Giacomo Giustiniani

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Giacomo Giustiniani
Stemma cardinale.png
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"

AlfabGx043.jpg

'
Titolo cardinalizio
Età alla morte 73 anni
Nascita Roma
20 dicembre 1769
Morte Roma
24 febbraio 1843
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale
Ordinazione presbiterale 21 dicembre 1816
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo 14 aprile 1817 da Pio VII
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile
Consacrazione vescovile Roma, 20 aprile 1817 dal Cardinal Alessandro Mattei
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
Creazione
a Cardinale
2 ottobre 1826 da Leone XII (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine Vescovi
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Giacomo Giustiniani (Roma, 20 dicembre 1769; † Roma, 24 febbraio 1843) è stato un cardinale e arcivescovo italiano.

Cenni biografici

Nacque a Roma il 20 dicembre 1769 dal principe Benedetto e da Cecilia Mahony. La famiglia paterna godeva del titolo principesco a Genova e a Roma, mentre quella materna aveva titolo comitale e tra gli antenati vantava parlamentari, diplomatici e generali al servizio della Gran Bretagna.

Dopo studi nel Pontificio Collegio Urbano e a Propaganda Fide prese gli ordini minori e frequentò corsi di diritto a La Sapienza, addottorandosi in utroque iure (diritto civile ed ecclesiastico) il 29 dicembre 1792.

Entrò quindi nella prelatura romana divenendo protonotario apostolico. Nel 1793 divenne referendario dei tribunali della Segnatura Apostolica di Grazia e Giustizia e fu vice legato in Romagna, facendo il suo ingresso a Ravenna, sede della legazione, il 14 dicembre. Nel 1795 fu nominato Protonotario della Sacra Congregazione dei Riti.

Nel giugno del 1796 tornò a Roma per l'occupazione francese della Legazione di Romagna, nel 1797 fu inviato come governatore a Perugia, ma dovette riparare nuovamente a Roma per l'avanzata delle truppe francesi. Durante la Repubblica Romana, per motivi non chiari, fu arrestato e subì una breve detenzione; condusse poi vita ritirata fino alla caduta della Repubblica nel settembre 1799 quando, occupata la capitale dalle truppe napoletane, partecipò alla giunta provvisoria nominata dal generale Diego Naselli.

Dopo il ripristino del governo pontificio il Giustiniani non rientrò in servizio, dedicandosi a studi e viaggi: fu tra l'altro a Vienna, Parigi e Genova, dove soggiornò qualche anno, approfondendo gli studi soprattutto in campo linguistico.

Dopo la restaurazione pontificia al Congresso di Vienna tornò a Roma e riassunse le proprie funzioni. Fu governatore provvisorio di Roma dal 22 settembre 1814, venendo nominato il giorno successivo al rango di vice-governatore. Dal 1º ottobre fu reintegrato nella prelatura romana col titolo di prelato domestico. Durante l'esilio di papa Pio VII a Genova fu membro della Giunta di Stato presieduta dal cardinale Giulio Maria Della Somaglia. Il 6 luglio 1815 fu nominato delegato apostolico a Bologna, ove curò la restaurazione completa del governo pontificio.

Nel 1816 tornò a Roma per ricevere gli ordini maggiori, e il 21 dicembre fu ordinato sacerdote. Il 14 aprile dell'anno seguente fu nominato vescovo di Tiro in partibus infidelium e nunzio apostolico per la Spagna. Fu consacrato nella basilica di San Pietro in Vaticano il 20 aprile dal cardinal Alessandro Mattei, vescovo di Ostia e Velletri coadiuvato da mons. Giovanni Francesco Guerrieri, arcivescovo titolare di Atene e da mons. Candido Maria Frattini, arcivescovo titolare di Filippi.

I dieci anni di nunziatura a Madrid furono i più significativi della carriera curiale e diplomatica del Giustiniani e influirono sulle sue vicende successive di carriera e di vita.

Nel concistoro del 2 ottobre 1826 papa Leone XII lo elevò al rango di cardinale con dispensa per avere già un nipote nel Sacro Collegio dei Cardinali. Ricevette la berretta cardinalizia il 5 luglio 1827 e 17 settembre successivo il titolo dei santi Pietro e Marcellino.

Prese parte al conclave del 1829 che elesse papa Pio VIII, e in seguito a quello del 1830-31. Durante questo conclave fu a lungo uno dei papabili, ma il cardinal Juan Francisco Marco y Catalán, portavoce del re di Spagna, esercitò nei suoi confronti il diritto di veto. Preso atto dell'esclusiva con un abile discorso, nel quale ringraziò il re per gli onori ottenuti durante la missione diplomatica e per averlo sollevato dall'onere del pontificato, che sentiva superiore alle sue forze, il Giustiniani divenne il capo del partito avverso al Pacca. Con un prestigio rafforzato dalla clamorosa esclusione patita appoggiò la candidatura del Cappellari, a cui lo avvicinavano il comune rigido conservatorismo e l'assoluta chiusura verso il mondo liberale, che il 2 febbraio fu eletto assumendo il nome di Gregorio XVI.

Molto stimato da quest'ultimo fu nominato abate commendatario dell'abbazia di Farfa e Segretario dei Memoriali. Per motivi di salute (la rottura di un femore per una caduta) dovette rinunciare alla commenda dell'abbazia di Farfa.

Il 16 dicembre 1832 rassegnò le dimissioni da arcivescovo di Imola. Proseguì il suo servizio in Curia dove fu prefetto della Sacra Congregazione dell'Indice dal 21 novembre 1834. Nel 1837 fu nominato arciprete della Basilica di San Pietro in Vaticano e prefetto della Sacra Congregazione della Reverenda Fabbrica di San Pietro. Fu Camerlengo di Santa Romana Chiesa dal 2 ottobre 1837 sino alla morte. Il 22 novembre 1839 optò per il titolo di cardinali vescovi della sede suburbicaria di Albano. Dal 24 gennaio 1842 al 27 gennaio 1843 fu Camerlengo del Sacro Collegio dei Cardinali.

Morì il 24 febbraio 1843. I funerali si tennero nella chiesa di Santa Maria sopra Minerva con la partecipazione del pontefice e fu sepolto nella tomba di famiglia nella stessa chiesa.

Genealogia episcopale

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Genealogia episcopale.

Successione degli incarichi

Predecessore: Arcivescovo titolare di Tiro Successore: Archbishop CoA PioM.svg
Annibale della Genga 1817 - 1826 Carlo Giuseppe d'Argenteau I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Annibale della Genga {{{data}}} Carlo Giuseppe d'Argenteau
Predecessore: Nunzio apostolico per il Regno di Spagna Successore: Emblem Holy See.svg
Pietro Gravina 1817 - 1826 Francesco Tiberi Contigliano I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Pietro Gravina {{{data}}} Francesco Tiberi Contigliano
Predecessore: Vescovo di Imola
(titolo personale di arcivescovo)
Successore: BishopCoA PioM.svg
Antonio Lamberto Rusconi 1826 - 1832 Beato Giovanni Maria Mastai Ferretti I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Antonio Lamberto Rusconi {{{data}}} Beato Giovanni Maria Mastai Ferretti
Predecessore: Cardinale presbitero dei Santi Marcellino e Pietro Successore: CardinalCoA PioM.svg
Nicola Riganti 1827 - 1839 Giovanni Maria Mastai Ferretti I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Nicola Riganti {{{data}}} Giovanni Maria Mastai Ferretti
Predecessore: Presidente della Fabbrica di San Pietro Successore: StPetersDomePD.jpg
? 1837-1843 Mario Mattei I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
? {{{data}}} Mario Mattei
Predecessore: Arciprete della Basilica di San Pietro Successore: StPetersDomePD.jpg
Pietro Francesco Galleffi 1837-1843 Mario Mattei I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Pietro Francesco Galleffi {{{data}}} Mario Mattei
Predecessore: Camerlengo di Santa Romana Chiesa Successore: COA Cardinal Camerlingue template.svg
Pietro Francesco Galleffi
1824-1837
1837 - 1843 Tommaso Riario Sforza
1843-1857
I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Pietro Francesco Galleffi
1824-1837
{{{data}}} Tommaso Riario Sforza
1843-1857
Predecessore: Cardinale vescovo di Albano Successore: CardinalCoA PioM.svg
Gianfrancesco Falzacappa 1839-1843 Pietro Ostini I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Gianfrancesco Falzacappa {{{data}}} Pietro Ostini
Predecessore: Camerlengo del Collegio Cardinalizio Successore: CardinalCoA PioM.svg
Antonio Domenico Gamberini 1842 - 1843 Vincenzo Macchi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Antonio Domenico Gamberini {{{data}}} Vincenzo Macchi
Bibliografia

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.