Francesco Maria Bourbon del Monte Santa Maria

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
(Reindirizzamento da Francesco Maria Bourbon del Monte)
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Francesco Maria Bourbon del Monte Santa Maria
Cardinale
06CS) Stemma Card. Bourbon Del Monte Santa Maria Francesco Maria (1549-1627).jpg
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}
{{{motto}}}

Ottavio Leoni - Francesco Maria del Monte.jpg

Ottavio Leoni ritratto del cardinale
Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte 77 anni
Nascita Venezia
5 luglio 1549
Morte Roma
27 agosto 1626
Sepoltura Chiesa di Sant'Urbano alla Caffarella (Roma)
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale Chiesa di Santa Maria in Vallicella (Roma), 10 aprile 1589 da card. patriarca Scipione Gonzaga
Nominato Abate {{{nominatoAB}}}
Nominato amministratore apostolico {{{nominatoAA}}}
Nominato vescovo 16 settembre 1615 da Paolo V
Nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
Nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
Nominato patriarca {{{nominatoP}}}
Nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile Cappella Sistina, 7 dicembre 1615 dal papa Paolo V
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
14 dicembre 1588 da Sisto V (vedi)
Cardinale per
Cardinale per 37 anni, 8 mesi e 13 giorni
Cardinale elettore
Incarichi ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Riammesso da da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Durata del
pontificato
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato


Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
[[File:|100px|Stemma]]
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda
Invito all'ascolto
Firma autografa
[[File:{{{FirmaAutografa}}}|250px]]

Francesco Maria Bourbon del Monte Santa Maria (Venezia, 5 luglio 1549; † Roma, 27 agosto 1626) è stato un cardinale e vescovo italiano.

Biografia

Nacque a Venezia il 5 luglio 1549, quinto dei tredici figli del marchese Ranieri Bourbon del Monte, primo conte di Monte Baroccio e Minerva Pianosa.

Da adolescente, fu a Roma e fece parte della famiglia del cardinale Alessandro Sforza, suo parente. Dal 1563 fu commendatario dell'abbazia di santa Croce di monte Fabali presso Pesaro. Si addottorò in diritto e nel 1580 fu nominato referendario di entrambe le Segnature di Grazia e Giustizia e faceva parte della Consulta, come uditore e vice-legato. Accompagnò il cardinale Sforza nelle Marche per una spedizione militare contro i banditi.

Nel 1581, morì improvvisamente lo Sforza e a Bourbon fu offerto il vescovato di Pesaro, ma egli preferì entrare al servizio del cardinale Ferdinando de' Medici. La protezione del Medici segnò una svolta importante nella sua carriera: quando Ferdinando rinunciò al cappello per succedere al granduca Francesco, chiese e ottenne da papa Sisto V la nomina del Bourbon a cardinale.

Cardinalato

Fu creato cardinale diacono nel concistoro del 14 dicembre 1588 e il 9 gennaio dell'anno seguente ricevette la berretta rossa e la diaconia di Santa Maria in Domnica. Partecipò al conclave del settembre 1590 e conclave dell'ottobre-dicembre 1590.

Il Medici lo sostenne anche finanziariamente donandogli un palazzo e la commenda di due abbazie nelle diocesi di Carrara e di Padova. Fu rappresentante ordinario degli interessi toscani in seno alla corte pontificia. Il Bourbon si appoggiò, nell'ambito del Collegio cardinalizio, ai più potenti gruppi di cardinali, pur riuscendo a conservando una posizione indipendente.

Nel 1591 optò per il titolo di cardinale presbitero dei santi Quirico e Giulitta. Partecipò al conclave del 1591, che elesse papa Innocenzo IX e a quello dell'anno seguente che vide l'elezione di Clemente VIII.

Si occupò delle trattative per la conversione e l'assoluzione del re di Francia Enrico IV e rimase sempre nettamente favorevole alla tendenza filo-francese. Nel 1598 seguì Clemente VIII nel viaggio di Ferrara ed ebbe successivamente altri incarichi.

Partecipò a entrambe i conclavi del 1605 che elessero Leone XI e Paolo V. Nel 1606 fu nominato prefetto della Sacra Congregazione del concilio, carica che tenne fino al 1616. Nel 1611 adottò il titolo di Santa Maria in Trastevere e l'anno seguente, divenuto cardinale protopresbitero, ottenne il titolo di San Lorenzo in Lucina.

Nel 1615 fu eletto cardinale vescovo della sede suburbicaria di Palestrina. Fu consacrato vescovo il 7 dicembre 1615 nella Cappella Sistina da Paolo V, assistito dal cardinale Giovanni Evangelista Pallotta e dal cardinale Benedetto Giustiniani.

Nel 1616 fu nominato prefetto della Sacra Congregazione dei Riti. Nel conclave del 1621 fu uno dei papabili al soglio di Pietro, ma la Spagna presentò il proprio veto e fu eletto papa Gregorio XV. Escluso dall'elezione, scelse quindi dal 29 marzo di optare per la sede suburbicaria di Porto-Santa Rufina. Divenuto sub-decano del Collegio cardinalizio, partecipò al conclave del 1623 con l'elezione di Urbano VIII, optando in seguito per la sede suburbicaria di Ostia e Velletri dal 27 settembre 1621, allorché divenne Decano del Collegio cardinalizio. Legato a latere per l'apertura della Porta d'oro della Basilica di San Paolo fuori le Mura nell'anno giubilare 1625, divenne uno dei personaggi più influenti della Corte pontificia.

Morte

Morì il 27 agosto 1627 nella sua residenza romana di Palazzo Madama. I suoi funerali ebbero luogo nella vicina Chiesa di San Luigi dei Francesi in Campo Marzio e fu sepolto nella Chiesa di Sant'Urbano alla Caffarella, a Roma.

Genealogia episcopale

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Cardinale diacono di Santa Maria in Domnica Successore: CardinalCoA PioM.svg
Federico Borromeo 9 gennaio 1589-5 aprile 1591 Flaminio Piatti I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Federico Borromeo {{{data}}} Flaminio Piatti
Predecessore: Cardinale presbitero dei Santi Quirico e Giulitta Successore: CardinalCoA PioM.svg
Alessandro Ottaviano de' Medici 5 aprile 1591-14 febbraio 1592 Lucio Sassi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Alessandro Ottaviano de' Medici {{{data}}} Lucio Sassi
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Maria in Ara Coeli Successore: CardinalCoA PioM.svg
Giovanni Battista Castrucci 14 febbraio 1592-24 gennaio 1611 Agostino Galamini, O.P. I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giovanni Battista Castrucci {{{data}}} Agostino Galamini, O.P.
Predecessore: Prefetto della Congregazione del Concilio Successore: Emblem Holy See.svg
Paolo Emilio Zacchia 1º gennaio 1606-1º gennaio 1616 Orazio Lancellotti I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Paolo Emilio Zacchia {{{data}}} Orazio Lancellotti
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Maria in Trastevere Successore: CardinalCoA PioM.svg
Gregorio Petrocchini, O.E.S.A. 24 gennaio 1611-4 giugno 1612 Pietro Aldobrandini I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Gregorio Petrocchini, O.E.S.A. {{{data}}} Pietro Aldobrandini
Predecessore: Prefetto della Congregazione dei Riti Successore: Emblem Holy See.svg
Domenico Pinelli 9 agosto 1611-27 agosto 1626 Giovanni Battista Deti I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Domenico Pinelli {{{data}}} Giovanni Battista Deti
Predecessore: Cardinale presbitero di San Lorenzo in Lucina Successore: CardinalCoA PioM.svg
Benedetto Giustiniani 4 giugno 1612-16 settembre 1615 Francesco Sforza I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Benedetto Giustiniani {{{data}}} Francesco Sforza
Predecessore: Cardinale protopresbitero Successore: CardinalCoA PioM.svg
Benedetto Giustiniani 4 giugno 1612-16 settembre 1615 Francesco Sforza I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Benedetto Giustiniani {{{data}}} Francesco Sforza
Predecessore: Cardinale vescovo di Palestrina Successore: CardinalCoA PioM.svg
Benedetto Giustiniani 16 settembre 1615-29 marzo 1621 Ottavio Bandini I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Benedetto Giustiniani {{{data}}} Ottavio Bandini
Predecessore: Cardinale vescovo di Porto e Santa Rufina Successore: CardinalCoA PioM.svg
Benedetto Giustiniani 29 marzo 1621-27 settembre 1623 Francesco Sforza I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Benedetto Giustiniani {{{data}}} Francesco Sforza
Predecessore: Sottodecano del Collegio Cardinalizio Successore: Pavillon pontifical.png
Benedetto Giustiniani 29 marzo 1621-27 settembre 1623 Francesco Sforza I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Benedetto Giustiniani {{{data}}} Francesco Sforza
Predecessore: Cardinale vescovo di Ostia e Velletri Successore: CardinalCoA PioM.svg
Antonio Maria Sauli 27 settembre 1623-27 agosto 1627 Ottavio Bandini I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Antonio Maria Sauli {{{data}}} Ottavio Bandini
Predecessore: Decano del Collegio Cardinalizio Successore: Pavillon pontifical.png
Antonio Maria Sauli 27 settembre 1623-27 agosto 1627 Ottavio Bandini I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Antonio Maria Sauli {{{data}}} Ottavio Bandini
Predecessore: Governatore di Velletri Successore: Velletri-Stemma it.png
Antonio Maria Sauli 27 settembre 1623-27 agosto 1627 Ottavio Bandini I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Antonio Maria Sauli {{{data}}} Ottavio Bandini
Bibliografia
Collegamenti esterni