Santa Beatrice de Silva Meneses

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Santa Beatrice de Silva Meneses, O.I.C.
Monaca
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
Santa

91204AA.JPG

{{{didascalia}}}
{{{motto}}}
Titolo
{{{titolo}}}
Età alla morte 66 anni
Nascita Ceuta
1426
Morte Toledo
9 agosto 1492
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi

Iter verso la canonizzazione

Venerata da
Venerabile il [[]]
Beatificazione 28 luglio 1926, da Pio XI
Canonizzazione 3 ottobre 1976, da Paolo VI
Ricorrenza 17 agosto
Altre ricorrenze 1º settembre in Portogallo
Santuario principale
Attributi Pastorale, giglio, stella sulla fronte
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrona di
Collegamenti esterni
Scheda su santiebeati.it
Virgolette aperte.png
Non pochi secoli prima della proclamazione del dogma e mentre ancora fervevano le dispute teologiche, l'Immacolata Concezione si rivelava forza viva nella storia della salvezza e nella vita della Chiesa, suscitando un Ordine contemplativo che dal niveo fulgore della Tutta Pura traeva ispirazione e slancio per una più generosa consacrazione a Cristo, nel quotidiano sforzo di nulla sottrarre alla dolce sovranità del suo amore [1]
Virgolette chiuse.png
(Brano dall'omelia della canonizzazione di Beatrice da Silva pronunciata il 3 ottobre 1976 da Papa Paolo VI.)
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 17 agosto, n. 9:
« A Toledo nella Castiglia in Spagna, santa Beatrice da Silva Meneses, vergine, che fu dapprima nobildonna della corte regia al seguito della regina Isabella; successivamente, desiderosa di una vita di maggior perfezione, si ritirò per molti anni tra le monache dell'Ordine di San Domenico, fondando infine un nuovo Ordine che intitolò alla Concezione della Beata Maria Vergine. »

Santa Beatrice de Silva Meneses (Ceuta, 1426; † Toledo, 9 agosto 1492) è stata una religiosa portoghese, fondatrice dell'Ordine delle Monache Concezioniste francescane.

Biografia

Beatrice nacque con tutta probabilità nel 1426 a Ceuta, sulle sponde dell'Africa settentrionale, allora sotto il dominio del re di Portogallo, Giovanni di Aviz. Suo padre, Dom Ruy Gomes da Silva, combatté, per la conquista della suddetta città avvenuta nel 1415, con tanto valore che il capitano della piazza, Dom Pedro de Meneses, lo ricompensò dandogli in sposa la propria figlia, Isabella, che era imparentata con le case regali di Spagna e Portogallo[2].

Dalla loro unione nacquero undici figli i quali furono cresciuti ed educati con cura specialmente dalla madre. Oltre a Beatrice si distinse per santità di vita anche il fratello Amedeo, il quale, dopo aver combattuto contro i mori rimato gravemente ferito, si ritirò dal 1442 al 1452 nel convento degli eremiti di san Girolamo a Guadalupe e quindi nel convento di Assisi. Accolto tra i francescani, nel 1456 entrò nel convento di Milano, dove condusse vita eremitica. Amato e ammirato da tutti, venne inviato da Bianca Maria Sforza come legato straordinario presso Papa Pio II per risolvere alcune questioni riguardanti lo stato di Milano e i francescani. Diversi confratelli, animati dal suo esempio di vita austera, si misero sotto la sua direzione e diedero origine a quella riforma che fu detta degli Amedeisti [2].

Nel 1433 il padre di Beatrice si trasferì con tutta la famiglia in Portogallo come governatore della città di Campo Mayor, nel distretto di Portalegre. La santa vi trascorse la sua fanciullezza e parte della giovinezza coltivando una grande devozione alla Vergine Maria e conservandosi casta in mezzo a una nobiltà non sempre di onesti costumi. Quando Isabella, figlia del re Giovanni di Aviz, andò sposa a Giovanni II, vedovo re di Castiglia, volle che Beatrice da Silva, sua parente, figurasse tra le dame della sua corte 1447, essendole molto affezionata per le virtù, l'avvenenza e l'intelligenza che possedeva. Da questo matrimonio nacque Isabella la Cattolica, erede di Castiglia, la quale più tardi andò sposa a Ferdinando, erede di Aragona, dando così origine all'unificazione della Spagna [2].

Alla corte di Tordesillas l'avvenente Beatrice, ormai maggiorenne, trovò più spine che rose. Diversi nobili e cavalieri se ne invaghirono e cercarono in tutti i modi di farla propria sposa suscitando contese e risse. Pare che neppure il re le nascondesse le sue simpatie. La regina ne rimase oltremodo irritata. Accecata dalla gelosia, una notte decise di togliere Beatrice di mezzo facendola rinchiudere in un cassone di legno. Credendosi condannata a morirvi di fame e di sete, la santa si rivolse con una fervente preghiera alla purissima Madre di Dio che fin da bambina aveva imparato ad amare e imitare. Maria Santissima le apparve con il Bambino Gesù in braccio, rivestita di una tunica bianca e di un manto celeste, la consolò e le predisse che avrebbe fondato un Ordine di Monache destinato a venerare la sua purissima concezione. Beatrice, riconoscente a Dio di tale favore, fece allora il voto di perpetua verginità. Dopo tre giorni d'indicibili pene, la santa fu liberata dalla sua prigione. Resasi conto delle passioni che la sua bellezza suscitava intorno a lei decise di abbandonare la corte. Poiché la regina le aveva dato il permesso di trasferirsi dove avesse preferito, si recò a Toledo con due sole persone di servizio per entrare nel monastero di Santo Domingo el Real di cui Caterina zia del re di Castiglia era badessa. Beatrice rimase ospite delle monache domenicane per oltre trent'anni, senza vestirne l'abito con un velo bianco sul volto. Velo che toglieva solamente quando una domestica le acconciava i capelli o la regina Isabella, sposa di Ferdinando, andava a farle visita.

Presso le domenicane la santa trascorse il suo tempo nell'adorazione del Santissimo Sacramento, nell'osservanza delle regole, nel servizio alle malate e nell'aiuto ai poveri. Nel monastero fece edificare, a proprie spese, un chiostro e una sala capitolare in cui fu posto lo stemma dei reali del Portogallo. Oggetto delle sue meditazioni la Passione di Gesù e l'Immacolata Concezione di Maria Santissima, l'arcangelo san Raffaele, sant'Anna, san Giovanni Battista, san Francesco d'Assisi e sant'Antonio di Padova di cui celebrava con trasporto la festa [2].

La tradizione delle Monache Concezioniste riporta che quando giunse il tempo della fondazione, Beatrice da Silva sia stata favorita da un'altra visione della Madre di Dio. Del progetto apostolico da lei concepito parlò alla regina Isabella che quale lo approvò donandole una casa in Toledo chiamata Palacios de Galiana, che aveva annessa la chiesa dedicata a santa Fede, martire della Gallia, sotto l'imperatore Massimiano. Fatti i dovuti restauri, Beatrice da Silva nel 1484 vi si trasferì con la nipote Filippa da Silva e undici giovani per dare origine, sotto la direzione dei Francescani, a un monastero di stretta clausura destinato a onorare il mistero dell'Immacolata Concezione di Maria e a propagarne il culto [2].

Su richiesta della fondatrice e con raccomandazioni della regina Isabella Papa Innocenzo VIII, con la lettera apostolica Inter Universa del 30 aprile 1489 concesse che il monastero fosse costituito sotto il titolo della Concezione della Beata Vergine Maria e ne approvò i principali statuti, l'ufficio e l'abito in tutto simile a quello indossato da Maria Santissima nelle sue apparizioni a Beatrice da Silva. Tuttavia, prima che nel nuovo monastero cominciasse ufficialmente la vita comune conforme alla regola prescelta dell'Ordine dei Cistercensi, la santa fu avvertita in modo soprannaturale che sarebbe morta entro dieci giorni [2].

Colta da malattia, fu assistita da sei Frati Minori i quali le amministrarono i santi sacramenti e le imposero l'abito e il velo delle Concezioniste. Morì probabilmente il 17 agosto del 1492. Si dice che quando sollevò il velo bianco che le copriva la faccia per ricevere la estrema unzione, le sia sfavillata in fronte una stella dal colore dell'oro, stella che rimase fino alla sua morte. Si dice pure che, sul punto di lasciare questa terra, sia apparsa a Guadalajara a fra Giovanni di Tolosa, custode della Provincia di Castiglia, con il viso scoperto, come gli aveva promesso in uno dei tanti colloqui avuti con lui [2].

Il culto

Onorata come beata sin dalla morte, il culto tributatole popolarmente venne approvato da papa Pio XI il 28 luglio 1926: Paolo VI la iscrisse nel catalogo dei santi il 3 ottobre del 1976.

Proclamandola santa nel 1976, papa Paolo VI ricordava ancora:

« Nessuna parola di questa santa è pervenuta a noi nelle sue sillabe testuali, nessuna eco della sua voce; ma la sua opera è viva nella nuova e tuttora fiorentissima famiglia religiosa da lei fondata. »
Note
  1. Omelia sito della Santa Sede
  2. 2,0 2,1 2,2 2,3 2,4 2,5 2,6 Guido Pettinati, I Santi canonizzati del giorno, Edizioni Segno, Udine, Vol. VIII, 1991, p. 178-182.
Bibliografia
  • B. Pandžić, Beatrice de Silva, in Dizionario degli istituti di perfezione, vol. I, Milano, Paoline 1974, coll. 1155-1156.
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.