Diocesi di Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark

Diocesi di Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi
Dioecesis Melphictensis-Rubensis-Iuvenacensis-Terlitiensis
Chiesa latina

Molfetta - Cattedrale di Santa Maria Assunta.JPG
vescovo Domenico Cornacchia
Sede Molfetta

sede vacante
Molfetta

Amministratore apostolico {{{amministratore}}}
Nuvola apps important.svg
Ci sono degli errori relativi alla categorizzazione automatica dovuti al fatto che alcuni parametri non sono stati valorizzati!
  • Parametro: Parametro vescovo eletto senza parametro titolo eletto

Vedi {{Diocesi della chiesa cattolica/man}}

La voce è stata segnalata nella Categoria:Diocesi della chiesa cattolica/warning.

{{{vescovo eletto}}}
Suffraganea dell'arcidiocesi di Bari-Bitonto
Regione ecclesiastica Puglia
Regione ecclesiastica
Collocazione geografica della diocesi
Nazione bandiera Italia
diocesi suffraganee
{{{suffraganee}}}
coadiutore
vicario
provicario
generale
ausiliari

Vescovi emeriti:

Parrocchie 36
Sacerdoti

100 di cui 78 secolari e 22 regolari
1.323 battezzati per sacerdote

22 religiosi 120 religiose 9 diaconi
133.449 abitanti in 442 km²
132.399 battezzati (99,2% del totale)
Eretta XI secolo
Rito romano
cattedrale {{{cattedrale}}}
Santi patroni
Piazza Giovene 4, 70056 Molfetta [Bari], Italia
tel. +390803971187 fax. 080.397.14.24 @

Sito ufficiale

Dati dall'annuario pontificio 2011 riferiti al 2010 Scheda
Chiesa cattolica in Italia
Tutte le diocesi della Chiesa cattolica

La diocesi di Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi (in latino Dioecesis Melphictensis-Rubensis-Iuvenacensis-Terlitiensis) è una sede della Chiesa cattolica suffraganea dell'arcidiocesi di Bari-Bitonto appartenente alla regione ecclesiastica Puglia. Nel 2010 contava 132.399 battezzati su 133.449 abitanti. È attualmente retta dal vescovo Domenico Cornacchia.

Territorio

La diocesi comprende le città di Molfetta, Ruvo, Giovinazzo e Terlizzi.

Sede vescovile è la città di Molfetta, dove si trova la Cattedrale di Santa Maria Assunta. Sempre a Santa Maria Assunta sono dedicate le concattedrali che sorgono a Concattedrale di Santa Maria Assunta e a Concattedrale di Santa Maria Assunta, mentre la Concattedrale di San Michele Arcangelo di Terlizzi.

Il territorio è suddiviso in 36 parrocchie.

Storia

Le prime notizie riguardanti le diocesi di Molfetta, Ruvo e Giovinazzo risalgono al XI secolo, a quell'epoca le tre diocesi erano suffraganee dell’arcidiocesi di Bari-Canosa. Invece la diocesi di Terlizzi fu eretta il 26 novembre 1749 e fu subito unita con quella di Giovinazzo.

Il 1º dicembre 1488 papa Innocenzo VIII, che era stato vescovo di Molfetta dal 1472 al 1484, concesse alla sua vecchia diocesi il privilegio di essere immediatamente soggetta alla Sede Apostolica.

Nel 1571 il vescovo Maggiorano Maggiorani istituì a Molfetta un primo rudimentale seminario diocesano. I limiti dell'iniziativa si devono soprattutto ai problemi finanziari. La costituzione canonica di un seminario completa giunse nel 1714 durante l'episcopato di Fabrizio Salerno, ma fu approvata dalla Congregazione del Concilio solo nel 1725 e il possesso dei locali del seminario fu effettuato nel 1726. Nel 1785 il seminario trova una sistemazione definitiva nell'ex collegio dei gesuiti.[1]

Il 5 febbraio 1799 la rivoluzione scoppia a Molfetta con la predicazione di un prete repubblicano, che viene ucciso dal popolo scandalizzato. In seguito, orde di facinorosi profanarono la chiesa di san Domenico e uccisero padre Francesco Saverio Tarallo, padre Manieri e padre Domenico Nardelli.

Il 27 giugno 1818 papa Pio VII dispose che la diocesi di Giovinazzo-Terlizzi fosse soppressa e il territorio fosse annesso dalla diocesi di Molfetta. Con lo stesso atto la diocesi di Ruvo viene unita aeque principaliter a quella di Bitonto.

Il 9 dicembre 1835 papa Gregorio XVI con la bolla Aeterni Patris provvide a ricostituire le diocesi di Giovinazzo e Terlizzi.

Il 7 novembre 1926 viene inaugurato a Molfetta il Pontificio seminario regionale, trasferito da Lecce.

Il 20 ottobre 1980 papa Giovanni Paolo II con la costituzione apostolica Qui Beatissimo Petro dispose che le diocesi di Molfetta, Giovinazzo e Terlizzi fossero di nuovo suffraganee dell'arcidiocesi di Bari.

Il 30 settembre 1982 la diocesi di Ruvo venne divisa da quella di Bitonto, cui era stata unita nel 1818, e unita in persona episcopi a quelle di Molfetta, Giovinazzo e Terlizzi.[2] Il 30 settembre 1986 le quattro diocesi sono state unite dando origine alla diocesi attuale.

Cronotassi dei vescovi

Vescovi di Molfetta

Vescovi di Giovinazzo

Vescovi di Giovinazzo e Terlizzi

Vescovi di Molfetta, Giovinazzo e Terlizzi

Vescovi di Ruvo

Vescovi di Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi

Statistiche

La diocesi al termine dell'anno 2010 su una popolazione di 133.449 persone contava 132.399 battezzati, corrispondenti al 99,2% del totale.

Note
  1. Annuario diocesano 2009-2010, pp. 7-8
  2. Contestualmente, la diocesi di Bitonto veniva unita in persona episcopi all'arcidiocesi di Bari.
Voci correlate
Fonti
Fonti Molfetta
Fonti Ruvo
Fonti Giovinazzo
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.