Beato Bernardino da Feltre

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Jump to navigation Jump to search
Beato Bernardino da Feltre, O.F.M.
Presbitero
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo Martino Tomitano
Beato
{{{note}}}

Beato Bernardino da Feltre.jpg

{{{motto}}}
Titolo
Incarichi attuali
Età alla morte 55 anni
Nascita Feltre
1439
Morte Pavia
28 settembre 1494
Sepoltura Chiesa di Santa Maria del Carmine (Pavia).
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione Padova, 14 maggio 1456
Professione religiosa [[]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale Mantova, 1463
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Riammesso da da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi

Iter verso la canonizzazione

Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione 1654, da Innocenzo X
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza 28 settembre
Altre ricorrenze
Santuario principale
Attributi
Devozioni particolari
Patrono di bancari, dei Monti di Pietà, dei prestiti su pegno.
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
Invito all'ascolto
Firma autografa
[[File:{{{FirmaAutografa}}}|250px]]
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 28 settembre:
« A Pavia, beato Bernardino da Feltre (Martino) Tomitano, sacerdote dell'Ordine dei Minori, che riportò ovunque buona messe dalla sua predicazione, istituì contro l'usura i cosiddetti Monti di Pietà e, uomo di pace, fu chiamato dal papa Sisto IV a ricomporre le discordie civili. »
(Santo di venerazione particolare o locale)

Beato Bernardino da Feltre, al secolo Martino Tomitano (Feltre, 1439; † Pavia, 28 settembre 1494) è stato un presbitero, missionario e fondatore italiano del Monte di Pietà, appartenente all'Ordine dei Frati Minori Osservanti e venerato dalla Chiesa cattolica come beato.

Biografia

Martino Tomitano, maggiore di nove figli, nacque a Feltre[1] verso la fine del 1453 da Corona dei Rambaldi (o Rambaldoni)[2] e dal nobile Donato dei Tomitano.

A Mantova compì con successo i primi studi e all'Università di Padova si laureò in diritto a pieni voti. Nel 1456, ispirato da san Giacomo della Marca che predicava nel padovano, entrò nell'Ordine francescano ottenendo la vestizione il 14 maggio dello stesso anno a Padova[3]. Per qualche anno si dedicò alla vita religiosa e nel 1463 fu ordinato presbitero dopo aver terminato gli studi di teologia a Venezia. Nel 1469, dopo aver insegnato grammatica per alcuni anni, il capitolo provinciale veneto lo nominò predicatore.

Nel 1471 fu eletto priore del convento di Santo Spirito di Feltre, mentre l'anno successivo lo fu del convento di Trento.

La missione

Iniziò così il suo fruttoso apostolato missionario in ogni provincia della Lombardia, nel nord della Sardegna e nelle province del centro e sud Italia. Eloquente predicatore fu molto richiesto dai vescovi delle grandi città soprattutto nei periodi dell'Avvento e di Quaresima nonché nei monasteri per gli Esercizi spirituali. La sua instancabile opera lo annovera fra i più grandi missionari predicatori francescani del XV secolo. Fu uno dei più grandi propagatori del culto del Santissimo Nome di Gesù.

Lusso e usura furono i due temi principali che Bernardino da Feltre perseguì per oltre venti anni, argomenti che lo spinsero a fondare i Monti di Pietà[4], istituto di credito caritatevole senza fini di lucro[5], al fine di rimediare efficacemente e tempestivamente ai danni irreparabili causati dall'usura, incoraggiata dai governi locali e praticata soprattutto dagli ebrei sul popolo cristiano italico (non erano rari, tuttavia, i banchi cristiani che operavano clandestinamente, sebbene il prestito ad interesse era aspramente condannato dalla Chiesa)[6]. Scopo dell'istituzione finanziaria era erogare prestiti limitati nel tempo, solitamente un anno, senza interessi.

Un episodio spesso citato nelle biografie su Bernardino, è l'espulsione da Milano da parte del duca Ludovico il Moro, per aver confutato in pubblico, durante un'omelia, un famoso astrologo della sua corte. Fu cacciato anche da Firenze nel 1476 per la sua inflessibile predicazione contro i soprusi dei banchieri e dei potenti. Subì, infine, un esilio perpetuo da parte della Serenissima per ribellione, che venne revocato nel 1487.

Accuse di antisemitismo

Consapevole dell'atmosfera antisemita prevalente a causa dell'usura e delle sue Omelie contro di essa, Bernardino disse con chiarezza che non intendeva attaccare gli ebrei in quanto tali: « Non si deve recare danno agli ebrei e alle loro proprietà. [...] Bisogna donare loro giustizia e carità, poiché hanno la nostra stessa natura. Lo ripeto ovunque [...] giacché l'ordine, i pontefici e i misericordiosi lo richiedono allo stesso modo, ma tuttavia è vero che la legge canonica proibisce espressamente gli affari troppo frequenti, e la troppa familiarità con essi. Oggi nessuno ha scrupoli su questa questione, e non posso tacere; gli usurai ebrei superano ogni limite, rovinano i poveri e s'ingrassano a loro spese. Io, che vivo d'elemosine e mangio lo stesso pane dei poveri, non posso restare zitto davanti a quest'oltraggiosa ingiustizia.»[7]

La morte

Bernardino da Feltre spirò a Pavia il 28 settembre 1494 presso il complesso monastico di San Giacomo della Vernavola. È sepolto nella Chiesa di Santa Maria del Carmine (Pavia).

Venerato dal popolo e dagli stessi Francescani fin dalla sua morte, nel 1654 il papa Innocenzo X lo innalzò agli onori dell'altare proclamandolo beato.


Note
  1. Comune italiano della provincia di Belluno, regione Veneto, Diocesi di Belluno-Feltre
  2. Cugina del più famoso Vittorino de' Rambaldoni, meglio conosciuto come Vittorino da Feltre (Feltre, 1373 o 1378 – Mantova, 2 febbraio 1446), fu un umanista e educatore italiano.
  3. Beato Bernardino da feltre
  4. Renato Zanolli Beato Bernardino da Feltre, fondatore del Monte di Pietà
  5. Da non confondere con gli attuali istituti di pegno.
  6. Ivano Paccagnella Le ruberie della usura, p. 279
  7. P. Andrea Merli op. cit., p. 174 n. I
Bibliografia
  • Renato Zanolli, Beato Bernardino da Feltre, fondatore del Monte di Pietà su bellunesinelmondo.it. 21 novembre 2013. URL consultato il 27-12-2021
  • BERNARDINO da Feltre, beato su treccani.it. URL consultato il 27/12/2021
  • Ivano Paccagnella, Le ruberie della usura - Monti di Pietà, predicazione, mercato e letteratura, A. Barbieri e E. Gregori (a cura di), in Letteratura e denaro. Ideologie, meta-fore, rappresentazioni. Atti del XLI Convegno Interuniversitario (Bressanone, 11-14 luglio 2013), Esedra, Padova, 2014
  • San Bernardino da Siena - Saggi e ricerche pubblicati nel quinto centenario della morte, in Pubblicazioni dell'Università Cattolica del Sacro Cuore, Società editrice «Vita e pensiero», Milano, 1945
  • Beato Bernardino da Feltre su assisiofm.it. URL consultato il 27-12-2021
  • P. Andrea Merli, Vita del beato Bernardino da Feltre su archive.org. URL consultato il 27-12-2021
Voci correlate