Fulvio Astalli

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Fulvio Astalli
ASTALLI FULVIO 049.jpg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

F.Astalli.jpg

'
Titolo cardinalizio
{{{titolo}}}
Età alla morte 65 anni
Nascita Sambuci
29 luglio 1655
Morte Roma
14 gennaio 1721
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo 16 aprile 1714 da papa Clemente XI
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile 13 maggio 1714 da Clemente XI
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
2 settembre 1686 da Innocenzo XI (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Fulvio Astalli (Sambuci, 29 luglio 1655; † Roma, 14 gennaio 1721) è stato un cardinale e vescovo italiano.

Cenni biografici

Fulvio acque a Sambuci, nella diocesi di Tivoli, il 29 luglio (secondo altre fonti il 24)1654. Era nipote di Camillo Astalli, cardinale nipote per un certo periodo del pontificato di Innocenzo X.

Fu avviato alla carriera ecclesiastica sotto la protezione di Clemente X, col quale la famiglia Astalli era imparentata, e ne ottenne la nomina a chierico di Camera. Innocenzo XI affidò all'Astalli la prefettura delle milizie pontificie e il 30 settembre 1686 lo elevò alla porpora col titolo diaconale di san Giorgio in Velabro, che mutò nel 1688 in quello di santa Maria in Cosmedin. L'anno seguente prese parte al conclave che vide l'elezione a pontefice di Alessandro VIII. Prese parte anche al conclave del 1691 con l'elezione di Innocenzo XII che nel 1693 lo promosse prefetto della Segnatura di giustizia e nello stesso anno lo inviò legato a Urbino in sostituzione del cardinale Gianbattista Rubini.

Il governo dell'Astalli nel territorio dell'antico ducato, che dalla devoluzione alla Santa Sede del 1631 era in gravissima decadenza, fu a lungo ricordato per le importanti iniziative rivolte alla soluzione di alcuni dei più gravi problemi creati dall'incuria dei precedenti legati, e in particolare per la lotta spietata contro il banditismo, per la protezione di ogni sorta di iniziative commerciali, per la costruzione di un nuovo porto a Fano e per il tentativo di mettere ordine nell'intricato groviglio delle leggi emanate nella regione dai vari governi succedutivisi. Importante è la raccolta, disposta dall'Astalli e che da lui prende il nome di "astallina", dei Decreta, constitutiones, edicta, et bannimenta legationis Urbini.[1]

Dal 1696 passò alla legazione della Romagna dove anche lì promosse la raccolta delle Constitutiones Provinciae Emiliae e intraprese importanti opere pubbliche. Dopo il triennio in Romagna fu trasferito alla guida della legazione di Ferrara che resse sino al 1709.

Nel conclave del 1700 alla la morte di Innocenzo XII fu uno dei maggiori esponenti della fazione spagnola. Come legato di Ferrara dovette affrontare le difficili trattative con Francesi e Austriaci, che durante la guerra di successione spagnola avevano violato la neutralità dello Stato pontificio, oltrepassando, nel fronteggiarsi, i confini della legazione.

Rientrato a Roma nel 1709, il 19 febbraio 1710 ottenne il titolo presbiterale dei santi Quirico e Giulitta, che ancora in quell'anno mutò in quello di san Pietro in Vincoli. Nel 1714 fu nominato vescovo della sede suburbicaria di Sabina e nel 1719 come decano del Sacro Collegio passò alla sede suburbicaria di Ostia e Velletri. Clemente XI nel 1720 lo ammise nella speciale congregazione cardinalizia incaricata di riferire sulla possibilità di aprire un processo contro il cardinale Giulio Alberoni e l'Astalli si dimostrò ostile al decaduto ministro di Filippo V. L'Astalli fece poi parte anche della commissione di cinque cardinali incaricata di giudicare l'Alberoni ma morì prima della conclusione del processo.

Morì a Roma il 14 gennaio 1721 e fu sepolto nella basilica di Santa Maria in Ara Coeli.

Genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Cardinale diacono di San Giorgio in Velabro Successore: CardinalCoA PioM.svg
Paolo Savelli 30 settembre 1686 - 17 maggio 1688 Giuseppe Renato Imperiali I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Paolo Savelli {{{data}}} Giuseppe Renato Imperiali
Predecessore: Cardinale diacono di Santa Maria in Cosmedin Successore: CardinalCoA PioM.svg
Benedetto Pamphilj, O.S.Io.Hieros. 17 maggio 1688 - 19 ottobre 1689 Carlo Bichi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Benedetto Pamphilj, O.S.Io.Hieros. {{{data}}} Carlo Bichi
Predecessore: Cardinale diacono dei Santi Cosma e Damiano Successore: CardinalCoA PioM.svg
Niccolò Acciaioli 19 ottobre 1689 - 19 febbraio 1710 Bartolomeo Ruspoli I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Niccolò Acciaioli {{{data}}} Bartolomeo Ruspoli
Predecessore: Prefetto del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica Successore: CardinalCoA PioM.svg
Benedetto Pamphilj 24 settembre 1693 - 16 maggio 1696 Giovanni Giacomo Cavallerini I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Benedetto Pamphilj {{{data}}} Giovanni Giacomo Cavallerini
Predecessore: Legato apostolico di Urbino Successore: Emblem Holy See.svg
Giambattista Rubini 28 settembre 1693 - 24 settembre 1696 Lorenzo Altieri I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giambattista Rubini {{{data}}} Lorenzo Altieri
Predecessore: Legato apostolico di Romagna Successore: Emblem Holy See.svg
Francesco Barberini 24 settembre 1696 - 24 novembre 1698 Marcello Durazzo I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Francesco Barberini {{{data}}} Marcello Durazzo
Predecessore: Legato apostolico di Ferrara Successore: Emblem Holy See.svg
Ferdinando d'Adda 24 novembre 1698 - 18 dicembre 1707 Lorenzo Casoni I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Ferdinando d'Adda {{{data}}} Lorenzo Casoni
Predecessore: Cardinale presbitero dei Santi Quirico e Giulitta Successore: CardinalCoA PioM.svg
Galeazzo Marescotti 19 febbraio - 7 maggio 1710 Michelangelo Conti I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Galeazzo Marescotti {{{data}}} Michelangelo Conti
Predecessore: Cardinale presbitero di San Pietro in Vincoli Successore: CardinalCoA PioM.svg
Marcello Durazzo 7 maggio 1710 - 16 aprile 1714 Ferdinando d'Adda I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Marcello Durazzo {{{data}}} Ferdinando d'Adda
Predecessore: Cardinale vescovo di Sabina Successore: CardinalCoA PioM.svg
Gaspare Carpegna 16 aprile 1714 - 26 aprile 1719 Francesco Pignatelli, C.R. I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Gaspare Carpegna {{{data}}} Francesco Pignatelli, C.R.
Predecessore: Cardinale vescovo di Ostia e Velletri Successore: CardinalCoA PioM.svg
Niccolò Acciaiuoli 26 aprile 1719 - 14 gennaio 1721 Sebastiano Antonio Tanara I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Niccolò Acciaiuoli {{{data}}} Sebastiano Antonio Tanara
Predecessore: Decano del Collegio Cardinalizio Successore: CardinalCoA PioM.svg
Niccolò Acciaiuoli 26 aprile 1719 - 14 gennaio 1721 Sebastiano Antonio Tanara I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Niccolò Acciaiuoli {{{data}}} Sebastiano Antonio Tanara
Note
  1. Il Decreta, constitutiones, edicta, et bannimenta legationis Urbini ha un suo posto di rilievo nel movimento legislativo già da tempo iniziato in vari stati italiani per la raccolta e l'ordinamento dei decreti e delle costituzioni promulgati in tempi diversi ed assai spesso tra loro incongruenti.Testo online.
Bibliografia
  • Gaspare De Caro, Dizionario Biografico degli Italiani, Vol. 4, 1962, ASTALLI, Fulvio

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.