Arcidiocesi di Benevento

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark

Arcidiocesi di Benevento
Archidioecesis Beneventana
Chiesa latina

Benevento-Facciata Duomo.jpg
arcivescovo metropolita Felice Accrocca
Sede Benevento

sede vacante
Benevento

Suffraganea
Regione ecclesiastica Campania
Cartina parrocchie.jpg
Mappa della diocesi
Nazione bandiera Italia
diocesi suffraganee
Ariano Irpino-Lacedonia, Avellino, Cerreto Sannita-Telese-Sant'Agata de' Goti, Montevergine, Sant'Angelo dei Lombardi-Conza-Nusco-Bisaccia
coadiutore
vicario
provicario
generale
ausiliari

Cariche emerite:

Andrea Mugione
Parrocchie 116
Sacerdoti

74 di cui 221 secolari e 147 regolari
1.208 battezzati per sacerdote

116 religiosi 250 religiose 46 diaconi
269.000 abitanti in 1.691 km²
267.000 battezzati (99,2% del totale)
Eretta I secolo, elevata ad arcidiocesi il 26 maggio 969
Rito romano
cattedrale {{{cattedrale}}}
Santi patroni
Palazzo Arcivescovile, Piazza Orsini 27, 82100 Benevento, Italia
tel. +390824323324 fax. 0824.32.33.78 @

Sito ufficiale

Dati dall'annuario pontificio 2010 Scheda
Chiesa cattolica in Italia
Tutte le diocesi della Chiesa cattolica

L'arcidiocesi di Benevento (in latino: Archidioecesis Beneventana) è una sede metropolitana della Chiesa cattolica appartenente alla regione ecclesiastica Campania. Nel 2010 contava 267.000 battezzati su 269.000 abitanti. È attualmente retta dall'arcivescovo Felice Accrocca.

Territorio

Il territorio diocesano comprende il capoluogo sannita, molti paesi della provincia di Benevento e alcuni Comuni della provincia di Avellino (vedi riquadro laterale).


Comuni dell'Arcidiocesi
I comuni compresi nell'Arcidiocesi sono:
  • Arpaise
  • San Bartolomeo in Galdo
  • Montemiletto
  • Pietradefusi
  • Pietrastornina
  • Reino
  • Fragneto l'Abate
  • Santa Croce del Sannio
  • San Giorgio la Molara
  • Cervinara
  • San Giorgio del Sannio
  • Roccabascerana
  • San Nicola Manfredi
  • Paduli
  • Petruro Irpino
  • Lapio
  • Foglianise
  • Torre Le Nocelle
  • Vitulano
  • Sant'Angelo a Cupolo
  • Pago Veiano
  • Torrecuso
  • Calvi
  • Colle Sannita
  • Ceppaloni
  • San Lupo
  • Montefusco
  • Baselice
  • San Leucio del Sannio
  • Morcone
  • San Marco dei Cavoti
  • Pannarano
  • Altavilla Irpina
  • Apollosa
  • Montefalcione
  • Montesarchio
  • San Nazzaro
  • Tufo
  • Apice
  • Pietrelcina
  • Molinara
  • Paupisi
  • Cautano
  • Colle Sannita
  • Venticano
  • Sant'Arcangelo Trimonte
  • San Martino Sannita
  • Sassinoro
  • Torrioni
  • Bonea
  • Campoli del Monte Taburno
  • Buonalbergo
  • Castelpoto
  • Castelvetere in Val Fortore
  • Santa Paolina
  • Chianche
  • Montecalvo Irpino
  • Paolisi
  • San Martino Valle Caudina
  • Tocco Caudio
  • Fragneto Monforte
  • Circello
  • Rotondi
  • Foiano di Val Fortore
  • Campolattaro
  • Castelpagano
  • Pesco Sannita
  • Pontelandolfo

Sede arcivescovile è la città di Benevento, dove si trova la cattedrale di Santa Maria de Episcopio.

Il territorio è suddiviso in 116 parrocchie.

Storia

Soltanto da circa quattro secoli si è accertato che la Chiesa beneventana abbia avuto origine apostolica.

Lo scrittore ecclesiastico beneventano, Mario La Vipera, arcidiacono della Metropolitana, nel Catalogus Sanctorum Ecclesiae Beneventanae (1635) e nella Chronologia episcoporum et archiepiscoporum metropolitanae ecclesiae beneventanae (1636), afferma, che, antiqua traditione et ex maiorum nostrorum traditione, il primo vescovo sia stato san Fotino, greco, mandato da San Pietro nell'anno 40.

L'ordinario di Benevento, che fu innalzato al grado di Metropolita, nell'anno 969, essendo allora vescovo Landolfo e durante il principato di Pandolfo, godeva di particolari privilegi: sigillava i suoi diplomi con il bollo di piombo, come avviene nella Curia romana, e come lo stesso pontefice, usava il camauro e si faceva procedere nelle sante visite dalla Santissima Eucarestia.

L'uso del camauro, e la prerogativa di farsi precedere dall'Eucarestia, sono cessati nell'anno 1466, con l'arcivescovo Niccolò Piccolomini e sotto Paolo II.

L'arcidiocesi un tempo, ha avuto fino a 32 chiese suffraganee: Acquaputrida, Sant'Agata dei Goti, Alife, Ariano, Ascoli, Avellino, Boiano, Bovino, Dragonara, Fiorentino, Frigento, Guardalfieri, Larino, Lesina, Limosano, Lucera, Montecorvino, Montemarano, Ordona, Quintodecimo, Sepino, Sessola, Telese, Termoli, Tocco caudio, Tortivoli, Trivento, Trevico, Troia, Viccari, Volturara. La chiesa di Siponto era unita a Benevento aeque principaliter.

Poi i vescovi suffraganei si ridussero a 24, sul cominciare del XII secolo o meglio nel concilio provinciale di Ugone Guidardi del 1374, come sono scolpiti sulla porta di bronzo del Duomo di Benevento.

Di questa vasta regione ecclesiastica, entravano a far parte paesi di cinque province: Benevento, Caserta, Campobasso, Foggia ed Avellino, cosicché esso rappresenta quasi il Ducato di Benevento, dopo la scissione di quelli di Salerno e di Capua.

Le chiese suffraganee poi, furono ridotte a tredici, rimaste in vigore fino alla fine della seconda guerra mondiale: Sant'Agata de' Goti, Ariano, Ascoli e Cerignola, Avellino, Boiano, Bovino, Cerreto (Telese), Larino, Lucera, Montevergine, Piedimonte (Alife), San Severo e Termoli.

Due cardinali, arcivescovi della città, salirono al trono pontificio: Paolo III e Benedetto XIII.

La città di Benevento, poi, ha dato i natali a tre papi: Gregorio VIII, Felice IV, Vittore III.

Cronotassi dei vescovi

Statistiche

L'arcidiocesi al termine dell'anno 2010 su una popolazione di 269.000 persone contava 267.000 battezzati, corrispondenti al 99,2% del totale.

Fonti
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.