Congregazione dell'immunità ecclesiastica

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Congregazione dell'immunità ecclesiastica
Eretto: 1626 da Urbano VIII
Soppresso: 1879 da Pio IX
Nuovo nome: {{{nuovo nome}}},
Nuovo nome: {{{nuovo nome1}}},
Successori

dati

Santa Sede · Chiesa cattolica
elenco dicasteri della Curia Romana

La Congregazione dell'immunità ecclesiastica (1626-1879) era un organismo della Curia romana, oggi soppresso.

Nel dicembre 1623 papa Urbano VIII istituì un comitato ad hoc che controllava il rispetto delle disposizioni della Bolla Ex quo di Gregorio XV sulle giurisdizioni ecclesiastiche. Tre anni dopo, nel 1626, era già organizzata come una congregazione permanente con il compito di esaminare ogni controversia attinente alla violazione dei privilegi di giurisdizione del corpo ecclesiastico ad opera dei tribunali laici (cosiddetta immunità ecclesiastica), compiti che in precedenza erano svolti dalla Congregazione dei Vescovi e Regolari.

Con il declino della questione della immunità della Chiesa nel XIX secolo l'importanza di questa congregazione diminuì. Nel 1879 le mansioni di questo organo furono integrate nella struttura della Sacra Congregazione del concilio, anche se formalmente la congregazione fu sciolta solo nel 1908 da papa Pio X.

Elenco dei cardinali prefetti

I prefetti della Congregazione per Concilio di Trento (dal 1879)

Nel 1879, papa Leone XIII la incorporò, anche se non formalmente, nella Sacra Congregazione del concilio e il prefetto di quest'ultima ne rappresentò entrambe fino alla completa abolizione avvenuta nel 1908.

Note


Bibliografia

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.