Francisco de Asís Vidal y Barraquer

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Francisco de Asís Vidal y Barraquer
Cardinale
Stemma card. Vidal y Barraquer.jpg
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
battezzato
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}
Diligite alterutrum

Cardinale Vidal y Barraquer.jpg

Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte 74 anni
Nascita Cambrils
3 ottobre 1868
Morte Friburgo (Svizzera)
13 settembre 1943
Sepoltura Cattedrale di Tarragona
Appartenenza Arcidiocesi di Tarragona
Vestizione {{{V}}}
Vestizione 1º maggio 1898
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale Tarragona, 17 settembre 1899 dal vescovo Tomás Costa Fornaguera
Nominato Abate {{{nominatoAB}}}
Nominato amministratore apostolico {{{nominatoAA}}}
Nominato vescovo 10 novembre 1913 da papa Pio X
Nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
Nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
Nominato patriarca {{{nominatoP}}}
Nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile Cattedrale di Tarragona, 26 aprile 1914 dall'arc. Antolín López y Peláez
Elevazione ad Arcivescovo 7 maggio 1919 da papa Benedetto XV
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
7 marzo 1921 da Benedetto XV (vedi)
Cardinale per
Cardinale per 22 anni, 6 mesi e 6 giorni
Cardinale elettore
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Creazione a
pseudocardinale
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Consacrazione {{{Consacrazione}}}
Insediamento {{{Insediamento}}}
Fine pontificato {{{Fine pontificato}}}
Pseudocardinali creati {{{Pseudocardinali creati}}}
Sede {{{Sede}}}
Opposto a
Sostenuto da
Scomunicato da
Confermato cardinale {{{Confermato cardinale}}}
Riammesso da {{{Riammesso da}}}
Precedente {{{Precedente}}}
Successivo {{{Successivo}}}
Incarichi ricoperti
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Durata del
pontificato
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato

Successione apostolica

Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
[[File:|100px|Stemma]]
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda
Invito all'ascolto
Firma autografa
[[File:{{{FirmaAutografa}}}|250px]]

Francisco de Asís Vidal y Barraquer (Cambrils, 3 ottobre 1868; † Friburgo (Svizzera), 13 settembre 1943) è stato un cardinale e arcivescovo spagnolo.

Cenni biografici

Nato a Cambrils, arcidiocesi di Tarragona, Spagna, da una famiglia di professionisti liberali (ecclesiastici, avvocati e medici) e proprietari di proprietà rurali. Era figlio di Francisco Vidal i Gimbernat e Angelina Barraquer i Roviralta; gli altri bambini erano Josep, un medico, Paula, suora (morta nel 1908 a 35 anni) e Tomás, che è morto a sette anni. Il primo figlio, anch'egli di nome Francisco, è morto poco dopo la nascita. Due dei suoi zii erano sacerdoti diocesani.

Formazione e ministero sacerdotale

Su raccomandazione dei suoi zii sacerdoti, ha seguito gli studi superiori al Colegio San Ignacio dei Gesuiti a Manresa, 1880-1885. Avendo deciso di diventare sacerdote gesuita, ha accettato la richiesta di suo padre di non entrare immediatamente nella Compagnia di Gesù (in realtà non vi ha mai aderito) e ha studiato prima legge all'Università di Barcellona, poi, ha ottenuto un dottorato presso l'Università di Madrid il 24 settembre 1900, con la dissertazione: El derecho de la guerra en Roma.

Ha esercitato brevemente la professione legale nello studio del noto avvocato Joaquán Almeda di Barcellona. Per la sua formazione ecclesiastica, ha studiato al Seminario Conciliare di Barcellona, 1885 (licenza in giurisprudenza); presso la Pontificia Università di Tarragona, 1895-1899. Il 1º maggio 1898 ha ricevuto la tonsura ecclesiastica e il primo ordine minore dall'arcivescovo Tomás Costa Fornaguera (ch) di Tarragona, che aveva una speciale predilezione per lui. L'anno seguente ha ricevuto gli ordini rimanenti dallo stesso prelato.

Ordinato il 17 settembre 1899 a Tarragona dall'arcivescovo Tomás Costa Fornaguera, di Tarragona, ha celebrato la sua prima messa il 21 settembre 1899, nella cappella della scuola delle monache del Sacro Cuore a Sarriá. Ministero pastorale nell'arcidiocesi di Tarragona e funzionario della sua curia arcidiocesana: sostituto fiscale del tribunale ecclesiastico metropolitano, 27 novembre 1900; fiscale, 5 maggio 1905; procuratore e vicario generale facente funzione, 1905-1909; canonico del capitolo della cattedrale, dal 19 settembre 1907 al 1913; vicario generale, 1909-1913; arciprete, 1910; vicario capitolare, il 9 ottobre 1911, alla morte dell'arcivescovo Costa Fornaguera, fino alla sua promozione all'episcopato.

Episcopato

Eletto Vescovo titolare di Pentacomia e nominato amministratore apostolico di Solsona, il 10 novembre 1913, è stato consacrato il 26 aprile 1914, nella cattedrale di Tarragona, da Antolín López Peláez (ch), arcivescovo di Tarragona, assistito da Ramón Barberá y Boada (ch), Vescovo titolare di Antedone, amministratore apostolico di Ciudad Rodrigo, e da Ramón Guillamet y Coma (ch), vescovo di Córdoba. Il suo motto episcopale era Diligite alterutrum.

Senatore del regno spagnolo per la provincia di Tarragona, dal 20 dicembre 1914 al 1916, è stato promosso alla sede metropolitana di Tarragona, il 7 maggio 1919.

Cardinalato

Creato cardinale presbitero nel concistoro del 7 marzo 1921, ha ricevuto la berretta rossa dal re Alfonso XIII, nella cappella del Palazzo Reale di Madrid, insieme ai neo-cardinali Juan Bautista Benlloch y Vivó, arcivescovo di Burgos, e Francesco Ragonesi, Nunzio apostolico in Spagna; ha ricevuto il cappello rosso e il titolo di Santa Sabina, il 16 giugno 1921. Ha partecipato al conclave del 1922, che ha eletto Papa Pio XI.

Durante la dittatura del capitano generale Miguel Primo de Rivera, ha difeso la libertà della Chiesa e mantenuto, insieme ai vescovi della provincia ecclesiastica di Tarragona, l'uso della lingua catalana per la predicazione e la catechesi. Nel 1924 ha rifiutato il trasferimento alla sede di Saragozza e nel 1926 ha rifiutato di cambiare sede con il vescovo di Coria, Pedro Segura y Sáenz; così come il suo trasferimento a Roma come cardinale di Curia.

Una volta fondata la Repubblica spagnola nel 1931, è stato in grado di evitare l'incendio di chiese e conventi in Catalogna. È stato eletto capo dell'episcopato spagnolo dopo l'esilio del cardinale Segura, allora arcivescovo di Toledo, primate di Spagna. Ha tentato, con scarso successo, davanti al governo provvisorio, di mitigare le disposizioni del progetto costituzionale che incideva sui diritti della Chiesa; questo nonostante la sincera amicizia che esisteva tra lui e il presidente Aniceto Alcalá Zamora. Dopo l'esplosione della rivoluzione a Tarragona il 21 luglio 1936, il cardinale fu costretto a cercare rifugio a Poblet come ospite di Eduard Toda i Güell. Alcuni miliziani della FAI di Hospitalet de Llobregat giunsero a Poblet per cercarlo. Temendo per la sua vita e non volendo lasciare la sua arcidiocesi abbandonata, pensò che fosse più appropriato chiedere al suo vescovo ausiliare, beato Manuel Borras y Ferré (ch), di rimanere a Tarragona; ma poco dopo, il vescovo Borrás fu assassinato. Il cardinale fu trasferito a Barcellona con il segretario personale, Joan Viladrich; i consiglieri della cultura e dell'interno della Generalitat resero possibile l'espatrio, su una nave della Marina spagnola, del cardinale e del suo segretario per l'Italia. Giunto in Italia, risiedette nella Certosa di Faneta, vicino a Lucca, dove rimase fino al 1943.

Dall'esilio, ha lavorato con il cardinale Jean Verdier, arcivescovo di Parigi, per raggiungere una pace negoziata e giusta nella guerra civile spagnola. Ha chiesto l'intervento papale per la cessazione dei bombardamenti indiscriminati dell'aviazione nazionalista sulla popolazione civile in Catalogna, intercedendo anche per la liberazione di persone che erano nelle mani dei repubblicani, dei franchisti o di coloro che il governo di Vichy voleva cedere alla Germania nazista, indipendentemente dalla loro ideologia.

È stato uno dei soli cinque vescovi spagnoli che non hanno sostenuto l'insurrezione del Generalissimo Francisco Franco contro la Repubblica, rifiutandosi di firmare la Lettera Collettiva dei Vescovi spagnoli del 1937. Ha preso parte al conclave del 1939, che ha eletto Papa Pio XII. Il suo catalanismo, i buoni rapporti con le autorità repubblicane della Catalogna e il suo rifiuto di firmare la lettera congiunta dell'episcopato spagnolo durante la guerra civile spagnola hanno indotto il governo del Generalissimo Franco a vietargli di tornare nella sua arcidiocesi di Tarragona. Il Generalissimo Franco ha tolto il divieto al cardinale Vidal nel 1941, dopo la sottoscrizione con la Santa Sede del concordato. Tuttavia, il cardinale è rimasto in Italia, e nel 1943, l'occupazione tedesca dell'Italia lo ha costretto a trasferirsi nella certosa di La Valsainte, in Svizzera.

Morte

Morto il 13 settembre 1943, nel sonno, probabilmente per un attacco di cuore, al Foyer Saint'Elizabeth di Friburgo, Svizzera. Sepolto nella chiesa della Certosa di La Valsainte, Svizzera. Nel maggio 1978, secondo il suo volere nel testamento, i suoi resti sono stati trasferiti nella cappella di San Fructuoso, nella cattedrale metropolitana di Tarragona, e sepolti vicino alla tomba del vescovo ausiliare Manuel Borrás, assassinato durante la guerra civile spagnola. Nel settantesimo anniversario della morte del cardinale, l'arcidiocesi di Tarragona ha dedicato l'anno 2013-2014 alla sua memoria.

Genealogia episcopale

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Vescovo titolare di Pentacomia Successore: BishopCoA PioM.svg
João Antônio Pimenta 10 novembre 19137 maggio 1919 Czesław Sokołowski I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
João Antônio Pimenta {{{data}}} Czesław Sokołowski
Predecessore: Amministratore apostolico di Solsona Successore: BishopCoA PioM.svg
Luis José María Amigó y Ferrer, O.F.M.Cap.
(amministratore apostolico)
10 novembre 1913 - 7 maggio 1919 Valentín Comellas y Santamaría
(amministratore apostolico)
I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Luis José María Amigó y Ferrer, O.F.M.Cap.
(amministratore apostolico)
{{{data}}} Valentín Comellas y Santamaría
(amministratore apostolico)
Predecessore: Arcivescovo metropolita di Tarragona Successore: Quadrato trasparente.png
Antolín López y Peláez 7 maggio 1919 - 13 settembre 1943 Manuel Arce y Ochotorena I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Antolín López y Peláez {{{data}}} Manuel Arce y Ochotorena
Predecessore: Primate di Spagna Successore: Quadrato trasparente.png
Antolín López y Peláez 7 maggio 1919 - 13 settembre 1943 Manuel Arce y Ochotorena I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Antolín López y Peláez {{{data}}} Manuel Arce y Ochotorena
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Sabina Successore: CardinalCoA PioM.svg
Léon-Adolphe Amette 16 giugno 1921 - 13 settembre 1943 Ernesto Ruffini I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Léon-Adolphe Amette {{{data}}} Ernesto Ruffini
Voci correlate