Beato Egidio d'Assisi

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Beato Egidio d'Assisi, O.F.M.
Religioso
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
Beato
{{{note}}}

Deruta PinCiv NiccolòAlunno StendardoS.AntonioAbate part.b.EgidioAssisi 1457ca.jpg

Niccolò Alunno, Stendardo processionale di sant'Antonio abate (part. Beato Egidio d'Assisi), 1457 ca.), tempera su tavola
{{{motto}}}
Titolo
{{{titolo}}}
Età alla morte circa 72 anni
Nascita Assisi
1190 ca.
Morte Perugia, eremo di Monteripido
23 aprile 1262
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[]]
Professione religiosa 1209
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi

Iter verso la canonizzazione

Venerato da
Venerabile il [[]]
Beatificazione 1777, da Pio VI
Canonizzazione [[]]
Ricorrenza 23 aprile
Altre ricorrenze
Santuario principale
Attributi
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di
Collegamenti esterni
Scheda su santiebeati.it
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 23 aprile:
« A Perugia, beato Egidio da Assisi, religioso dell'Ordine dei Minori, che fu compagno di san Francesco e rifulse nelle sue peregrinazioni per la fede intrepida e la mirabile semplicità. »

Beato Egidio d'Assisi (Assisi, 1190 ca.; † Perugia, eremo di Monteripido, 23 aprile 1262) è stato un religioso italiano. Fu il terzo seguace di Francesco d'Assisi.

Fonti storiche

Le principali fonti sono rappresentate dalla triplice redazione della Vita b. Aegidii, curate da fra Leone, frate Giovanni da Perugia, l'Anonimo Perugino.

Biografia

Bartolomé Esteban Pérez Murillo, Beato Egidio d'Assisi levita in estasi davanti a papa Gregorio IX (1645 - 1646)

Originario di Assisi, fu molto probabilmente di famiglia contadina e illetterato. Non vi sono notizie certe sulla sua famiglia e le sue origini. Il 23 aprile 1209, colpito dalla notizia della conversione avvenuta alcuni giorni prima di Bernardo da Quintavalle e di Pietro Cattani, decise di seguire san Francesco. Egidio si presentò a Santa Maria della Porziuncola, dove fu accolto e ne adottò il primitivo stile di vita.

Ben presto il primitiva fraternità iniziò un apostolato itinerante, ed Egidio accompagnò Francesco nella Marca d'Ancona, dove il santo non teneva delle vere e proprie prediche, ma si limitava ad esortare con molta semplicità all'amore di Dio e alla penitenza e il suo compagno ne confermava le parole ed ammoniva gli ascoltatori a prestargli fede. Quando i frati ebbero raggiunto il numero di sette, Francesco li inviò, sempre a coppie, in varie direzioni. Egidio fu inviato con fra Bernardo a Santiago di Compostella. Il viaggio, compiuto probabilmente nell'autunno di quello stesso anno, fu assai duro, sia per i disagi materiali, sia per l'incomprensione e lo scherno di cui i pellegrini erano oggetto. Di ritorno ad Assisi fu certamente a Roma nella primavera dell'anno seguente con Francesco e i compagni, ormai diventati dieci, per ottenere dal Papa Innocenzo III la conferma della primitiva regola. Un altro soggiorno romano, probabilmente più lungo, è collocabile nell'autunno del 1211; alloggiato nel monastero dei santi Quattro coronati vicino al Laterano, dove fra Egidio si procurava da vivere svolgendo umili lavori.

Di fatto tutte le biografie sottolineano come la prima parte della vita di fra Egidio sia scandita da una sorta di attivismo frenetico, in cui l'esigenza del lavoro manuale si associa alla continua peregrinazione verso luoghi di devozione o terre di missione. Le fonti più antiche non consentono di stabilire con precisione la cronologia e la successione dei suoi viaggi, ma ne indicano quanto meno le tappe. Prima del 1212 si recò a santuario di san Michele del Gargano e a san Nicola di Bari; immediatamente prima o dopo di questi pellegrinaggi si colloca un viaggio in Terrasanta, con una breve sosta ad Acri, qui si guadagnò da vivere svolgendo lavori di piccolo artigianato o umili servizi. Il secondo viaggio in Oriente, che alcuni biografi collocano nel 1219, e altri fanno risalire al 1214, è invece contrassegnato da un marcato desiderio di martirio. Fra Egidio e i suoi compagni tentarono in ogni modo di convertire mediante la predicazione i saraceni e non si arrestarono neppure di fronte alle più aperte ostilità; il martirio fu evitato soltanto grazie alla precipitosa ritirata dei crociati da quelle terre.

Il 1215 segnò una tappa fondamentale nella vita di Egidio; il frate, al quale Francesco aveva concesso la più ampia libertà di movimento, chiese invece di essere vincolato ad una più stretta obbedienza e venne inviato nel romitorio di Favarone presso Perugia. Tutte le biografie segnalano a questo punto un mutamento nella sua vita: la predicazione itinerante dei primi anni lasciò il posto ad una vita di penitenza e di preghiera in cui si verificò per la prima volta l'esperienza dell'estasi mistica. Assieme alla contemplazione dei misteri celesti il frate fu molto vessato dal demonio. Dal 23 giugno del 1223 al 31 gennaio del 1226 fu a Rieti, ospite del cardinale Niccolò Chiaramonte O.Cist.[1]. Nel febbraio 1226 si rifugiò a Deruta su una collina deserta, dove passò la quaresima con un confratello nella preghiera e nella penitenza, il 3 ottobre si trovava alla Porziuncola al capezzale di Francesco con il compagno della prima ora frate Bernardo, dove assistette alla morte di Francesco.

Questo evento sancì definitivamente la scelta eremitica di fra Egidio e segnò l'inizio di un progressivo intensificarsi delle estasi mistiche, preannunciata da una visione avuta a Cibottola, l'esperienza mistica si manifestò per più giorni nel romitorio di Cetona vicino Chiusi, dove Egidio si era rifugiato con un compagno, identificabile forse con quel frate Giovanni, suo padre confessore, riferito in alcune fonti. Nelle visioni che si susseguirono dall'antivigilia di Natale e fino all'Epifania che culminarono nella contemplazione diretta del Signore, fra Egidio sperimentò sensazioni ineffabili che marcarono in modo definitivo la sua vita. La coscienza di non essere più padrone di se stesso, ma strumento inerte nelle mani di Dio, si accompagnò al desiderio di conservare in tutti i modi la particolarissima grazia ricevuta attraverso una vita di penitenza sempre più rigida.

Le tappe della sua biografia dopo il 1227 sono contraddistinte da una predilezione per i luoghi solitari e per la vita ascetica: a Spoleto Egidio subi nuovamente le molestie diaboliche; ad Agello nei pressi del lago Trasimeno intrattenne i compagni con una conferenza spirituale; nel 1230 era di nuovo ad Assisi, probabilmente in occasione della traslazione del corpo di san Francesco nella basilica fatta costruire da frate Elia.

Dal 1234 fra Egidio si stabilì appena fuori Perugia, nel romitorio di Monteripido, dove visse fino alla morte. Verso il 1240 gli venne affidato come compagno frate Graziano, testimone degli episodi della sua vita riportati nella biografia di frate Leone; compagni a Monteripido furono pure frate Iacopo e frate Andrea di Borgogna.

Gli ultimi anni della vita di fra Egidio furono contraddistinti da vessazioni demoniache che si alternavano alle dolcezze della contemplazione. Estenuato da queste esperienze e duramente provato nel fisico il nostro non più in grado di muoversi da solo, espresse il desiderio di essere sepolto alla Porziuncola. Ma i Perugini, vedendolo vicino alla morte e temendo di perdere una preziosa reliquia, mandarono una scorta armata a proteggere il moribondo. Fra Egidio, appreso il fatto, preannunciò che per lui non ci sarebbe stata alcuna canonizzazione né grandi miracoli. Morì il 23 aprile 1262.

Culto

Il suo corpo venne deposto in un sarcofago antico adorno di sculture con la storia di Giona. Salimbene da Parma, passato da Perugia nel 1265, accenna nella Cronica (a cura di G. Scalia, Bari 1966, II, p. 810) all'urna di marmo contenente il corpo del frate e riporta le voci secondo le quali fra Egidio avrebbe chiesto al Signore la grazia di non fare miracoli dopo la morte.

Di fatto nessun processo di canonizzazione fu intrapreso, e le tracce di un primitivo culto popolare sembrano svanire nel corso del XIV secolo. Il sarcofago di fra Egidio, quasi dimenticato per molti anni, fu oggetto di una ricognizione da parte del Comune di Perugia nel 1439. Solo mezzo millenio dopo nel 1777 Papa Pio VI riconobbe il culto del beato Egidio. Tra il 1872 ed il 1930 le reliquie subirono una serie di spostamenti tra Perugia e Monteripido, finché, nel 1936, trovarono definitivamente sistemate nell'oratorio di san Bernardino alle porte di Perugia.

Note
Bibliografia
  • Egidio d'Assisi, in Il Grande libro dei Santi, s.v., 1998, vol. I, p. 575-76
  • Silvana Vecchio, Egidio di Assisi, in Dizionario Biografico degli Italiani, Treccani, Roma, Vol. 42 (1993) online
Voci correlate

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.