Alderano Cybo-Malaspina

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Alderano Cibo
Cibo Alderano (1613-1700) b.jpg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

Maratta Alderano Cybo.jpg

Carlo Maratta, Ritratto del cardinale Alderano Cybo (1687), olio su tela; Marsiglia (Francia), Musée des Beaux-Arts
'
Titolo cardinalizio
{{{titolo}}}
Età alla morte 88 anni
Nascita Genova
16 luglio 1612
Morte Roma
22 luglio 1700
Sepoltura Basilica di Santa Maria del Popolo (Roma)
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[]]
Professione religiosa [[]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale in data sconosciuta
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo 24 aprile 1656
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile in data sconosciuta
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
6 marzo 1645 da Alessandro VII (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Alderano Cibo o anche Cybo o Cybo Malaspina (Genova, 16 luglio 1612; † Roma, 22 luglio 1700) è stato un cardinale e vescovo italiano.

Cenni biografici

Alderano nacque a Genova il 16 luglio del 1613 da Carlo I Cibo Malaspina, duca di Massa, e dalla moglie Brigida di Giannettino Spinola. Mentre il primogenito Alberico veniva educato per succedere al padre nel governo di Massa e Carrara, i fratelli minori Alderano, Odoardo e Lorenzo (Ch) furono indirizzati alla carriera ecclesiastica.

Entrò in prelatura nel 1641 e fu nominato referendario utriusque Signaturae, esercitando alcuni incarichi minori in diverse congregazioni. Sotto Innocenzo X nel 1644 fu nominato maggiordomo pontificio e l'anno seguente, nel concistoro del 6 aprile, lo creò cardinale. Il 24 seguente ricevette la berretta rossa con il titolo di cardinale presbitero di santa Pudenziana.

La sua carriera si differenziò da quella di molti altri membri del Sacro Collegio di grande famiglia, creati cardinali in giovane età. Fu cardinale legato, a Urbino l'anno seguente, quindi il 15 giugno 1648 destinato alla legazione di Romagna, e poi il 3 luglio 1651 alla legazione di Ferrara. La forse prematura nomina a cardinale lo aveva tuttavia escluso da una tappa di particolare importanza nel cursus della Curia romana, quella di nunzio apostolico, privandolo di un'esperienza diplomatica internazionale della quale il Cibo sentirà la mancanza quando sarà chiamato alla carica di segretario di Stato sotto Innocenzo XI.

Prese parte al conclave del 1655 che vide l'elezione al soglio pontificio di Alessandro VII. In conclave prevalsero due partiti, l'uno favorevole alla Spagna e all'Impero, al quale aderivano i cardinali "fiorentini e pamfiliani" e lo stesso Cibo; l'altro favorevole alla Francia, guidato dai Antonio e Francesco Barberini e al quale aderivano anche i cardinali Durazzo, Spada, Grimaldi, Lomellini, Este, Ottoboni e Borromeo. La candidatura del Chigi viene segnalata dal Cibo sin dalle prime votazioni e risulta, sia pur tra le righe, l'iniziale opposizione francese, del Mazzarino in particolare, vinta grazie alla mediazione del cardinal Giulio Cesare Sacchetti.

Il 24 aprile 1656 il nuovo pontefice lo elesse vescovo di Jesi, carica che ricoprì fino al 10 settembre 1671 quando cedette il vescovado al fratello minore Lorenzo. Vi tenne un sinodo locale celebrato nel 1658, i cui atti vennero dati alle stampe nel 1695. Si occupò del seminario, dandogli una nuova sede nel centro della città, e protesse in particolare la Congregazione di san Filippo Neri, donandole la chiesa di san Giovanni.

Prese parte al conclave del 1667 con l'elezione del suo amico Rospigliosi, che lo ricevette in un'udienza il 2 luglio, pochi giorni dopo la sua consacrazione e aver preso il nome di papa Clemente IX.

Del conclave del 1669-1670, a cui il Cibo partecipò, non lasciò particolari descrizioni. Assai più ampie furono quelle relative al conclave del 1676 che vide eletto papa Innocenzo XI Odescalchi. Il Cibo e l'Odescalchi erano stati creati cardinali da Innocenzo X nello stesso concistoro ed erano legati da stretta amicizia.[1] Il Cibo fu quindi sin dall'inizio dei conclave, pur essendo egli stesso considerato uno dei papabili, lo strenuo sostenitore della candidatura dell'amico Odescalchi, svolgendo un'abile azione diplomatica fra il gruppo dei cardinali filofrancesi e quello spagnolo e imperiale. Decisivo fu tuttavia l'intervento dei cardinali Flavio Chigi e Giacomo Rospigliosi, che riuscirono a ottenere l'assenso di Luigi XIV alla candidatura Odescalchi, dopo il veto iniziale dell'inviato francese a Roma César d'Estrées.

L'amico divenuto papa lo volle suo Segretario di Stato, carica che ricoprì dal 1676 al 1689. In tale veste fu coinvolto nelle varie vicende sia politiche che religiose che caratterizzarono il papato dell'Odescalchi. La sua formazione in Curia lo aveva portato ad avere una profonda conoscenza dei problemi interni dello Stato della Chiesa, mentre era carente quella relativa alla politica estera; inoltre sembra non avesse una profonda formazione teologica. Su di lui pesa inoltre l'accusa di venalità, dato che riceveva una pensione dal re di Francia Luigi XIV.

Inizialmente il pontefice ripose ogni fiducia nel Cibo ma dopo qualche anno, proprio perché sospettava che questi si mantenesse troppo favorevole verso la Francia, preferì indirizzarsi sempre di più al segretario della Cifra Agostino Favoriti e al suo successore Lorenzo Casoni. Quest'ultimo, grazie anche alle sue indubbie capacità, ridusse praticamente il Cibo alla sola direzione nominale degli affari di Stato.

Dopo la morte di Innocenzo XI nel 1689 e l'età avanzata il Cibo, pur partecipando ai conclavi del 1689, dove appoggiò l'elezione di Alessandro VIII Ottoboni e del 1691, non svolse più un ruolo attivo nella Curia romana. Prese ancora parte, nel 1693, alla polemica sul probabilismo del generale dei gesuiti Tirso González de Santalla, pronunciandosi a favore del gesuita spagnolo, da lui già protetto in precedenza intercedendo anche presso Alessandro VIII. Ma negli ultimi anni delegò anche le cure delle sue diocesi di Ostia e Velletri al fratello Odoardo, patriarca di Costantinopoli.

Morì a Roma il 22 luglio 1700. I funerali si tennero in santa Maria del Popolo dove fu sepolto.

Successione degli incarichi

Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Pudenziana Successore: CardinalCoA PioM.svg
Luigi Caetani 24 aprile 1645 - 30 gennaio 1668 Rinaldo d'Este I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Luigi Caetani {{{data}}} Rinaldo d'Este
Predecessore: Vescovo di Jesi Successore: BishopCoA PioM.svg
Giacomo Corradi 24 aprile 1656 - 10 dicembre 1671 Lorenzo Cybo (Ch) I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giacomo Corradi {{{data}}} Lorenzo Cybo (Ch)
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Prassede Successore: CardinalCoA PioM.svg
Virginio Orsini 30 gennaio 1668 - 13 settembre 1677 Luigi Alessandro Omodei I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Virginio Orsini {{{data}}} Luigi Alessandro Omodei
Predecessore: Cardinal Segretario di Stato Successore: Emblem Holy See.svg
Francesco Nerli iunior 23 settembre 1676 - 12 agosto 1689 Giambattista Rubini I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Francesco Nerli iunior {{{data}}} Giambattista Rubini
Predecessore: Cardinale presbitero di San Lorenzo in Lucina Successore: CardinalCoA PioM.svg
Niccolò Albergati Ludovisi 13 settembre 1677 - 6 febbraio 1679 Lorenzo Raggi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Niccolò Albergati Ludovisi {{{data}}} Lorenzo Raggi
Predecessore: Cardinale protopresbitero Successore: CardinalCoA PioM.svg
Niccolò Albergati Ludovisi 13 settembre 1677 - 6 febbraio 1679 Lorenzo Raggi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Niccolò Albergati Ludovisi {{{data}}} Lorenzo Raggi
Predecessore: Cardinale vescovo di Palestrina Successore: CardinalCoA PioM.svg
Cesare Facchinetti 6 febbraio 1679 - 8 gennaio 1680 Lorenzo Raggi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Cesare Facchinetti {{{data}}} Lorenzo Raggi
Predecessore: Cardinale vescovo di Frascati Successore: CardinalCoA PioM.svg
Carlo Rossetti 8 gennaio 1680 - 15 febbraio 1683 Pietro Vito Ottoboni I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Carlo Rossetti {{{data}}} Pietro Vito Ottoboni
Predecessore: Cardinale vescovo di Porto e Santa Rufina Successore: CardinalCoA PioM.svg
Niccolò Albergati-Ludovisi 15 febbraio 1683 - 10 novembre 1687 Pietro Vito Ottoboni I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Niccolò Albergati-Ludovisi {{{data}}} Pietro Vito Ottoboni
Predecessore: Cardinale vescovo di Ostia e Velletri Successore: CardinalCoA PioM.svg
Niccolò Albergati-Ludo visi 10 novembre 1687 - 22 luglio 1700 Emmanuel Théodose de La Tour d'Auvergne de Bouillon I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Niccolò Albergati-Ludo visi {{{data}}} Emmanuel Théodose de La Tour d'Auvergne de Bouillon
Predecessore: Decano del collegio cardinalizio Successore: Pavillon pontifical.png
Niccolò Albergati-Ludo visi 10 novembre 1687 - 22 luglio 1700 Emmanuel Théodose de La Tour d'Auvergne de Bouillon I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Niccolò Albergati-Ludo visi {{{data}}} Emmanuel Théodose de La Tour d'Auvergne de Bouillon
Note
  1. I due cardinali fecero parte, di quel ristretto gruppo che propugna l'indipendenza del Sacro Collegio dalle influenze straniere guidato da Decio Azzolini juniore e che l'ambasciatore spagnolo Carlo d'Aragona Tagliavia chiamò lo squadrone volante.
Bibliografia
  • Enrico Stumpo, Dizionario Biografico degli Italiani, Vol. 25, 1981, CIBO, Alderano

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.