Ultima modifica il 9 apr 2016 alle 14:44

Cuore Immacolato di Maria

Cuore Immacolato di Maria

Blessed Virgin Mary.jpg
Immagine votiva del Cuore Immacolato di Maria
Mistero celebrato Misteri di Cristo nel Cuore di Maria.
Memoria obbligatoria
Periodo {{{periodo}}}
Data
Data mobile il giorno dopo la solennità del Sacro Cuore di Gesù

Data nel 2016: 04 giugno
Data nel 2017: 24 giugno
Data nel 2018: 09 giugno

Note
Rito Romano
Tipologia {{{tipologiaRR}}}
Periodo Tempo Ordinario
Data {{{dataRR}}}
Data {{{data mobileRR}}}
Data nel 2016: 04 giugno

Data nel 2017: 24 giugno
Data nel 2018: 09 giugno

Rito Ambrosiano
Tipologia {{{tipologiaRA}}}
Periodo Tempo Dopo Pentecoste
Data {{{dataRA}}}
Data {{{data mobileRA}}}
Data nel 2016: Errore nell'espressione: operatore < inatteso

Data nel 2017: Errore nell'espressione: operatore < inatteso
Data nel 2018: Errore nell'espressione: operatore < inatteso

Di precetto in {{{di precetto in}}}
Celebrata in
Celebrata a
Tradizioni religiose
Data d'istituzione 1805
Chiamata anche
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, Elogi per le celebrazioni mobili:
« Memoria del Cuore Immacolato della beata Vergine Maria: serbando nel proprio cuore la memoria dei misteri di salvezza compiuti nel suo Figlio, ne ha atteso con fiducia il compimento in Cristo. »

Il Cuore Immacolato di Maria è una devozione cattolica, la cui memoria liturgica fu estesa a tutta la Chiesa da Papa Pio XII nel 1944, in ricordo della Consacrazione del mondo al Cuore Immacolato di Maria, da lui fatta nel 1942. La memoria cade il giorno dopo la solennità del Sacro Cuore di Gesù, si tratta quindi di una celebrazione mobile.

Origine della devozione

L'origine di tale culto può trovarsi nelle parole dell'evangelista Luca, dove il Cuore di Maria appare come uno scrigno che racchiude i più santi ricordi.[1] La prima traccia di culto pubblico si trova a Napoli nel 1640 nella confraternita del Cuore di Maria. Fu fondata da Giovanni Eudes, che diffuse anche la devozione al sacro Cuore di Gesù.[1]

La devozione dei primi cinque sabati del mese

La Madonna, nell'apparizione del 13 giugno 1917, disse a Lucia dos Santos:

« Gesu’ vuole servirsi di te per farmi conoscere e amare. Egli vuole stabilire nel mondo la devozione al mio Cuore Immacolato.[2] »

Il 10 dicembre 1925 la Vergine riapparve a Lucia, insieme a Gesù Bambino, con un nuovo messaggio:

« A tutti coloro che per cinque mesi, al primo sabato, si confesseranno, riceveranno la santa Comunione, reciteranno il Rosario e mi faranno compagnia per quindici minuti meditando i Misteri, con l’intenzione di offrirmi riparazioni, prometto di assisterli nell’ora della morte con tutte le grazie necessarie alla salvezza.[3] »
Si tratta della "Grande promessa del Cuore Immacolato di Maria".

La memoria

Date della Memoria 2012-2022
Anno Cattolicesimo
2012 16 giugno
2013 8 giugno
2014 28 giugno
2015 13 giugno
2016 4 giugno
2017 24 giugno
2018 9 giugno
2019 29 giugno
2020 20 giugno
2021 12 giugno
2022 25 giugno

La memoria, istituita nel 1805, fu poi estesa a tutta la Chiesa cattolica dal 1944, come rappresentazione della consacrazione dell'umanità al Cuore Immacolato di Maria eseguita da Pio XII nel 1942 durante la seconda guerra mondiale, e si celebra il sabato della seconda settimana dopo Pentecoste, seguendo così immediatamente la solennità del Sacro Cuore.

Liturgia

Nel Rito Romano

Il Rito Romano presenta un unico schema per le letture bibliche della messa, dove la prima lettura è quella del giorno corrispondente del Tempo Ordinario, mentre il vangelo, unico, è proprio:

Nel Rito Ambrosiano

Il Rito Ambrosiano presenta a scelta la lettura del giorno corrispondente alle Settimane Dopo Pentecoste, oppure le letture proprie della memoria a schema ternario:

Congregazioni

Numerose sono le congregazioni cattoliche istituitesi per la devozione di tale culto. Di seguito se ne elencano alcune:

Consacrazioni

L'Italia fu consacrata al Cuore Immacolato di Maria nel 1959 e il 17 novembre del 2009 i vescovi italiani ad Assisi hanno ricordato il cinquantesimo. La Francia fece la sua consacrazione nel 1638 e il Portogallo nel 1646. Per la Spagna nel 1760 Papa Clemente XIII firmava la bolla che "declaraba a la Immaculada patrona de España, de las Indias y de todos sus reinos...y declaraba la Purissima como principal Patrona de España". Re Carlo III di Spagna con tutto il Clero faceva propria la proclamazione il 18 aprile 1761. Il 7 luglio del 1952, con la Lettera Apostolica di Papa Pio XII Sacro vergente anno [4], furono consacrati al Cuore di Maria tutti i popoli della Russia.

Note
  1. 1,0 1,1 Enciclopedia Rizzoli-Larousse, I edizione, vol. V pag. 9
  2. Antonio A. Borelli, Fatima: messaggio di tregedia o di speranza?, Luci sull'Est, Roma, 2002, p. 24
  3. Luiz Gonzaga Ayres da Fonseca S.J., Le meraviglie di Fatima, Edizioni Paoline, Roma, 1981, pp. 364-365
  4. Testo della lettera apostolica, sul sito del Vaticano
Bibliografia
  • Elisabetta Szanto, La fiamma d'amore del cuore immacolato di Maria, Ancilla, 2006
  • Luciano Nervi, Fatima. «Il mio Cuore Immacolato trionferà», Elledici, 2004
  • Robero Gava, Raffaella Brevi, Ecco tua madre. La consacrazione al Cuore Immacolato di Maria, Ancilla, 1996
  • Eugenio Fornasari, La grande promessa di Fatima. I primi cinque sabati in onore del Cuore Immacolato di Maria, San Paolo Edizioni, 1996
  • Preghiere al Cuore Immacolato di Maria, Shalom, 2005
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.