Catacomba di Commodilla (Roma)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
1leftarrow.png Voce principale: Catacombe di Roma.
Catacomba di Commodilla
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO
Roma CatComodilla Bas.SS.Adaudato+Felice VI-VII.jpg
Basilica ipogea dei Santi Adautto e Felice (VI - VII secolo)
Altro nome
Nome antico Catacomba di Felice e Adautto
Collocazione storica Impero romano
Civiltà Cristiana
Oggetto generico Area funeraria
Oggetto specifico Catacomba
Dedicazione
Dedicazione non cristiana
Fondatore
Data fondazione
Architetto
Scopritore Antonio Bosio
Data scoperta 1595
Datazione IV - VI secolo
Inizio della costruzione IV secolo
Completamento VI secolo
Distruzione
Soppressione
Scomparsa IX secolo
Data di inaugurazione
Inaugurato da
Preesistenze
Pianta
Tecnica costruttiva
Materiali pozzolana
Iscrizioni LEO OFFICIALIS ANN(onae) SI(bi) VIVO FECIT CUBUCULUM IN (cemeterio) ADAUTI ET FELI(c)IS
Marcatura
Utilizzazione
Localizzazione
Stato bandiera Italia
Regione bandiera Lazio


Regione ecclesiastica Lazio

Provincia Roma
Comune Stemma Roma
Località o frazione
Diocesi Diocesi di Roma
Vicariatus Urbis
Altitudine massima m slm
Altitudine minima m slm
Dimensioni
Superficie m2
Altezza m
Larghezza m
Lunghezza m
Volume m3
Profondità {{{Profondità}}} m
Diametro {{{Diametro}}} m
Inclinazione °
Scavi
Datazione scavi XIX secolo - 1953
Organizzazione scavi
Archeologo Giovanni Battista de Rossi
Amministrazione
Proprietà
Parte di
Ente Pontificia Commissione di Archeologia Sacra
Responsabile
Indirizzo Via delle Sette Chiese, 42
Roma (RM)
Telefono +39 06 4465610
Fax +39 06 4467625
Posta elettronica pcas@arcsacra.va
Sito web sito web ufficiale
Sito web 2
Informazioni
Note
Visita a richiesta
Coordinate geografiche
41°51′41″N 12°29′02″E / 41.861497, 12.483965 Stemma Roma
Mappa di localizzazione New: Roma
Catacomba di Commodilla (Roma)
Dati UNESCO
Patrimonio UNESCO.png Patrimonio dell'umanità
{{{nome}}}
{{{nomeInglese}}}
[[Immagine:{{{immagine}}}|240px]]
Tipologia {{{tipologia}}}
Criterio {{{criterio}}}
Pericolo Bene non in pericolo
Anno [[{{{anno}}}]]
Scheda UNESCO
[[Immagine:{{{linkMappa}}}|300px]]
[[:Categoria:Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}|Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}]]

La Catacomba di Commodilla è un'area funeraria cristiana, situata a Roma, in Via delle Sette Chiese, non molto lontano dalla Via Ostiense, nel quartiere Ostiense.

Toponimo

Il nome, come per la maggior parte delle catacombe romane, trae origine dalla proprietaria, Commodilla, colei che aveva offerto alla comunità cristiana il terreno per l'escavazione del complesso cimiteriale ipogeo: questo in epoca tardo antica era conosciuto con il nome dei due principali martiri ivi sepolti, i santi Adautto e Felice.

Storia

Ambito bizantino, Madonna con Gesù Bambino in trono tra sant'Adautto e san Felice che presentano la vedova Turtura (metà del VI secolo), affresco

L'analisi dei manufatti scoperti nell'ipogeo portano a datare le catacombe dopo la metà del IV secolo, mentre altre caratteristiche la fanno risalire agli inizi del IV secolo; inoltre, la stessa passio data il martirio di Adautto e Felice sotto l'imperatore Diocleziano (284 - 305): ciò lascia supporre che la cava di pozzolana fosse utilizzata in parte come luogo di sepoltura già prima della sua chiusura e della sua trasformazione in cimitero, ossia nella seconda metà del IV secolo.

L'area funeraria venne utilizzata per le sepolture fino almeno al VI secolo.

In seguito, come accadde per gli altri cimiteri sotterranei cristiani, essa fu trasformata in un luogo di culto martiriale: lavori di restauro alla basilica ipogea furono eseguiti da diversi papi fino al IX secolo, segno che ancora a quell'epoca le catacombe erano luogo di pellegrinaggio di devoti cristiani, provenienti da tutta l'Italia e l'Europa. Infatti, a conferma di questo utilizzo sono state rinvenute all'interno anche monete con l'effigie di papa Gregorio IV (827-844).

Papa Leone IV (847 - 855), infine, donò le reliquie dei martiri Felice ed Adautto alla moglie dell'imperatore Lotario; in seguito a ciò le catacombe vennero abbandonate e caddero nell'oblio.

Fu scoperta nel 1595 dall'archeologo Antonio Bosio, ma il primo ad identificarla come quella di Commodilla fu, nell'XIX secolo, Giovanni Battista de Rossi.

Campagne di scavo condotte nel 1904 portarono alla completa apertura del secondo livello cimiteriale - l'antica cava di pozzolana - presentando agli archeologi una galleria integra, scampata eccezionalmente ai profanatori di tombe dei secoli precedenti.

Martiri deposti nella catacomba

Come tutte le catacombe romane, anche in quella di Commodilla si ricordano diversi martiri. In primo luogo i santi Adautto e Felice: il carme redatto da papa Damaso, andato perduto ma di cui si conserva una copia in una raccolta di iscrizioni altomedievali, ci informa che questi due martiri erano fratelli ed entrambi sacerdoti. La passio leggendaria del VII secolo narra che, durante il martirio di Felice, condannato a morte nei primi anni del IV secolo, uno sconosciuto uscì dalla folla e, confessando di essere cristiano, chiese di morire con Felice: di lui non si conosceva il nome, per cui passò alla storia coll'appellativo di Adauctus, "aggiunto". Di questi due santi è stata trovata, nelle catacombe, il luogo della deposizione.

Nella catacomba di Commodilla, secondo la tradizione, si venerano altri quattro santi:

  • una tale santa Merita, il cui nome si legge in un dipinto ad affresco vicino al luogo di sepoltura dei santi Adautto e Felice, anche se gli archeologici non sono tutti concordi con questa identificazione; le fonti liturgiche, inoltre, non riportano nulla su questa santa.
  • sante Degna e Merita, due sorelle martiri, che furono uccise sotto l'imperatore Valeriano (253 - 260) e sepolte in Commodilla: di Degna non è stata trovata alcuna traccia nelle catacombe;
  • una certa Gaudenzia, ricordata nel Martirologio geronimiano, alla data del 30 agosto, accanto ad Adautto e Felice, di cui però nelle catacombe non è stata trovata alcuna traccia;
  • san Nemesio, ricordato come martire negli itineraria per pellegrini dell'Alto Medioevo, che però non è menzionato da nessun altro documento storico.

Descrizione

Il cimitero sotterraneo si sviluppa su tre livelli, dei quali quello più antico e più interessante dal punto di vista archeologico è il mediano, ricavato in un'antica cava di pozzolana, riutilizzata a scopi funerari: è, infatti, in questo che si trovano le sepolture dei martiri, in una piccola basilica ipogea, ed è da questo livello che si è sviluppato il resto delle catacombe.

Nel sopra terra non esistono monumenti, o resti di essi, in qualche modo connessi con le catacombe.

Sepolture a pozzo

Una particolarità delle catacomba di Commodilla, che le distingue dalle altre, è la presenza di sepolture dette a pozzo: si tratta di fosse profonde, ove si contano fino a 20 loculi disposti nelle pareti e sovrapposti l'uno all'altro. Una simile disposizione è riscontrabile solo nelle vicine catacombe di santa Tecla. Inoltre, rispetto ad altri cimiteri ipogei, si caratterizza per una estrema povertà architettonica, epigrafica e iconografica: sono rari, per esempio, cubicoli ed arcosoli, e spesso le iscrizioni marmoree contengono errori di ortografia.

Basilica ipogeica dei Santi Adautto e Felice

Ambito bizantino, San Luca evangelista (668 - 685), affresco

La parte più importante dell'area funeraria è costituita dalla piccola basilica dedica ai santi Adautto e Felice, che fu ricavata, durante il pontificato di Giovanni I (523-526), adattando una galleria dell'antica cava di pozzolana (al secondo livello) che, allargata e rinforzata da muri di spalla, divenne una vera cappella sotterranea. Nella basilica ipogea gli archeologi hanno identificato il luogo di sepoltura dei due santi in due loculi sovrapposti, che sottostanno ad un affresco che li raffigura.

La basilica, inoltre, venne decorata tra il VI e VII secolo da dipinti murali ad affresco di ambito romano, dei quali si ricordano:

  • Madonna con Gesù Bambino in trono tra sant'Adautto e san Felice che presentano la vedova Turtura (metà del VI secolo): splendido dipinto votivo, fatto eseguire sulla Tomba di Turtura, una donna la cui morte e sepoltura viene ricordata dal proprio figlio con un'epigrafe, dove si legge:
« Il tuo nome è Turtura, e tu effettivamente fosti una vera tortora. »

Cubicolo di Leone

Cubicolo di Leone (seconda metà del IV secolo)

Di notevole interesse, scoperto nel 1953, è il cosiddetto Cubicolo di Leone, prefetto romano dell'annona (seconda metà del IV secolo), che lo commissionò per sé e la sua famiglia, come si deduce da un'interessante e rara iscrizione dipinta, che menziona anche il nome antico del cimitero:

« LEO OFFICIALIS ANN(onae) SI(bi) VIVO FECIT CUBUCULUM IN (cemeterio) ADAUTI ET FELI(c)IS »

Il cubicolo, inoltre, è decorato con dipinti murali, ad affresco, raffiguranti scene bibliche, databili tra la fine del IV e l'inizio del V secolo, tra i quali si ricorda:

  • al centro della volta a crociera: Gesù Cristo salvatore barbato e nimbato con i due simboli apocalittici (Α e ).
Ambito romano, Gesù Cristo salvatore (fine IV - inizio V secolo), affresco
  • negli arcosolii:

Nel cimitero va rilevata, infine, la presenza di numerose tombe appartenenti a fedeli originari dall'Africa.

Note
  1. Scheda dell'opera nel Catalogo della Fondazione "Federico Zeri"
  2. Con il marcatore blu si identificano le catacombe erbraiche, con quello rosso le deposizioni comunitarie e con quello verde le deposizioni singole o famigliari. Cliccando col mouse sui marcatori si apre la pagina corrispondente.
Bibliografia
  • Filippo Coarelli, Dintorni di Roma, in "Guide archeologiche Laterza", Editore Laterza, Bari 1981, pp. 221 - 222
  • Leonella De Santis, Giuseppe Biamonte, Le catacombe di Roma, Editore Newton & Compton, Roma 1997, pp. 88 - 96
  • Pasquale Testini, Archeologia cristiana, Editore Edipuglia, Bari 1980, pp. 197 - 199
  • Touring Club Italiano (a cura di), Roma, col. "Guide Rosse", Editore Touring, Milano 2008, pp. 843 - 844 ISBN 9788836538966
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.