Giuseppe Firrao il Vecchio

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Giuseppe Firrao il Vecchio
G.Firrao il Vecchio.png.jpg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

Giuseppe Firrao 2.jpg

Francesco Trevisani Ritratto del cardinale, Badminton House, Inghilterra
'
Titolo cardinalizio
Età alla morte 74 anni
Nascita Luzzi
12 luglio 1670
Morte Roma
24 ottobre 1744
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono 25 agosto 1714
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale 2 settembre 1714
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo 2 settembre 1714 da Clemente XI
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile 11 aprile 1717 dal vescovo Johann Konrad von Reinach-Hirtzbach
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
24 settembre 1731 da Clemente XII (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Giuseppe Firrao il Vecchio (Luzzi, 12 luglio 1670; † Roma, 24 ottobre 1744) è stato un cardinale, nunzio apostolico e arcivescovo italiano.

Cenni biografici

Giuseppe nacque il 12 luglio 1670 nel castello di Luzzi, località della Sila feudo dei Firrao, nella diocesi di Bisignano a nord di Cosenza, secondogenito dei quattro figli di Pietro, principe di Sant'Agata, e di donna Isabella Caracciolo.

Come cadetto la famiglia lo avviò alla carriera curiale. Studiò a Roma dapprima in seminario e poi nell'Archiginnasio dove si laureò in utroque iure il 22 gennaio 1695. Papa Innocenzo XII lo volle prolegato del cardinale Fulvio Astalli a Urbino e sotto Clemente XI fu governatore di varie città della stato della Chiesa dal 1700 al 1709. Rientrato a Roma divenne relatore della Congregazione della Consulta e votante soprannumerario del tribunale della Segnatura apostolica di grazia e giustizia.

Il 6 aprile 1711 ricevette gli ordini minori e il 25 agosto seguente il diaconato. Nel 1713 fu nominato visitatore apostolico delle province di Marche ed Umbria. Intanto il Firrao, che godeva dal 1698 della commenda di sant'Angelo in Formis, si decise a prendere l'ordine sacerdotale il 25 agosto 1714. Fu nominato nunzio straordinario in Portogallo e fu incaricato di portare le fasce benedette al primogenito del re Giovanni V del Portogallo, ma questi morì prematuramente prima di ricevere le fasce e il nunzio straordinario rimase in Portogallo per quasi due anni, finché non poté dare le fasce benedette al nuovo erede dom José.

Fu eletto arcivescovo titolare di Nicea il 2 settembre 1714. Fu dal 1716 nunzio a Lucerna per un triennio. In Svizzera si impegnò per il reintegro nelle sue funzioni dell'abate di San Gallo padre Joseph von Rudolphi, esiliato in seguito alla guerra del Toggenburgo[1] e che grazie al suo intervento poté rientrare in sede nel 1717. Fu anche mediatore fra la curia vescovile di Costanza e il consiglio di Lucerna nella disputa sulle competenze in materia di dispense matrimoniali.[2] A conoscenza delle proteste di molti ecclesiastici francesi contro la bolla Unigenitus e temendo che il giansenismo potesse diffondersi anche nella Confederazione, sospese la pubblicazione dell'ultimo decreto di condanna del Sant'Uffizio per non inasprire gli animi ed esortò i vescovi svizzeri ad aprire seminari nelle loro diocesi per evitare di mandare gli studenti di teologia in Francia.

Il 5 ottobre 1720 gli giunse la notizia della nomina a nunzio ordinario in Portogallo, in sostituzione di mons. Vincenzo Bichi. In quel periodo le relazioni tra il Portogallo e la Santa Sede stavano entrando in una fase particolarmente critica. Alla fine del marzo 1721 giunse a Lisbona. In seguito alla morte di Clemente XI, il sovrano lo ricevette in udienza solo il 24 giugno e gli fu chiaramente spiegato che il Portogallo avrebbe continuato a riconoscere come nunzio il Bichi, e che egli avrebbe potuto risiedere nella nunziatura, ma solo in qualità di arcivescovo di Nicea. In queste avverse condizioni il Firrao cercò di svolgere le sue funzioni e di mandare a Roma quante più informazioni gli fosse possibile raccogliere.

Nell'estate 1724 Giovanni V rinnovò le pressioni sul nuovo papa Benedetto XIII. Questi minacciò il ritiro del nunzio Firrao prima che venisse espulso. Nel settembre 1725 il Papapromise che se il Bichi avesse lasciato Lisbona per andare a Roma a discolparsi avrebbe ricevuto il cardinalato, ma la cosa non fu possibile data l'aperta ostilità del Sacro Collegio nei riguardi del Bichi, appoggiato dal solo cardinale portoghese José Pereira de Lacerda. Nel 1727 si giunse alla rottura: il 20 marzo l'ambasciatore portoghese lasciò Roma e il 24 al Firrao fu intimato di lasciare il paese entro cinque giorni. Il 1° aprile partì in direzione di Badajoz, città spagnola ai confini con il Portogallo. Il 5 luglio le relazioni tra Portogallo e Santa Sede furono troncate ufficialmente. Il Firrao però si considerò nunzio anche fuori dai confini del paese, informando regolarmente la Santa Sede sulla situazione lusitana.

Il 20 settembre 1730 terminò la sua missione di nunzio. Rientrato a Roma, in attesa di nuovi incarichi, fu nominato vescovo di Aversa da Clemente XII, restando però a Roma nell'entourage del cardinale nipote di Clemente XII, Neri Maria Corsini.

Creato cardinale nel concistoro del 24 settembre 1731, il 19 novembre seguente ricevette la berretta cardinalizia con il titolo presbiterale di San Tommaso in Parione. Nel 1733 fu nominato cardinale Segretario di Stato, carica che tenne sino alla morte di Clemente XII. Gli anni in cui il Firrao tenne la segreteria di Stato furono particolarmente difficili nella storia dello Stato della Chiesa.

Nel lunghissimo conclave seguito alla morte di Clemente XII, Firrao giocò un ruolo di primo piano e, in aprile, il Corsini cominciò ad indicarlo tra i papabili del suo gruppo. Questo produsse solo l'irrigidimento della fazione opposta di Annibale Albani, che impedì risolutamente l'elezione di qualsiasi cardinale vicino al Corsini, come era appunto il Firrao. Con il nuovo papa, Benedetto XIV, egli lasciò la segreteria di Stato e cambiò il suo titolo cardinalizio con quello di santa Croce in Gerusalemme.

Nel 1744 il Firrao fece pubblicare un articolo sulla Gazzetta di Mantova, in replica agli attacchi del cardinal Giulio Alberoni, in cui accusava questo cardinale di abuso di potere contestandone il diritto di pubblicare le lettere della segreteria di Stato.

Morì a Roma il 24 ottobre 1744. La salma fu esposta nella chiesa romana di Sant'Agostino dove ebbero luogo le esequie il 26 ottobre, presiedute da papa Benedetto XIV in persona. Fu sepolto nella sua chiesa del suo titolo di fronte all'altare maggiore, nel sepolcro che egli stesso aveva progettato, con una lapide raffigurante unicamente il suo nome e lo stemma di famiglia.

Genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Arcivescovo titolare di Nicea Successore: ArcbishopCoA PioM.svg
Ferdinando Nuzzi 2 settembre 1716 - 11 dicembre 1730 Silvio Valenti Gonzaga I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Ferdinando Nuzzi {{{data}}} Silvio Valenti Gonzaga
Predecessore: Nunzio apostolico in Svizzera Successore: Emblem Holy See.svg
Giacomo Caracciolo 23 ottobre 1716 - 28 settembre 1720 Domenico Silvio Passionei I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giacomo Caracciolo {{{data}}} Domenico Silvio Passionei
Predecessore: Nunzio apostolico in Portogallo Successore: Emblem Holy See.svg
Vincenzo Bichi 28 settembre 1720 - 11 dicembre 1730 Gaetano de Cavalieri I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Vincenzo Bichi {{{data}}} Gaetano de Cavalieri
Predecessore: Vescovo di Aversa
(titolo personale di arcivescovo)
Successore: BishopCoA PioM.svg
Innico Caracciolo 11 dicembre 1730 - 26 settembre 1734 Ercole Michele d'Aragona (Ch) I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Innico Caracciolo {{{data}}} Ercole Michele d'Aragona (Ch)
Predecessore: Cardinale presbitero di San Tommaso in Parione Successore: CardinalCoA PioM.svg
Innico Caraccilo 19 novembre 1731 - 29 agosto 1740 Giovanni Battista Barni I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Innico Caraccilo {{{data}}} Giovanni Battista Barni
Predecessore: Cardinale Segretario di Stato di Sua Santità Successore: Emblem Holy See.svg
Antonio Banchieri 4 ottobre 1733 - 6 febbraio 1740 Silvio Valenti Gonzaga I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Antonio Banchieri {{{data}}} Silvio Valenti Gonzaga
Predecessore: Cardinale protettore della Pontificia Accademia Ecclesiastica Successore: Emblem Holy See.svg
Giuseppe Renato Imperiali 15 gennaio 1737 - 24 ottobre 1744 Girolamo Colonna di Sciarra I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giuseppe Renato Imperiali {{{data}}} Girolamo Colonna di Sciarra
Predecessore: Prefetto del Supremo Tribunale della Segnatura di Grazia Successore: Emblem Holy See.svg
Antonfelice Zondadari 29 novembre 1737 - 24 ottobre 1744 Prospero Colonna di Sciarra I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Antonfelice Zondadari {{{data}}} Prospero Colonna di Sciarra
Predecessore: Prefetto della Congregazione dei Vescovi e Regolari Successore: Emblem Holy See.svg
Francesco Barberini seniore 27 agosto 1738 - 24 ottobre 1744 Raffaele Cosimo de' Girolami I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Francesco Barberini seniore {{{data}}} Raffaele Cosimo de' Girolami
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Croce in Gerusalemme Successore: CardinalCoA PioM.svg
Prospero Lorenzo Lambertini 29 agosto 1740 - 24 ottobre 1744 Gioacchino Besozzi, O.Cist. I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Prospero Lorenzo Lambertini {{{data}}} Gioacchino Besozzi, O.Cist.
Predecessore: Camerlengo del Collegio Cardinalizio Successore: Emblem Holy See.svg
Vincenzo Bichi 2 gennaio 1741 - 22 gennaio 1742 Antonio Saverio Gentili I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Vincenzo Bichi {{{data}}} Antonio Saverio Gentili
Note
  1. Denominata anche guerra del Toggenburgo o guerra del Dodici (Zwölferkrieg) in riferimento alla data del conflitto, la seconda guerra di Villmergen oppose i protestanti di Zurigo e Berna, alleati con Ginevra e Neuchâtel, ai cattolici di Lucerna, Uri, Svitto, Untervaldo e Zugo, coalizzati con il Vallese e il principe abate di San Gallo padre Leodegar Bürgisser. Nel corso delle ostilità, si sommarono rivalità per l'egemonia nella Confederazione, tensioni religiose e questioni di politica estera. Gli scontri si conclusero con la sconfitta dei cantoni cattolici e la quarta Pace nazionale, siglata l'11 agosto 1712 ad Aarau (DSS Villmergen, seconda guerra di).
  2. DSS Firrao, Giuseppe
Bibliografia
  • Dario Busolini, Dizionario Biografico degli Italiani, Vol. 48, 1997, FIRRAO, Giuseppe

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.