Pietro La Fontaine

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Servo di Dio Pietro La Fontaine
Card-7-la-fontaine.jpg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
Servo di Dio

News big 2010112910102537.jpg

{{{didascalia}}}
'
Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte 74 anni
Nascita Viterbo
29 novembre 1860
Morte Paderno del Grappa
9 luglio 1935
Sepoltura
Appartenenza Diocesi di Viterbo
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale Duomo di Viterbo, 22 dicembre 1883 da monsignor Giovanni Battista Paolucci
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo 6 dicembre 1906 da Pio X
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile 23 dicembre 1906 dal cardinale Pietro Respighi
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca 5 marzo 1915
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
4 dicembre 1916 da Benedetto XV (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine Presbiteri Vescovi
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Servo di Dio Pietro La Fontaine (Viterbo, 29 novembre 1860; † Paderno del Grappa, 9 luglio 1935) è stato un cardinale italiano consacrato da papa Benedetto XV e un patriarca di Venezia dal 5 marzo 1915 alla morte.

Biografia

La formazione e il ministero sacerdotale

Nacque a Viterbo secondogenito dei cinque figli di Francesco e Maria Bianchini. Il padre di origine ginevrina, aveva servito lo Stato Pontificio come guardia svizzera. La madre era figlia di Giuseppe nobile di Albano e amministratore generale delle proprietà dei principi Doria Pamphili Landi.

La sua formazione culturale iniziò presso i Fratelli delle Scuole Cristiane, chiamati popolarmente Carissimi e proseguì nel Ginnasio dei Gesuiti.

Nel 1874 entrò nel seminario diocesano e fu ordinato presbitero il 22 dicembre 1883 dal vescovo di Viterbo Giovanni Battista Paolucci; per oltre vent'anni rimase a Viterbo nel locale seminario diocesano come docente e direttore spirituale, divenne canonico capitolare della cattedrale di Viterbo e cappellano del carcere di Santa Maria in Gradi.

Il ministero episcopale

Il 13 settembre 1906 fu consacrato vescovo di Cassano allo Ionio, in Calabria, dal cardinale Pietro Respighi. Il 28 dicembre 1908 un terribile terremoto distrusse le città di Reggio Calabria e Messina con oltre 800.000 morti. Mons. La Fontaine aprì le porte del palazzo vescovile per accogliere 50 piccoli orfani della tragedia che vi rimasero per due mesi, poi la popolazione fece a gara per soccorrere i bambini.

Il 1º aprile 1910 fu nominato vescovo della sede titolare di Caristo, si trasferì a Roma dove fu nominato vicario del cardinale arciprete della basilica lateranense e segretario della congregazione dei Riti, ufficio che lo portò a prendere parte alle riforme volute da Papa Pio X in ambito liturgico, in particolare alla riforma del breviario. Il 5 marzo 1915 Papa Benedetto XV lo promosse patriarca di Venezia e il 4 dicembre 1916 lo nominò cardinale con il titolo di Cardinale presbitero dei Santi Nereo e Achilleo.

Durante la prima guerra mondiale mantenne una condotta riservata, sostenendo gli interventi papali a favore della pace e impegnando la Chiesa veneziana nell'assistenza religiosa e materiale nei confronti della popolazione, soprattutto dopo che la drammatica ritirata dell'Esercito italiano seguita alla sconfitta di Caporetto rese parte del territorio diocesano teatro diretto delle operazioni belliche. Proprio per cercare di ovviare alle gravi difficoltà economiche in cui si venne a trovare il territorio veneziano, il Patriarca nel primo dopoguerra intervenne ripetutamente presso le autorità pubbliche cittadine e i governi per ottenere interventi per il rilancio dell'occupazione, la regolamentazione dei prezzi degli affitti, la costruzione di case popolari e la riduzione delle tasse. Contemporaneamente, sviluppando una peculiare predisposizione all'impegno caritativo, sollecitò le diocesi del Veneto ad aiutare i meno abbienti e a tale fine destinò gran parte delle proprie rendite.

Partecipò al conclave del 1922, dove ottenne numerosi voti come candidato di compromesso, per la stima che godeva e per la sua bontà d'animo e ai grandi sacrifici che si era imposto durante e dopo la Prima Guerra Mondiale per aiutare le persone bisognose. Il 6 febbraio, vista l'impossibilità di uscire dalla situazione di stallo, gli elettori di La Fontaine fecero confluire i propri voti sul cardinale Achille Ratti, che venne eletto Papa e assunse il nome di Pio XI.

Dopo l'avvento del fascismo, nei cui confronti non nascose alcune simpatie, convinto che il regime mussoliniano potesse favorire un'adesione piena al cattolicesimo, il La Fontaine assunse una linea di collaborazione con le pubbliche autorità. Non rinunciò tuttavia a denunciare in via riservata, ma con forza, i maggiori episodi di violenza fascista contro esponenti e sedi dell'associazionismo cattolico veneziano negli anni Venti e si premurò di pubblicare integralmente nel 1931 l'enciclica Non abbiamo bisogno, emanata da Pio XI nel contesto della crisi che investì l'Azione cattolica nell'ambito del contrasto sorto fra la Chiesa e il regime. Assertore della necessità di giungere a una rapida soluzione della questione romana, per la quale si era attivato in diverse occasioni favorendo, tra l'altro, un incontro tra don Luigi Sturzo e il duce nel giugno 1921, accolse con soddisfazione i Patti lateranensi dell'11 febbraio 1929.

Negli ultimi anni di vita il cardinale mostrò un graduale affiorare di crescenti perplessità nei confronti del fascismo, specie per l'indisponibilità da questo manifestata a sostenere quella evoluzione in chiave cattolica della società italiana per la quale, in sintonia con Pio XI e l'episcopato italiano, aveva operato costantemente.

Negli ultimi tempi le sue condizioni fisiche, aggravate dal diabete, peggiorarono rapidamente. Morì nel seminario minore di Fietta di Paderno del Grappa, Treviso il 9 luglio 1935. I solenni funerali si svolsero il 12 luglio nella Basilica di San Marco.

Il 22 febbraio 1960 il patriarca di Venezia card. Giovanni Urbani ne aprì la causa di beatificazione.

Genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Vescovo di Cassano allo Ionio Successore: Stemma vescovo.png
Antonio Maria Bonito 6 dicembre 1906-1º aprile 1910 Giuseppe Rovetta I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Antonio Maria Bonito {{{data}}} Giuseppe Rovetta
Predecessore: Vescovo titolare di Caristo Successore: Stemma vescovo.png
Pacificio Fiorani 1º aprile 1910-5 marzo 1915 Paul-Gaston Laperrine d'Hautpoul I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Pacificio Fiorani {{{data}}} Paul-Gaston Laperrine d'Hautpoul
Predecessore: Segretario della Congregazione dei Riti Successore: Emblem Holy See.svg
Diomede Panici 1º aprile 1910-5 marzo 1915 Alessandro Verde I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Diomede Panici {{{data}}} Alessandro Verde
Predecessore: Patriarca di Venezia Successore: Primatenoncardinal.png
Aristide Cavallari 5 marzo 1915-9 luglio 1935 Adeodato Giovanni Piazza I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Aristide Cavallari {{{data}}} Adeodato Giovanni Piazza
Predecessore: Gran priore per il Veneto dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme Successore: Croix de l Ordre du Saint-Sepulcre.svg
Aristide Cavallari 5 marzo 1915-9 luglio 1935 Adeodato Giovanni Piazza, O.C.D. I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Aristide Cavallari {{{data}}} Adeodato Giovanni Piazza, O.C.D.
Predecessore: Cardinale presbitero dei Santi Nereo e Achilleo Successore: Stemma cardinale.png
Anton Hubert Fischer 7 dicembre 1916-7 marzo 1921 Dennis Joseph Dougherty I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Anton Hubert Fischer {{{data}}} Dennis Joseph Dougherty
Predecessore: Cardinale presbitero dei Santi XII Apostoli Successore: Stemma cardinale.png
José Sebastião d'Almeida Neto 7 marzo 1921-9 luglio 1935 Ignace Gabriel I Tappouni I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
José Sebastião d'Almeida Neto {{{data}}} Ignace Gabriel I Tappouni
Fonti
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.