Anno Liturgico (Rito Latino)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
(Reindirizzamento da Anno liturgico della Chiesa cattolica)
Diagramma dell'anno liturgico
Diagramma dell'anno liturgico di Rito Ambrosiano

L'Anno liturgico è il ciclo annuale in cui la Chiesa cattolica celebra gli avvenimenti principali della storia della salvezza, dall'incarnazione e nascita del Signore Gesù Cristo, alla la sua morte e resurrezione, fino al dono dello Spirito Santo nel giorno di Pentecoste; alla fine dell'Anno Liturgico poi si contempla nella speranza il ritorno del Signore.

La struttura dell'Anno Liturgico è simile ma non uguale nei due riti principali, quello Romano e quello Ambrosiano.

Rito romano (forma ordinaria)

L'anno liturgico del Rito Romano inizia con la I domenica d'Avvento e termina con il sabato della trentaquattresima settimana del Tempo Ordinario.

Ciclo pasquale

Il fulcro dell'anno liturgico è costituito dal Triduo Pasquale della passione, morte e risurrezione di Gesù.

La Pasqua è anche la prima festività storicamente celebrata nel calendario della Chiesa Cattolica come compimento della Pasqua ebraica.

La settimana precedente la Pasqua è la Settimana Santa, che comincia con la Domenica delle Palme e della Passione del Signore.

Alle celebrazioni della Pasqua viene premesso un periodo di preparazione e penitenza, denominato Quaresima, che comincia il Mercoledì delle Ceneri.

La solennità della Pasqua viene "ampliata" nel periodo delle sette settimane successive, chiamato Tempo di Pasqua; esso si conclude con la solennità di Pentecoste, nella quale si celebra il dono dello Spirito Santo alla Chiesa.

Ciclo natalizio

L'altro polo importante dell'Anno Liturgico Romano è il ciclo natalizio, nel quale si fa memoria degli avvenimenti dell'Incarnazione. Esso ruota attorno alla festa del Natale del Signore, in cui si celebra la nascita di Gesù.

Il Natale è preparato anch'esso da un periodo destinato a rivivere l'attesa di Cristo Signore e la preparazione al suo ritorno glorioso: l'Avvento: esso inizia con la quarta domenica antecedente il giorno di Natale, che è la domenica successiva al 26 novembre.

Il periodo successivo al Natale, o Tempo di Natale, costituisce una espansione della festività del Natale. Termina con la festa del Battesimo del Signore, che si celebra la domenica dopo la solennità dell'Epifania.

Tempo Ordinario

Il periodo rimanente è detto Tempo ordinario, ed è suddiviso in due parti, una precedente la Quaresima, e l'altra seguente la Pentecoste. Nella sua ultima domenica, quella precedente l'inizio dell'Avvento, si celebra la solennità di Nostro Signore Gesù Cristo Re dell'Universo.

Principali festività fisse

Nell'anno liturgico hanno poi varie celebrazione. Le seguenti festività sono le più importanti, a cui vanno aggiunte le memorie o feste dei santi, del calendario universale, nazionale o locale, ovvero proprie di una famiglia religiosa:

Festività legate alla data della Pasqua

Il ciclo pasquale ha le sue feste, le cui date sono legate alla data della Pasqua:

Rito ambrosiano

L'Anno Liturgico è nel rito ambrosiano simile a quello del rito romano. Se ne differenzia essenzialmente per la diversa durata di Avvento, che inizia due settimane prima per un totale di sei domeniche invece di quattro e della Quaresima, che inizia con i primi vespri della Domenica all'inizio di Quaresima (capite quadragesimae), o sesta Domenica prima di Pasqua, e non con il Mercoledì delle Ceneri (la prima domenica dopo questo giorno).

Alcune ricorrenze ambrosiane cadono in date differenti da quelle romane:

Il rito ambrosiano non conosce la distinzione tra Tempo Ordinario e tempi forti: tutto l'anno liturgico è visto come un unico percorso, che dal mistero dell'Incarnazione (Avvento, Tempo di Natale-Epifania e tempo successivo), attraverso il fondamentale mistero della Pasqua del Signore (Quaresima, Settimana Autentica, Triduo Pasquale, Tempo Pasquale) approda al mistero della Pentecoste (Tempo Dopo Pentecoste con le settimane dopo Pentecoste, settimane dopo il Martirio di San Giovanni il Precursore e con le settimane dopo la Dedicazione della Cattedrale).

Rispetto al Rito Romano è evidente in particolare la differenza dei colori liturgici: per tutto il Tempo Dopo Pentecoste è utilizzato il colore rosso fino alla domenica della Dedicazione esclusa, mentre il verde è utilizzato nel Tempo Dopo l'Epifania - gennaio e febbraio - e in quello dopo la Dedicazione della Cattedrale - da metà ottobre a metà novembre.


Note
  1. 1,0 1,1 Nei paesi dove tale giorno non è festività civile - tra essi, dal 1977, l'Italia - la solennità è spostata alla domenica seguente.
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.