Camillo Paolucci

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Camillo Paolucci
Stemma cardinale.png
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"

Camillo Paolucci.jpg

'
Titolo cardinalizio
Età alla morte 70 anni
Nascita Forlì
9 dicembre 1692
Morte 11 giugno 1763
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale 23 dicembre 1719
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo 26 giugno 1724 da papa Benedetto XIII
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile
Consacrazione vescovile 2 luglio 1724 dal card. Fabrizio Paolucci
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
Creazione
a Cardinale
9 settembre 1743 da Benedetto XIV (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Camillo Paolucci (Forlì, 9 dicembre 1692; † 11 giugno 1763) è stato un cardinale italiano.

Biografia

Incarichi presso la Curia romana

Nato da nobile famiglia, fin da giovane fu chiamato a Roma dal cardinale Fabrizio Paolucci, suo zio, segretario di Stato di papa Clemente XI. Dopo aver studiato diritto sotto la guida dell'avvocato Prospero Lambertini (il futuro papa Benedetto XIV) e aver conseguito la laurea in giurisprudenza presso l'Università di Roma, fu ammesso tra i familiari di Clemente XI, provveduto di un canonicato nella Basilica lateranense e fatto ponente del Buon Governo[1].

Fu ordinato presbitero nel 1719, all'età di ventisette anni. Quando papa Innocenzo XIII assegnò al cardinale Fabrizio Paolucci il vicariato di Roma, gli fu assegnato come luogotenente il nipote Camillo.

Arcivescovo titolare e nunzio apostolico

Nel 1724 fu nominato arcivescovo titolare di Iconio; ricevette la consacrazione episcopale il 2 luglio dello stesso anno per l'imposizione delle mani del cardinale Fabrizio Paolucci, assistito dagli arcivescovi Prospero Marefoschi e Tommaso Cervini. Papa Benedetto XIII lo designò segretario della Cifra e lo delegò a portare le fasce a Carlo Edoardo Stuart[1], nato in esilio a Roma e pretendente al trono d'Inghilterra.

Nel 1728 fu spedito come nunzio apostolico in Polonia, che in quegli anni fu sconvolta dalla guerra di successione polacca. Nel 1738 papa Clemente XII lo mandò come nunzio in Austria-Ungheria, dove incontrò il favore dell'imperatore Carlo VI e della figlia Maria Teresa[2].

Cardinalato e ritorno a Roma

Nel concistoro del 9 settembre 1743 papa Benedetto XIV lo creò cardinale, assegnandogli il titolo dei Santi Giovanni e Paolo. Nel 1745 rinunciò alla nunziatura a Vienna; l'anno successivo gli fu assegnata la Legazione di Ferrara e la protettoria dell'Ordine camaldolese. Nel corso degli anni fu membro delle Congregazioni dei Riti, del Concilio, dell'Immunità, del Buon Governo e di molte altre[2].

Nel 1756 gli fu assegnato il titolo cardinalizio di Santa Maria in Trastevere, conservando in commendam quello dei Santi Giovanni e Paolo. Nel 1758, invece, divenne cardinale vescovo di Frascati; due anni dopo fu trasferito al vescovato di Porto e Santa Rufina; da qui rifiutò di passare a quello di Ostia per le sue cattive condizioni di salute[2].

Morì a Roma l'11 giugno 1763, all'età di settant'anni. Fu sepolto nella Chiesa di San Marcello, dove gli fu innalzato un monumento in marmo.

Genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Arcivescovo titolare di Iconio Successore: Stemma di Arcivescovo.png
Giulio Caracciolo 26 giugno 1724 - 7 settembre 1743 Matteo Trigona I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giulio Caracciolo {{{data}}} Matteo Trigona
Predecessore: Nunzio apostolico per la Polonia Successore: Flag of the Vatican City.svg
Gerolamo Archinto 2 agosto 1728 - 20 maggio 1738 Alberico Archinto I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Gerolamo Archinto {{{data}}} Alberico Archinto
Predecessore: Nunzio apostolico per il Sacro Romano Impero Successore: Flag of the Vatican City.svg
Domenico Silvio Passionei 20 maggio 1738 - 20 ottobre 1745 Fabrizio Serbelloni I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Domenico Silvio Passionei {{{data}}} Fabrizio Serbelloni
Predecessore: Cardinale presbitero dei Santi Giovanni e Paolo Successore: Stemma cardinale.png
Niccolò Maria Lercari 18 aprile 1746 - 11 giugno 1763
(dal 20 settembre 1756 in commendam)
Giovanni Carlo Boschi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Niccolò Maria Lercari {{{data}}} Giovanni Carlo Boschi
Predecessore: Camerlengo del Sacro Collegio Successore: Stemma cardinale.png
Joaquín Fernández Portocarrero 1 febbraio 1751 - 1752 Carlo Alberto Guidobono Cavalchini I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Joaquín Fernández Portocarrero {{{data}}} Carlo Alberto Guidobono Cavalchini
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Maria in Trastevere Successore: Stemma cardinale.png
Joaquín Fernández Portocarrero 20 settembre 1756 - 22 novembre 1758 Giacomo Oddi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Joaquín Fernández Portocarrero {{{data}}} Giacomo Oddi
Predecessore: Cardinale vescovo di Frascati Successore: Stemma cardinale.png
Carlo Maria Sacripante 22 novembre 1758 - 13 luglio 1761 Enrico Benedetto Stuart I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Carlo Maria Sacripante {{{data}}} Enrico Benedetto Stuart
Predecessore: Cardinale vescovo di Porto-Santa Rufina Successore: Stemma cardinale.png
Giuseppe Spinelli 13 luglio 1761 - 11 giugno 1763 Federico Marcello Lante Montefeltro Della Rovere I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giuseppe Spinelli {{{data}}} Federico Marcello Lante Montefeltro Della Rovere
Predecessore: Decano del Sacro Collegio Successore: Stemma cardinale.png
Francesco Scipione Maria Borghese 13 luglio 1761? - 11 giugno 1763 Federico Marcello Lante Montefeltro Della Rovere I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Francesco Scipione Maria Borghese {{{data}}} Federico Marcello Lante Montefeltro Della Rovere
Note
  1. 1,0 1,1 Lorenzo Cardella (1797), p. 3.
  2. 2,0 2,1 2,2 Lorenzo Cardella (1797), p. 4.
Bibliografia
Voci correlate

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.