Giacomo Lercaro

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Jump to navigation Jump to search
Giacomo Lercaro
BB-14 Lercaro0001.JPG
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

CardinaleGiacomoLercaro.jpg

{{{didascalia}}}
Mea fiducia mater mea
Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte 84 anni
Nascita Quinto al Mare
28 ottobre 1891
Morte Bologna
18 ottobre 1976
Sepoltura Cattedrale di San Petronio (Bologna)
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale 25 luglio 1914
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo 31 gennaio 1947 da Pio XII
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile 19 marzo 1947 dall'arcivescovo Giuseppe Siri
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
Creazione
a Cardinale
12 gennaio 1953 da Pio XII (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Riammesso da da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine Presbiteri
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda
Invito all'ascolto
Firma autografa
[[File:{{{FirmaAutografa}}}|250px]]

Giacomo Lercaro (Quinto al Mare, 28 ottobre 1891; † Bologna, 18 ottobre 1976) è stato un cardinale e arcivescovo italiano di Bologna dal 1952 al 1968.

Biografia

Nato il 28 ottobre 1891 a Quinto al Mare, arcidiocesi di Genova, era l'ottavo dei nove figli di una modesta famiglia di marinai. La madre si chiamava Aurelia e morì a 102 anni, nel maggio 1954, a Bologna, dove visse con il figlio cardinale. Erano sacerdoti anche due suoi fratelli, Amedeo e Attilio.

La formazione e il ministero sacerdotale

Ha studiato, con borsa di studio dell'arcivescovo, presso il Seminario Arcivescovile di Genova, dal 1902 al 1914 (filosofia e teologia) e il Pontificio Istituto Biblico di Roma, dal novembre 1914 al 1915.

Ordinato presbitero il 25 luglio 1914 nella cappella del Seminario Arcivescovile di Genova, da Ildefonso Vincenzo Pisani, Vescovo titolare di Tebe, già Vescovo di Anglona-Tursi.

Ulteriori studi a Roma, 1914-1915. Richiamato a Genova quando l'Italia entrò nella prima guerra mondiale nel 1915, fu cappellano militare nell'ospedale di Galliera, Forte S. Martino, nell'ospedale di Torri di Quartesolo e a Villabella di San Bonifazio. Prefetto del Seminario di Genova, 1918-1923 (suo fratello Amedeo era il rettore del seminario), professore supplente di teologia, 1921-1923; professore di Sacra Scrittura e Patrologia, 1923-1927. Professore di religione nelle scuole medie, 1927-1937; fondatore del "Liceo Classico Cristoforo Colombo", movimento studentesco per le attività apostoliche-sociali come "Apostolato del Mare", di cui è stato il primo cappellano nazionale; e attività nelle periferie più povere di Genova.

Parroco prevosto della basilica di Santa Maria Immacolata a Genova, 1937-1947; fondatore di Didascaleion, centro studi per l'incontro del pensiero teologico con la cultura moderna. Durante la seconda guerra mondiale protesse tutti coloro che erano in pericolo, rifugiandoli nella propria casa, soprattutto gli ebrei; a causa del grave pericolo per la sua vita, dovette nascondersi sotto il nome di "Padre Lorenzo Gusmini"; al termine della guerra ricevette una grata e affettuosa testimonianza da tutta la città di Genova. Prelato domestico di Sua Santità, il 23 novembre 1946.

Il ministero episcopale

Fu nominato arcivescovo di Ravenna e vescovo di Cervia il 31 gennaio 1947 e consacrato il successivo 19 marzo nella basilica di S. Maria Immacolata di Genova dall'allora arcivescovo di Genova Giuseppe Siri, coadiuvato da Angelo Rossini, arcivescovo di Amalfi, e da Francesco Canessa, vescovo titolare di Sarepta. Il suo motto episcopale era Mater mea fiducia mea.

Sarebbe diventato, negli anni successivi, il contraltare del cardinale Siri, in quanto Lercaro rappresentava, in effetti, uno dei personaggi più noti dello schieramento "progressista" dell'episcopato italiano e Siri, invece, l'ala più legata alla tradizione.

Trasferito alla sede metropolitana di Bologna, il 19 aprile 1952.

Il cardinalato

Lercaro fu trasferito alla Sede di Bologna il 19 aprile 1952. Il 12 gennaio 1953 fu creato cardinale con il titolo di Santa Maria in Traspontina da Papa Pio XII.

Lercaro partecipò ai due Conclavi del 1958 e 1963 nonché al Concilio Vaticano II, di cui fu membro di una delle commissioni preparatorie.

Dal 1966 al 1968 fu presidente del Consiglio per la Riforma liturgica, che proprio in quegli anni preparava una serie di importanti mutamenti liturgici, fra i quali l'uso, insieme al latino delle lingue nazionali nel rito romano. Tali cambiamenti erano fortemente osteggiati dall'ala più conservatrice, come attestò la lettera pubblica di opposizione al Rito Romano rinnovato della Messa, scritta nel settembre del 1969 dai Cardinali Antonio Bacci e Alfredo Ottaviani. La commissione liturgica attuò le decisioni del Concilio ecumenico sottoscritte da papa Paolo VI, per i suoi innegabili vantaggi pastorali.

Il cardinal Lercaro fu molto legato a Giuseppe Dossetti che da leader della Democrazia Cristiana, divenne monaco e fondatore, e fu una delle voci più influenti nel concilio e nel post-concilio.

È stato il consacratore principale dell'arcivescovo Agostino Baroni M.C.C.I., del vescovo Gilberto Baroni e del vescovo Luigi Bettazzi, suo ausiliare dal 1963 al 1966.

La morte

Morì il 18 ottobre 1976 per una crisi cardiaca nella "Villa San Giacomo" a Bologna. Fu coadiuvato dal fratello padre Attilio Lercaro. Il cardinale Sergio Pignedoli, presidente della Segreteria per i non cristiani, ha rappresentato il papa, e il cardinale Antonio Poma, arcivescovo di Bologna, è stato il principale concelebrante della messa funebre alla quale hanno partecipato anche altri otto cardinali, insieme a numerosi arcivescovi, vescovi e sacerdoti .

Il defunto cardinale fu sepolto nella Cattedrale di San Petronio. La Galleria Nazionale d'Arte Moderna "Giacomo Lercaro", organizzata dalla Fondazione "Cardinale Giacomo Lercaro", accanto alla Galleria "Giacomo Lercaro", in via Riva di Reno 57 a Bologna, è stata inaugurata Il 16 maggio 2003. È una delle principali raccolte d'arte moderna in Italia.

Genealogia episcopale

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Arcivescovo di Ravenna e Vescovo di Cervia Successore: Arcbishoppallium.png
Antonio Lega 31 gennaio 1947 - 19 aprile 1952 Egidio Negrin I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Antonio Lega {{{data}}} Egidio Negrin
Predecessore: Gran priore per l'Italia-Romagna dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme Successore: Croix de l Ordre du Saint-Sepulcre.svg
- 31 gennaio 1947 - 19 aprile 1952 Egidio Negrin I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
- {{{data}}} Egidio Negrin
Predecessore: Arcivescovo di Bologna Successore: Arcbishoppallium.png
Giovanni Battista Nasalli Rocca di Corneliano 19 aprile 1952 - 12 febbraio 1968 Antonio Poma I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giovanni Battista Nasalli Rocca di Corneliano {{{data}}} Antonio Poma
Predecessore: Gran priore per l'Italia-Emilia dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme Successore: Croix de l Ordre du Saint-Sepulcre.svg
Giovanni Battista Nasalli Rocca di Corneliano 19 aprile 1952 - 12 febbraio 1968 Antonio Poma I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giovanni Battista Nasalli Rocca di Corneliano {{{data}}} Antonio Poma
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Maria in Traspontina Successore: Kardinalcoa.png
Giovanni Battista Nasalli Rocca di Corneliano 15 gennaio 1953 - 18 ottobre 1976 Gerald Emmett Carter I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giovanni Battista Nasalli Rocca di Corneliano {{{data}}} Gerald Emmett Carter
Voci correlate
Collegamenti esterni