Sede titolare di Oderzo

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
(Reindirizzamento da Diocesi di Oderzo)

Coordinate: 45°46′59″N 12°29′15″E / 45.78306, 12.4875

Oderzo
Sede vescovile titolare
Opitergium
Chiesa latina
Sede titolare di Oderzo
Piazza grande di Oderzo
Vescovo titolare: {{{vescovo}}}
Arcivescovo titolare: Alberto Bottari De Castello
Sede vacante
Suffraganea
Istituita: {{{istituita}}}
Soppressa: {{{sedetitolaresoppressa}}}
Stato: bandiera Italia
Regione: Veneto
Località: Oderzo
collocazione
geografica:
[[Immagine:|200 px]]
Diocesi soppressa di Oderzo
Diocesi suffraganee:
Eretta: III secolo
Soppressa: VI secolo
Territori ereditati dalla diocesi di Ceneda

Dati dall'annuario pontificio

Elenco delle sedi titolari della Chiesa cattolica
Tutte le sedi titolari

La diocesi di Oderzo (in latino Dioecesis Opitergina), è un'antica diocesi della Chiesa cattolica, attiva dal III secolo al VI secolo circa.

La diocesi antica

Il suo territorio ricalcava i confini amministrativi del municipium romano dell'antica Opitergium, ovvero la fascia di pianura compresa tra l'antico corso del fiume Piave a ovest e quello del Livenza a est, delimitata a nord, dal Cansiglio fino alle coste del mar Adriatico a sud, che un tempo erano arretrate di qualche chilometro rispetto ad oggi.

Dei soli cinque vescovi conosciuti, ben tre sono santi riconosciuti dalla Chiesa cattolica: Floriano, Tiziano e il più importante, Magno.

La città fu più volte saccheggiata dai barbari, e si trovò pienamente coinvolta nella guerra tra Bizantini e Longobardi. Dopo l'omicidio dei duchi del Friuli da parte dei Bizantini avvenuta proprio a Oderzo, il vescovo opitergino san Magno, temendo la vendetta che sarebbe arrivata nel 667, scappò ad Eraclea per non farvi più ritorno.

Le spoglie del suo predecessore san Tiziano nel frattempo erano state trasferite a Ceneda, già emergente capoluogo di un ducato longobardo, in occasione di un leggendario episodio secondo il quale le spoglie del santo, poste su una barca sul fiume Livenza, avrebbero raggiunto Ceneda risalendo miracolosamente la corrente.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce San Tiziano di Oderzo.

Nel secolo successivo proprio a Ceneda fu istituita una nuova diocesi che ereditò la gran parte del territorio diocesano di Oderzo, mentre la fascia costiera rimaneva alla diocesi di Eraclea. Attualmente la diocesi di Ceneda sussiste con il nome di diocesi di Vittorio Veneto.

Oderzo sede titolare

A Oderzo, per tradizione, è riservata la prima uscita di ogni nuovo vescovo vittoriese.

Negli anni trenta papa Pio XI elevò il parroco di Oderzo al titolo di "abate mitrato", concedendogli dignità quasi vescovile. Il primo a fregiarsi di questo titolo fu il decano don Domenico Visentin.

Nel 1968 papa Paolo VI creò il titolo di vescovo titolare di Oderzo, assegnandolo a monsignor Livio Maritano.

Da allora sono stati quattro i prelati a succedersi tale carica: attualmente la detiene mons. Alberto Bottari De Castello.

Cronotassi dei vescovi

Vescovi di Oderzo conosciuti

Vescovi titolari di Oderzo

Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.