Giambattista Spada

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
(Reindirizzamento da Giovanni Battista Spada)
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Giambattista Spada
Cardinale
SPADA GIOVANNI BATTISTA.jpg
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}
'

AlfabSx083.jpg

{{{didascalia}}}
Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte 77 anni
Nascita Lione
28 agosto 1597
Morte Roma
23 gennaio 1675
Sepoltura Chiesa di Santa Croce e San Bonaventura dei Lucchesi (Roma)
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[]]
Ordinato diacono
Ordinazione presbiterale non si hanno informazioni
Ordinazione presbiterale [[]]
Nominato Abate {{{nominatoAB}}}
Nominato amministratore apostolico {{{nominatoAA}}}
Nominato vescovo {{{nominato}}}
Nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
Nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
Nominato patriarca 3 agosto 1643 da Urbano VIII
Nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile Chiesa di Santa Maria in Vallicella (Roma), 23 agosto 1643 dal card. vescovo Marcantonio Franciotti
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
2 marzo 1654 da Innocenzo X (vedi)
Cardinale per
Cardinale per 20 anni, 10 mesi e 21 giorni
Cardinale elettore
Incarichi ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Riammesso da da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Durata del
pontificato
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato

Successione apostolica

Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
[[File:|100px|Stemma]]
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda
Invito all'ascolto
Firma autografa
[[File:{{{FirmaAutografa}}}|250px]]

Giambattista Spada (Lione, 28 agosto 1597; † Roma, 23 gennaio 1675) è stato un patriarca e cardinale italiano.

Cenni biografici

Nacque a Lione il 28 agosto 1597 in una nobile famiglia lucchese. Era nipote del cardinale Bernardino Spada.

Nel 1606 fu inviato a Roma dove fu istruito dallo zio Giambattista Spada, avvocato concistoriale.

Intraprese la carriera curiale e nel 1618, in sostituzione dello zio, entrò nella Curia romana come avvocato concistoriale. Dal 1624 al 1629 fu segretario della Congregazione del Buon Governo. Nel 1630 fu nominato segretario della Congregazione di Sanità, per contenere il morbo della peste molto virulento nel nord della penisola. Dal 1635 al 1643 fu governatore di Roma. Durante il pontificato di Papa Urbano VIII fu segretario di Stato, succedendo al cardinale Francesco Adriano Ceva. Durante il pontificato di Papa Innocenzo X fu anche rettore dell'Università della Sapienza.

Il 3 agosto 1643 fu nominato patriarca titolare di Costantinopoli e fu consacrato vescovo, nella chiesa di Santa Maria in Vallicella, il 23 agosto dello stesso anno dal cardinale Marcantonio Franciotti coadiuvato da mons. Ranuzio Scotti, vescovo di Borgo San Donnino e da mons. Giovanni Battista Scannarolo (Ch), vescovo titolare di Sidone. Dal 1644 fu presidente della Legazione di Romagna.

Nel concistoro del 2 marzo 1654 fu creato cardinale da papa Innocenzo X e il 23 marzo dello stesso anno ricevette il titolo di Santa Susanna. Fu legato a Ferrara dal 1654 al 1657. Il 27 gennaio 1659 optò per il titolo di San Marcello e il 25 settembre 1673 per quello di San Crisogono.

Partecipò al conclave del 1655 che vide l'elezione di papa Alessandro VII e ai due successivi con le elezioni di papa Clemente IX e papa Clemente X.

Morte

Morì a Roma il 23 gennaio 1675. I funerali si tennero due giorni dopo nella chiesa di santa Maria in Vallicella e fu sepolto nella Chiesa di Santa Croce e San Bonaventura dei Lucchesi.

Genealogia episcopale

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Patriarca titolare di Costantinopoli Successore: PatriarchNonCardinal PioM.svg
Giovanni Giacomo Panciroli 3 agosto 1643-23 marzo 1654 Volumnio Bandinelli I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giovanni Giacomo Panciroli {{{data}}} Volumnio Bandinelli
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Susanna Successore: CardinalCoA PioM.svg
Giulio Cesare Sacchetti 23 marzo 1654-27 gennaio 1659 Carlo Carafa della Spina, C.R. I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giulio Cesare Sacchetti {{{data}}} Carlo Carafa della Spina, C.R.
Predecessore: Cardinale presbitero di San Marcello Successore: CardinalCoA PioM.svg
Camillo Melzi 27 gennaio 1659-25 settembre 1673 Federico Baldeschi Colonna I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Camillo Melzi {{{data}}} Federico Baldeschi Colonna
Predecessore: Cardinale presbitero di San Crisogono Successore: CardinalCoA PioM.svg
Lorenzo Imperiali 25 settembre 1673-23 gennaio 1675 Carlo Pio di Savoia I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Lorenzo Imperiali {{{data}}} Carlo Pio di Savoia
Bibliografia