Vittorio Amedeo Ranuzzi de' Bianchi

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Vittorio Amedeo Ranuzzi de' Bianchi
Stemma Vittorio Amedeo Ranuzzi de' Bianchi.jpg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

Vittorio Amedeo Ranuzzi de' Bianchi.jpg

{{{didascalia}}}
'
Titolo cardinalizio
Età alla morte 69 anni
Nascita Bologna
14 luglio 1857
Morte Roma
16 febbraio 1927
Sepoltura Tomba di famiglia nel Cimitero Monumentale della Certosa di Bologna
Appartenenza Arcidiocesi di Bologna
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale Bologna, 14 maggio 1880 dall'Arcivescovo Lucido Maria Parocchi
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo 22 giugno 1903 da Pio X
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile Roma, cappella del Monastero di Tor de' Specchi, 5 maggio 1895 dal Card. Arc. Pietro Respighi
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo 27 novembre 1911 da Benedetto XV
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
4 dicembre 1916 da Benedetto XV (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Vittorio Amedeo Ranuzzi de' Bianchi (Bologna, 14 luglio 1857; † Roma, 16 febbraio 1927) è stato un Arcivescovo e Cardinale italiano.

La formazione e il ministero sacerdotale

Nacque a Bologna il 14 luglio 1857, da una famiglia di nobili origini, primo figlio di Gian Carlo Ranuzzi e Cesarina de 'Bianchi dei Conti di Piano. Ricevette il sacramento della confermazione nel 1865. Entrato nel seminario diocesano di Bologna, fu ordinato presbitero il 14 maggio 1880 nella cattedrale di Bologna dal cardinale Lucido Maria Parocchi arcivescovo di Bologna. Svolse il ministero pastorale nell'Arcidiocesi di Bologna, frequentando al contempo il Collegio teologico di Bologna, dove nel luglio 1882 conseguì il dottorato in teologia e un dottorato utroque iure, sia diritto canonico che civile nel 1886. Fu docente del seminario diocesano e direttore spirituale dal 1894 al 1899; primicerio onorario del capitolo della cattedrale di Bologna dal 1885. Nominato nel 1899 Prelato domestico di Sua Santità da Leone XIII, svolse l'incarico di Consigliere della nunziatura in Francia, dal 13 settembre 1899.

Ministero episcopale e attività diplomatica

Il 22 giugno 1903 fu nominato da Pio X vescovo di Loreto e Recanati. Fu consacrato il 12 luglio dello stesso anno nella cappella dei Nobili Oblati a Tor de' Specchi a Roma, dal cardinale Pietro Respighi, vicario generale di Roma, assistito dall'arcivescovo titolare di Patrasso Giuseppe Maria Costantini, Elemosiniere di Sua Santità e dall' arcivescovo titolare di Nicea Rafael Merry del Val y Zulueta, presidente della Pontificia Accademia Ecclesiastica. Il 27 novembre 1911 fu elevato arcivescovo titolare di Tiro e nominato, 3 giorni dopo, il 30 novembre 1911, Maestro della Camera papale [1]. Il 7 settembre 1914 Benedetto XV, appena eletto al soglio pontificio, lo confermò al servizio della Corte pontificia, nominandolo Maggiordomo papale [2].

Il cardinalato

Fu creato cardinale presbitero da Benedetto XV nel concistoro del 4 dicembre 1916: ricevette il cappello rosso e il titolo di Santa Prisca tre giorni dopo. Partecipò al conclave del 10 settembre 1922, che elesse Papa Pio XI. Fu Camerlengo del Sacro Collegio Cardinalizio dal 30 marzo 1925 al 21 giugno 1926.

La morte

Morì il 16 febbraio 1927 all'età di 69 anni a Roma. Il rito funebre fu celebrato nella basilica di Santa Maria in Trastevere; e al suo arrivo a Bologna, la salma fu nuovamente benedetta nella chiesa cattedrale metropolitana di San Petronio. Fu sepolto nella cappella di famiglia al Cimitero Monumentale della Certosa di Bologna, Chiostro IX, braccio di ponente.

Genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Vescovo di Recanati e Loreto Successore: Stemma vescovo.png
Guglielmo Giustini 22 giugno 1903 - 27 novembre 1911 Alfonso Andreoli I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Guglielmo Giustini {{{data}}} Alfonso Andreoli
Predecessore: Arcivescovo titolare di Tiro Successore: Stemma vescovo.png
Franz Xaver Nagl 27 novembre 1911 - 4 dicembre 1916 Rodolfo Caroli I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Franz Xaver Nagl {{{data}}} Rodolfo Caroli
Predecessore: Maestro di Camera della Corte Pontificia Successore: Emblem Holy See.svg
Gaetano Bisleti 30 novembre 1911- 7 settembre 1914 Ricardo Sanz de Samper y Campuzano I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Gaetano Bisleti {{{data}}} Ricardo Sanz de Samper y Campuzano
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Prisca Successore: CardinalCoA PioM.svg
Domenico Ferrata 7 dicembre 1916 - 16 febbraio 1927 Charles-Henri-Joseph Binet I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Domenico Ferrata {{{data}}} Charles-Henri-Joseph Binet
Predecessore: Camerlengo del Collegio Cardinalizio Successore: Emblem Holy See.svg
Raffaele Scapinelli di Leguigno 30 marzo 1925 - 21 giugno 1926 Donato Raffaele Sbarretti Tazza I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Raffaele Scapinelli di Leguigno {{{data}}} Donato Raffaele Sbarretti Tazza
Note
  1. Acta Apostolicae Sedis - Commentarium Officiale 1911, op. cit., p. 630
  2. Acta Apostolicae Sedis - Commentarium Officiale 1914, op. cit., p. 511
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.