roma, dove studiò presso il Collegio Clementino dei Padri Somaschi.

Iniziò la carriera ecclesiastica come protonotario apostolico, quindi divenne referendario del Tribunale dell'Apostolica Segnatura di Giustizia e Grazia (28 novembre 1765), vice-legato a Ferrara (19 gennaio 1767 - 30 giugno 1772), relatore della Congregazione della Consulta (1772), infine dal 14 febbraio 1785 Maestro di Camera del papa, posto che occupò fino alla sua elevazione al cardinalato.

Papa Pio VI lo creò cardinale nel concistoro del 21 febbraio 1794 e il 27 di quel mese ricevette la berretta rossa e prese possesso del titolo di cardinale presbitero di Santa Maria del Popolo il 12 settembre. Fu membro delle congregazioni delle Immunità, dei Riti, della Consulta e della Visita apostolica.

Il 1º giugno 1795 fu nominato legato a Ferrara. La legazione ferrarese fu occupata senza colpo ferire dalle truppe francesi il 22 giugno dell'anno seguente e Pignatelli fu fatto prigioniero e trattenuto in ostaggio con il cardinale Ippolito Vincenti Mareri, legato di Bologna, in attesa che rientrasse da Roma il marchese Giuseppe Angelelli, ambasciatore di Bologna. Fu temporaneamente surrogato nelle funzioni diplomatiche dal cardinale Alessandro Mattei allora arcivescovo di Ferrara.

Fu rilasciato e partì per Roma e in agosto era a Napoli, dove gli fu richiesto di presentarsi prigioniero sulla parola a Milano. Ma tale richiesta cadde dopo la firma del Trattato di Tolentino (1797).

Quando i francesi entrarono in Napoli Pignatelli riparò su una nave portoghese scortata da una fregata russa e da una turca e giunse a Trieste il 19 maggio 1799 insieme con vari aristocratici e con i cardinali Enrico Benedetto Stuart e Romualdo Braschi-Onesti.

Fu tra i trentacinque cardinali del conclave di Venezia dal quale, dopo tre mesi, risultò eletto papa Pio VII Chiaramonti. Il 6 giugno si imbarcò con il papa sulla fregata austriaca "Bellona" e fece rientro a Roma, ancora occupata dalle truppe napoleoniche. Il nuovo pontefice lo trasferì, il 2 aprile 1800, al titolo di santa Maria in Trastevere.

Fu nuovamente arrestato dai francesi che occuparono Roma nel 1809 e fu deportato in Francia, dove già era detenuto papa Pio VII. Fu uno dei tredici "cardinali neri" che rifiutarono di presenziare al matrimonio fra l'imperatore e l'arciduchessa Maria Luisa d'Asburgo-Lorena il 12 aprile 1810.[1] Su ordine di Napoleone venne rinchiuso a Rethel assieme al cardinale Alessandro Mattei. Rientrò presso la corte papale dopo la firma del Concordato di Fontainebleau del 25 gennaio 1813, che però Pio VII con il Segretario di Stato Ercole Consalvi già ritrattarono il 24 marzo seguente.

Non andò in esilio assieme ad altri cardinali il 27 gennaio 1814 a causa delle sue gravi condizioni di salute e rimase a Parigi. Un ordine del governo provvisorio lo liberò finalmente il 2 aprile e poté rientrare a Roma, dove morì l'anno seguente, il 14 agosto 1815, nel suo palazzo di san Lorenzo ai Monti. La salma venne esposta nella chiesa di Santa Maria in Vallicella e le esequie si svolsero alla presenza del papa. Fu sepolto nella basilica di Santa Maria in Trastevere (Roma) del suo titolo.

Successione degli incarichi

Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Maria del Popolo Successore: CardinalCoA PioM.svg
Giovanni Maria Riminaldi 21 febbraio 1794 - 2 aprile 1800 Ferdinando Maria Saluzzo I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giovanni Maria Riminaldi {{{data}}} Ferdinando Maria Saluzzo
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Maria in Trastevere Successore: CardinalCoA PioM.svg
Tommaso Antici 2 aprile 1800 - 14 agosto 1815 Annibale Francesco Clemente Melchiore Girolamo Nicola della Genga I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Tommaso Antici {{{data}}} Annibale Francesco Clemente Melchiore Girolamo Nicola della Genga
Note
Bibliografia
  • Ugo Dovere «PIGNATELLI, Francesco Maria». In: Dizionario Biografico degli Italiani, Roma: Istituto dell'Enciclopedia Italiana, Vol. 83 (2015) (online)

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.